L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Grey – Conosciamo meglio il protagonista Liam Neeson

Di Filippo Magnifico

The Grey Liam Neeson foto dal film 14

Proseguiamo il viaggio che ci accompagnerà fino all’uscita di The Grey, l’action thriller diretto da Joe Carnahan (A-Team, Smokin’ Aces), che farà il suo ingresso nelle sale italiane il 5 dicembre 2012. Durante questo percorso vi presenteremo il cast di questo pellicola, che si preannuncia come particolarmente adrenalinica. Oggi è il turno del protagonista Liam Neeson, che interpreta Ottway, un uomo che guida un gruppo di uomini che lavorano in una raffineria che, mentre stanno tornando a casa in aereo, precipitano nella selvaggia Alaska. Affrontando ferite mortali e condizioni climatiche impossibili, i sopravvissuti avranno solo poco tempo per sfuggire al gelo e a un pericoloso branco di lupi selvatici che dà loro la caccia, prima che sia troppo tardi.

Liam Neeson è diventato uno degli attori più importanti nel panorama cinematografico internazionale. Sia che si consideri la sua nomination all’Oscar per il ruolo di Oskar Schindler nel film più apprezzato di Steven Spielberg Schindler’s List (1993), o la sua interpretazione del leggendario eroe repubblicano irlandese in Micheal Collins (1996), o nel ruolo del controverso terapista sessuale Alfred Kinsey nel tanto criticato film Kinsey (2004), Neeson continua ad interpretare ruoli dei quali solo pochi attori sono all’altezza.

Lo scorso anno Neeson ha fatto un’apparizione nel film After Life nel ruolo dell’antagonista di Christina Ricci. Il film parla di una giovane donna in bilico tra la vita e la morte e di un proprietario di un’agenzia di pompe funebri che sembra avere il dono di aiutare le persone nel loro passaggio dalla vita alla morte. Inoltre l’attore ha fatto anche parte del cast del film remake della popolare serie televisiva The A-Team insieme a Bradley Cooper e Jessica Biel. Ha fatto un cameo nel film The Next Three Days diretto da Paul Haggis ed è stato la voce di Aslan il Leone in Le Cronache Di Narnia: Il Viaggio Del Veliero.

Il 2009 ha visto il debutto del film prodotto dalla BBC Five Minutes Of Heaven che ha ricevuto ottime recensioni al Sundance Film Festival 2009.
Nel 2008 Neeson è stato il protagonista di Taken, pellicola che ha raggiunto il primo posto al box-office, in cui interpreta un ex soldato che cerca di rintracciare i capi di un’organizzazione albanese che ha rapito sua figlia.
Sempre nel 2008 Neeson ha recitato ancora una volta con Laura Linney nel film The Other Man diretto da Richard Eyre. Nel mese di maggio del 2008 è apparso nel film Disney campione di incassi Le Cronache Di Narnia: Il Principe Caspian dove ha doppiato la voce di Alsan il Leone, nel sequel del film Le Cronache Di Narnia: Il Leone, La Strega E L’armadio. Sempre nello stesso anno è tornato sul palco al Lincoln Center Festival in Gate/Beckett: Eh Joe, diretto da Atom Egoyan.

Nel 2006 Neeson ha recitato nel classico dramma di vendetta Caccia Spietata, in cui ha interpretato l’antagonista di Pierce Brosnan. Nel 2005 è apparso nel film epico Le Crociate di Ridley Scott. Inoltre, nello stesso anno, è stato il co-protagonista in Batman Begins diretto da Christopher Nolan.
L’interpretazione di Alfred Kinsey nel film Kinsey di Bill Condon gli è valso la vittoria del premio come miglior attore dalla Los Angeles Film Critics Association. Prima di questo Neeson ha recitato accanto a Hugh Grant, Emma Thompson e Keira Knightly nel film della Working Title Love Actually (2003), scritto e diretto da Richard Curtis.
Nel 2002 Neeson è tornato a Broadway dove, accanto all’amica Laura Linney, ha interpretato il classico di Arthur Miller The Crucible. La performance di Neeson nei panni di John Proctor ha valso a lui e a Linney la nomination al Tony Award.

