Warning: getimagesize(http://static.screenweek.it/2012/12/2/chained-vincent-donofrio-eamon-farren-foto-dal-film-01_mid.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Torino 2012 – Chained, la recensione

Torino 2012 – Chained, la recensione

Di Filippo Magnifico

Chained Vincent D'Onofrio Eamon Farren Foto Dal Film 01

È incredibile come nel corso della sua carriera Jennifer Lynch (figlia del ben più noto David) sia riuscita a realizzare pellicole che, sulla carta avevano tutte le carte in regola per rivelarsi dei piccoli cult movie. Prendiamo ad esempio Boxing Helena, una storia che si basa sull’ossessione, su quell’amore irrazionale che può spingere a compiere azioni sconclusionate e decisamente estreme. Chi ha visto il film sa bene però quanto questa componente sia assente. Si tratta di infatti di un’opera che ha fatto del ridicolo involontario il suo leitmotiv, garantendo alla Lynch una cattiva fama che ancora oggi l’accompagna.

Chained, presentato nella sezione “Rapporto Confindenziale” dell’edizione 2012 del Torino Film Festival, non è certamente da meno, anche se, bisogna dirlo, i progressi si notano. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad una storia disturbante, che vede tra i protagonisti un serial killer tassista (Vincent D’Onofrio). Bob, questo il suo nome, carica le sue vittime (tutte donne) sul suo taxi, le porta nella sua casa sperduta chissà dove e le uccide per poi seppellirle nel suo scantinato. Un “bel” giorno durante questa routine sanguinaria Bob si ritrova con il figlio piccolo di una delle sue vittime a carico. Senza perdersi d’animo decide di “adottarlo” e di farlo vivere con lui, legato ad una catena che gli permette di muoversi solo ed esclusivamente all’interno di quell’abitazione, usandolo come tuttofare.

Una storia forte, che regge per gran parte della sua durata proprio a causa di quella perversione insita al suo interno. Il film gioca molto sul rapporto tra i due, mostrandoci l’evoluzione di una sorta di Sindrome di Stoccolma che, per forza di cose, scatta nella mente del povero ragazzino sequestrato (interpretato in età adulta da Eamon Farren) e costretto a convivere con un uomo disturbato per molti anni, diventando suo complice involontario.

La trama presenta più di una forzatura. Su alcune si può facilmente sorvolare, ma su altre si fa decisamente più fatica e sono tutte comprese nell’ultima mezzora del film. L’apice del fastidio ci viene però offerto dal finale, che presenta un colpo di scena decisamente inaspettato ma non per questo efficace. Ci sono casi in cui una pellicola riesce a recuperare a gran parte delle sue pecche piazzando la cosiddetta “conclusione ad effetto”. Chained, invece, fa esattamente l’opposto: arranca egregiamente durante il suo sviluppo e crolla, trascinando ogni cosa con sé, negli ultimi minuti, lasciando lo spettatore con un grosso interrogativo: “Perché?”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Thor: Love and Thunder – Lunedì il nuovo trailer! 21 Maggio 2022 - 20:41

È già pronto un nuovo trailer di Thor: Love and Thunder e a quanto pare verrà lanciato lunedì prossimo.

Bad Boys: il nuovo capitolo della saga con Will Smith ancora in sviluppo 21 Maggio 2022 - 19:00

Bad Boys 4 con Will Smith è ancora in fase di sviluppo. Lo ha confermato il CEO della Sony Pictires, Tom Rothman.

La fantastica signora Maisel: Milo Ventimiglia tornerà nella quinta (e ultima) stagione 21 Maggio 2022 - 18:00

Nella quinta e ultima stagione de La fantastica signora Maisel tornerà Milo Ventimiglia, come confermato da Amy Sherman-Palladino e Daniel Palladino.

Love, Death & Robots, stagione 3: la recensione (senza spoiler) 21 Maggio 2022 - 9:28

Un terzo giro decisamente più riuscito del secondo: robot, ancora una volta, pochi, morte tanta, amore quel che basta.

She-Hulk, il trailer spiegato a mia nonna 18 Maggio 2022 - 8:43

Finalmente la She-Hulk di Tatiana Maslany in azione e... ma chi sono tutti quei tizi?

Bang Bang Baby, episodi 6-10: una chiusura col botto (no spoiler) 16 Maggio 2022 - 14:45

Sì, anche il secondo blocco di episodi di Bang Bang Baby, la serie di Prime Video, merita assolutamente la visione.