L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

American Horror Story Asylum, il commento a Split Milk

Di emanuele.r

Attenzione: l’articolo contiene spoiler.

Si avvicina al finale la 2^ stagione di American Horror Story, Asylum, che con l’11° episodio dal titolo Split Milk sembra chiudere molte delle storyline quasi fosse il finale vero e proprio. Ma la bella notizia è che a 2 puntate dalla conclusione, almeno questo episodio trova la coerenza che a questa miniserie pare mancare.

Cuore dell’episodio è Lana e il suo rapporto ambiguo e inquietante con Thredson che arriva a una svolta che si collega anche con il figlio Johnny, tanto nel passato che nel presente. Intanto Kit e Grace si ricongiungono grazie al figlio da poco partorito dalla ragazza.

Scritto da uno dei creatori Brad Falchuk e diretto da Alfonso Gomez-Rejòn, Split Milk si concentra tutto, come dice il titolo, sul latte materno e sulla maternità come dono divino ma anche come abisso di dolore e costruisce l’intero episodio su questa iconografia, dando all’episodio un forte nucleo su cui basarsi.

Aperto da Johnny che ingaggia una prostituta che ha partorito da poco per bere il suo latte materno, l’episodio è attraversato dall’ossessione femminile per eccellenza e dal suo simbolo più conturbante per andare a fondo della personalità dei Thredson e per legarsi finalmente al senso della serie, connettendosi in un certo senso al primo episodio: continuando i parallelismi con Rosemary’s Baby, Murphy e Falchuk continuano a usare i luoghi dell’orrore per raccontare anche la vita, l’inizio di tutto come inizio stesso della paura, come l’atto di vita per eccellenza come inquietante primo atto di morte.

La sceneggiatura lega così Lana, che grazie a Jude riesce a fuggire e a incastrare Oliver – o meglio a farlo fuori -, e Grace, che con l’aiuto di Kit (scagionato dopo le scoperte su Thredson), cerca la riabilitazione, finché, giunti a casa di Kit non trovano la moglie che credevamo morta con il loro neonato. Maternità innaturali, abiette e meravigliose allo stesso tempo, che possono far sprofondare l’essere umano o farlo risorgere: non a caso, il filo rosso di questo episodio è proprio sorella Jude, ora pazienta, anche lei vittima dei drammi della maternità mal gestita. Uno degli episodi migliori, per completezza e compattezza, che preferisce l’approfondimento allo shock; e anche se c’è un velo d’ipocrisia nel modo in cui tira il sasso e nasconde la mano nel trattare alcuni tabù sessuali, American Horror Story sembra aver trovato finalmente la sua via. Ora resta da capire come chiuderanno i prossimi due episodi (qui sotto il promo del 12°) e se gli elementi lasciati come il futuro di Johnny e Jude fatta credere morta per non testimoniare contro monsignore, saranno ben sfruttati; anche perché, i buchi che la stagione lascerà sulla scia ormai sono irreparabili, accontentiamoci di un finale all’altezza.

Dite la vostra su American Horror Story Asylum e restate su Screenweek.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il film di Breaking Bad è già stato girato, parola di Saul Goodman 22 Agosto 2019 - 21:30

Bob Odenkirk ha rivelato che le riprese del film Netflix si sono concluse in gran segreto

Paul Rudd e… Paul Rudd nelle prime immagini di Living With Yourself, la nuova serie Netflix 22 Agosto 2019 - 21:15

Paul Rudd è il (doppio) protagonista di Living With Yourself, una nuova serie comedy targata Netflix creata da Timothy Greenberg. Ecco le prime immagini.

Homecoming – Trovato il regista della seconda stagione 22 Agosto 2019 - 20:30

La seconda stagione della serie Amazon Homecoming ha trovato il suo regista. Si tratta di Kyle Patrick Alvarez, regista di The Standford Prison Experiment e di alcuni episodi della serie Netflix Tredici.

Yado – Red Sonja (FantaDoc) 22 Agosto 2019 - 14:49

La storia di Yado (Red Sonja) con Brigitte Nielsen e Arnold Schwarzenegger: come una certa modella danese si è ritrovata a portare sulle spalle l'eredità di Conan il barbaro. Morendo di freddo in Abruzzo.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Kronos, sfida al passato 21 Agosto 2019 - 16:20

La storia della serie TV Kronos - Sfida al passato (The Time Tunnel) e dei suoi viaggi nel tempo all'insegna del riciclo totale e delle sfighe cosmiche. Con un pizzico di John Williams.

7 cose che forse non sapevate su Nino il mio amico ninja 20 Agosto 2019 - 14:38

Dall'inquietante versione live action al remake e al treno dedicato, sette curiosità su Nino il mio amico ninja.