Nel 2001 ha recitato il ruolo dell’antagonista di Harrison Ford nel film K-19: The Windowmaker, la vera storia della tragedia del sottomarino nucleare russo; l’attore ha anche interpretato il rivale di Sandra Bullock nella black comedy Gun Shy – Un Revolver In Analisi (2000).
Neeson è stato uno dei protagonisti del film fenomeno al box-office STAR WARS: EPISODIO 1 – La Minaccia Del Fantasma (1999), nel ruolo di Qui-Gon Jinn, il maestro Jedi che trasmette la Forza della sua saggezza ad Obi-Wan Kenobi e al giovane Anakin Skywalker. Nello stesso anno ha interpretato il rivale di Catherine Zeta-Jones in Haunting – Presenze (1999), con la regia di Jan De Bont.

Inoltre nel 1998 ha portato sullo schermo l’adattamento cinematografico de I Miserabili di Victor Hugo, nel ruolo di Jean Valjean, accanto a Geoffrey Rush, Uma Thurman e Claire Danes. In quello stesso anno, Neeson ha interpretato Oscar Wilde nella nuova pièce di David Hare, The Judas Kiss, che ha debuttato nel West End di Londra ed è poi approdato a Broadway.

The Grey Liam Neeson foto dal film 3

Neeson è stato il protagonista principale nel film di Neil Jordan Micheal Collins (1996) per il quale ha ricevuto il premio come miglior attore alla Mostra del Cinema di Venezia, una nomination al Golden Globe come miglior attore ed il prestigioso premio londinese Evening Standard Award sempre come miglior attore. Il film ha inoltre ricevuto il più alto riconoscimento a Venezia con il Leone d’Oro.
Era il 1993 quando si è guadagnato l’attenzione del pubblico in tutto il mondo per la sua interpretazione nel film vincitore dell’Academy Award Schindler’s List. Oltre ad aver guadagnato una nomination come miglior attore all’Academy Award, è stato anche nominato per il Golden Globe e il BAFTA Award.

L’attore, di origine irlandese, aveva iniziato la sua carriera come insegnante dopo aver frequentato la Queens University a Belfast, specializzandosi alla facoltà di fisica, informatica e matematica. Neeson abbandona l’insegnamento e nel 1976 si unisce al prestigioso Lyric Players Theatre a Belfast (“La miglior gavetta che un attore possa fare”), facendo il suo debutto nella recitazione in The Risen People di Joseph Plunkett. Dopo due anni con il Lyric Players, l’attore si unisce alla compagnia del famoso National Theatre of Ireland, l’Abbey Theatre a Dublino. Neeson ha recitato nella produzione dell’Abbey Theatre Festival in Translations di Brian Friel e nella produzione di Sean O’Casey The Plough of Stars per il Royal Exchange Theatre a Manchester, Inghilterra, dove ha ricevuto il premio come migliore attore.

Nel 1980 John Boorman lo nota mentre interpreta Lennie in Of Mice and Men di John Steinbeck e lo sceglie per il cast della saga della leggenda di re Artù, Excalibur. In seguito a questo debutto sul grande schermo, Neeson è apparso in più di 40 film, interpretando un’ampia gamma di ruoli. Tra questi il remake del film Il Bounty di Dino De Laurentis, diretto da Roger Donaldson, accanto a Mel Gibson e Anthony Hopkins; Lamb (1986) per il quale riceve una nomination all’Evening Standard Drama Award per la sua interpretazione di un prete tormentato dai dubbi sul suo destino; Duet For One (1986) di Andrei Konchalovsky, accanto a Julie Andrew; Una Preghiera Per Morire (1987), nei panni di un terrorista politico, con Mickey Rourke e Bob Hoskins; Mission (1986) di Roland Joffe, in cui veste i panni di un padre gesuita, con Robert De Niro e Jeremy Irons.

Neeson ha ricevuto plausi per la sua interpretazione dell’antagonista di Cher, nei panni di un soldato sordo muto, veterano della guerra del Vietnam nel film drammatico Suspect – Presunto Colpevole (1987) di Peter Yates; del passionario scultore irlandese rivale di Diane Keaton in Diritto D’amare (1988); dello scienziato Peyton Westlake che a causa di un incidente rimane sfigurato ed è costretto a nascondersi nel fantasy-thriller Darkman (1990) di Sam Raimi.

