L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2012 – Wrong, la recensione

Di Filippo Magnifico

Wrong Jack Plotnick Foto Dal Film 01

Wrong, presentato nella sezione rapporto confidenziale dell’edizione 2012 del Torino Film Festival, è il quarto film diretto da Quentin Dupieux, meglio conosciuto come Mr. Oizo e autore di una famosa canzone, Flat Beat, che verso la fine degli anni ’90 è diventata un vero e proprio tormentone, grazie anche alla campagna pubblicitaria di un noto marchio di jeans.

Chi ha visto Rubber, il suo precedente lungometraggio, sa bene quanto il mondo del nonsense sia particolarmente caro a questo regista, una cosa messa in evidenza anche in questo caso, ma con risultati decisamente migliori.

All’interno di Wrong, come sottolinea il titolo stesso, gran parte delle dinamiche sono sbagliate. Il protagonista, interpretato da Jack Plotnick, si sveglia ogni giorno alle 7:60, lavora (nonostante sia stato licenziato da tre mesi) in un ufficio dove piove in continuazione, scopre che la palma del suo giardino si è magicamente trasformata in un pino e via dicendo. Una serie di situazioni assurde che si rincorrono numerose e che sembrano provenire direttamente dalla tanto cara commedia demenziale americana, che ha avuto il suo periodo migliore tra gli anni ’80 e ’90.

Le risate sono molte, anche se il film non ha un’identità ben chiara e in certi momenti sembra puntare ad una profondità che, francamente, non gli si addice. Ma l’essere profondo nei momenti meno opportuni è pur sempre una caratteristica di Quentin Dupieux. Il suo egocentrismo, misto a quella che si potrebbe benissimo definire presunzione, si nota però decisamente di meno in questo caso.

Se in Rubber, infatti, una riflessione semiologica (all’acqua di rose) sull’essenza del cinema nella sua totalità finiva per divorarsi l’intero film, qui sono i dettagli a dominare all’interno una storia che, fondamentalmente, non vuole dire niente. Anche Wrong è pieno zeppo di quella componente di “no reason” su cui rifletteva il precedente lungometraggio, ma è così tanta che il tempo per le divagazioni pseudo filosofiche è veramente poco.

Una cosa utile sia al pubblico che allo stesso Mr. Oizo, che si è divertito moltissimo – e si vede – nel creare una fusione tra il cinema di David Lynch e quello di David Zucker, con risultati eccellenti.

NOTA: La proiezione del film è stata preceduta dal cortometraggio stop-motion Bobby Yeah, diretto da Robert Morgan. Un folle viaggio all’interno di quelle ossessioni tipiche del cinema di David Lynch e David Cronenberg, con una spruzzata del primo Tim Burton. Un’esperienza visiva irriverente e in grado di suscitare molta simpatia.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Snake Eyes – Una prima occhiata ai personaggi grazie alle action figure 13 Aprile 2021 - 13:15

Le action figure di Snake Eyes ci permettono di dare una prima occhiata a Storm Shadow, Baronessa, Scarlett, Akiko e all'eponimo protagonista.

What If…? La serie Marvel su Disney+ la prossima estate? 13 Aprile 2021 - 12:15

La serie Marvel What If…? arriverà su Disney+ la prossima estate? Secondo quanto rivelato da Hayley Atwell sì...

Starlight: Joe Cornish dirigerà l’adattamento del fumetto di Mark Millar 13 Aprile 2021 - 11:15

Il regista di Attack the Block racconterà la storia di Duke McQueen, un vecchio eroe in partenza per l'ultima grande avventura nel cosmo

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.