L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Educazione siberiana – Gabriele Salvatores e Nicolai Lilin parlano delle scenografie [VIDEO]

Di Valentina Torlaschi

Educazione siberiana John Malkovich foto dal film 1

“Sebbene sia ambientato ai giorni nostri, Educazione Siberiana è un film in costume in cui abbiamo dovuto ricostruire un mondo. Nulla di ciò che compare sullo schermo è vero, ma lo abbiamo dovuto costruire, dai pacchetti di sigaretti alle macchine ai vestiti”. Più o meno così ci racconta il regista Gabriele Salvatores in questo video di backstage che vi proponiamo sotto e che, grazie anche alle dichiarazioni dello scrittore Nicolai Lilin, ci permette di addentrarci nel grande lavoro fatto sulle scenografie.

Adattamento per il grande schermo del controverso e acclamato romanzo del già citato Nicolai Lilin, Educazione Siberiana racconta della formazione criminale di un ragazzo di nome Kolima in quell’angolo sperduto della Russia occidentale che si chiama Transnistria (l’attuale Moldavia). Ambientato a cavallo degli anni ’90, la pellicola segue le avventure del ragazzo e dei suoi compagni tra risse, accoltellamenti, ubriacature e bagni al fiume, ma soprattutto porta lo spettatore a conoscere la comunità dove vive ilgiovane: quella dei “criminali onesti“. Ossia una famiglia allargata di fuorilegge che ha un’etica e dei rituali ben precisi: si venerano le armi, i tatuaggi, si rispettano i disabili e gli anziani ma si disprezzano invece (con eventuale licenza di uccidere) i poliziotti, i comunisti, gli arricchiti.

Ecco la clip di backstage che, tra immagini sul dietro le quinte, interviste e bozzetti, ci mostra il lavoro sulle scenografie:

Storia di amicizia e criminalità, Educazione Siberiana è il primo film internazionale di Gabriele Salvatores (regista, tra gli altri, di Come Dio comandaIo non ho paura, Quo vadis, baby? nonché Premio Oscar con Mediterrenao nel 1992): una pellicola non girata nella nostra lingua, con un budget importante e con un gruppo di attori tutti nuovi per il regista, in primis l’immenso John Malkovic (unica star del cast composto da giovani attori lituani). Il set delle riprese si è poi tenuto in gran parte in Lituania, in condizioni atmosferiche spesso proibitive.

Lo script è firmato da due degli sceneggiatori più importanti del cinema italiano: Stefano Rulli e Sandro PetragliaEducazione Siberiana uscirà nelle nostre sale il prossimo 28 febbraio 2013 distribuito da 01 Distribution. Qui potete leggere un approfondimento sul libro mentre qui trovate la pagina Facebook ufficiale e qui l’account Twitter.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Terminator: Production I.G realizzerà una serie animata per Netflix 26 Febbraio 2021 - 22:35

Il CEO di Production I.G rivela di aver chiesto consiglio a Mamoru Oshii. Il progetto è ancora nelle primissime fasi di sviluppo.

George Clooney e Julia Roberts di nuovo insieme in Ticket to Paradise 26 Febbraio 2021 - 20:45

Le due star interpreteranno una coppia divorziata in viaggio verso Bali per impedire alla figlia di commettere il loro stesso errore

Wandavision: La spiegazione della scena dopo i titoli di coda dell’episodio 8 26 Febbraio 2021 - 20:05

Anche nell'episodio 8 di WandaVision è presente una scena dopo i titoli di coda: ecco i possibili significati nascosti che potrebbe contenere!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.