In seguito Neeson ha recitato nel dramma contemporaneo Crossing The Line di David Leland, basato sul romanzo di William McIvanney, The Big Man, che parla di un minatore scozzese rimasto senza lavoro che, per sbarcare il lunario, decide di introdursi nel circuito dei combattimenti a mani nude.
Nel 1992 ha interpretato un ingegnere nazista, antagonista di Micheal Douglas, in Vite Sospese, adattamento cinematografico del romanzo best-seller di Susan Isaac, diretto da David Seltzer, ed un politico caduto in disgrazia, accusato di omicidio nel thriller erotico Innocenza Colposa.
Neeson ha proseguito la sua carriera comparendo in una serie di film, in particolar modo interpretando un sensibile storico dell’arte che si contende con Judy Davis le attenzioni di Mia Farrow nel controverso film di Woody Allen Mariti E Mogli (1992).

Altri crediti cinematografici includono Ethan Frome (1993) con Joan Allen; Nell (1994) di Micheal Apted, con Jodie Foster e Natasha Richardson; Prima e Dopo (1996) con Meryl Streep; Rob Roy (1995), di Micheal Canton-Jones, nel ruolo di protagonista accanto a Jessica Lange.

Neeson ha fatto il suo debutto a Broadway nel 1993 ricevendo una nomination al Tony Award nel revival del dramma di Eugene O’Neil del 1921 Anna Christie, messo in scena dal Roundabout Theatre, dove ha condiviso il palcoscenico con Natasha Richardson.

A proposito di The Grey ha detto:

“The Grey ha fatto scattare qualcosa di primordiale dentro di me. Quando ho letto lo script avevo 57 anni e il ragazzino dentro di me ha pensato che potesse essere una buona idea accettare un ruolo così impegnativo. Volevo che il pubblico dicesse ‘Wow, come diavolo ha fatto a farlo?’ Allo stesso tempo pensavo, ‘Accidenti, ce la farò, fisicamente parlando?’”

Nel cast di The Grey troviamo anche Dermot Mulroney (J. Edgar, Burn after reading – A prova di spia), Dallas Roberts (Quando l’amore brucia l’anima) e Frank Grillo (End of Watch). Questa la trama:

L’aereo su cui viaggia un gruppo di lavoratori di un oleodotto precipita in una zona sperduta dell’Alaska. I pochi sopravvissuti, tra i quali il protagonista Ottway, si ritrovano a dover lottare non solo contro la rigidità del clima e un ambiente a loro ostile, ma soprattutto contro un branco di famelici lupi. Le forze e le risorse a loro disposizione si esauriscono in fretta e i superstiti, con a capo Ottway, decidono di abbandonare il luogo dello schianto per cercare di salvare le loro vite, intraprendendo un viaggio attraverso l’infinita distesa di neve e ghiaccio dell’estremo nord che si rivelerà una frenetica lotta contro il tempo, la natura selvaggia, braccati dai più spietati abitanti di quelle terre desolate.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Falcon and the Winter Soldier: Wyatt Russell ha confermato il ritorno di Chris Evans? 14 Aprile 2021 - 20:45

Sappiamo che il quinto episodio di The Falcon and the Winter Soldier sarà particolarmente intenso e sappiamo anche che ci sarà una special guest. Si tratta di Chris Evans?

Explore Madripoor: Guida a tutte le easter egg del sito ARG su The Falcon and the Winter Soldier 14 Aprile 2021 - 20:00

Il sito Explore Madripoor, apparso nel web dopo gli ultimi episodi di The Falcon and the Winter Soldier, nasconde moltissime easter egg sullo show: ecco una guida per non perdere nessun contenuto!

Top Gun: Maverick, Tom Cruise avrebbe spinto per il rinvio del film 14 Aprile 2021 - 19:44

La star vorrebbe organizzare un tour promozionale prima dell'uscita, cosa che adesso sarebbe stata impossibile

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.