Condividi su

13 dicembre 2012 • 19:48 • Scritto da Marlen Vazzoler

Pacific Rim – Guillermo del Toro spiega le differenze con Neon Genesis Evangelion! [Update]

In Q&A tenutosi al Butt-Numb-A-Thon, Guillermo del Toro ha parlato del casting di Pacific Rim, del ruolo interpretato da Ron Perlman ed ha spiegato perché il film non si basa minimamente su Neon Genesis Evangelion, come qualcuno sostiene...
Post Image
3

Ogni anno in occasione del compleanno di Harry Knowles di AICN, viene tenuta una maratona di 24 ore a base di film, trailer, anteprime e Q&A, arrivata ormai alla sua quattordicesima edizione. Quest’anno uno degli ospiti è stato Guillermo del Toro che ha presentato il trailer di Pacific Rim, che potete vedere qui in italiano, ed ha tenuto un piccolo Q&A sul film.

Guillermo del Toro ci tiene a precisare che con Pacific Rim ha voluto fare un film ‘Realizzato dai fan, ma che non deve essere confuso con un fan film’.

“Volevo fare una pellicola in cui ti siedi e non sai niente”.

In molti hanno paragonato Pacific Rim a Neon Genesis Evangelion, e chi ha seguito l’anime o gli ultimi film d’animazione che stanno riscrivendo la storia degli Eva, non può fare a meno di domandarsi, dove vedono tutti questi paragoni con la serie di Hideaki Anno. Esempi migliori potrebbero essere i robottoni giganti di Go Nagai.

“Più vedete il film, più vi rendete conto che è completamente diverso [da Neon Genesis Evangelion]. L’idea, le argomentazioni, la storia è completamente diversa. Quello che volevo fare era un film sulla seconda guerra mondiale, un film avventuroso come quello di Alexander Korda, ricco di romanticismo e colore… un po’ intimidatorio”.

Ha spiegato il regista, a chi gli chiede se si sia ispirato a Evangelion per realizzare Pacific Rim.
Il look dei Jaegers, i robot giganti di Del Toro, è

“Rugginoso, spropositato, emozionale, romantico… Amo una tecnologia che ha attraversato molte battaglie, molto danneggiata, e così è davvero romantica e bellissima”.

Una tecnologia ben lontana dal mecha design degli Eva. I Jaegers sembrano invece un incrocio tra i robottoni degli anni settanta, pensiamo a Mazinga, Super Robot 28 e Big O, con una versione ‘moderna’ dello steam punk, sprovvisto di vapore ma con i circuiti elettrici. Anche il sistema di comando del robot, è ben lontano dalle usuali cabine di pilotaggio dove i piloti muovono i loro robot a suon di leve e pulsanti, o tramite dei collegamenti neurali. Insomma Del Toro è riuscito a creare qualcosa che fosse al contempo famigliare, ma diverso dai mecha design a cui siamo abituati.
Durante il Q&A, Del Toro ha parlato dato qualche informazioni sul ruolo di Ron Perlman.

“È un occidentale, che commercia gli organi dei Kaiju nel mercato nero asiatico. Vende polvere di Kaiju per curare i problemi erettili”.

Pacific Rim uscirà nelle sale italiane l’11 luglio 2013, anche in 3D. Potete rimanere aggiornati sul film cliccando sulla Pagina Facebook italiana della pellicola.

Update
Con l’uscita del trailer commentary di Pacific Rim, realizzato da Guillermo del Toro, possiamo approfondire la differenza tra il collegamento neurale che esiste tra i piloti e i Jaeger e quello presente tra i piloti e le unità Eva.

Dal punto 2.18, il regista spiega che le tute dei due piloti di Pacific Rim sono collegate tramite la chiusura spinale che si vede nel trailer. Gli elmetti trasmettono fra di loro degli impulsi neurali, in questo modo i due piloti si muovono in sincronia, e ognuno comanda il network neurale di un lato dello jaeger, quello destro o quello sinistro.
Dunque i due piloti si trovano connessi, nel mezzo dei due network neurali, a cui sono collegati tramite dei cavi. Ma nonostante il collegamento neurale, è necessario che i piloti usino le loro braccia e gambe, per muovere il jaeger.
Se pensiamo al Tagliaerbe di Brett Leonard, il set-up che usava Jeff Fahey per collegarsi alla realtà virtuale, aveva un che di simile, anche se molto più semplice.
Passiamo ora a Neon Genesis Evangelion. Innanzitutto le Unità EVA non sono dei veri e propri mecha, ma delle entità organiche create tramite degli esperimenti sui primi due angeli, Lilith e Adam. I piloti, ovvero i Children (dei quattordicenni, ndr.), si collegano telepaticamente agli EVA tramite il liquido L.C.L. (Link Connect Liquid), comparato al liquido amniotico, che rifornisce di ossigeno i piloti e li protegge dagli attacchi subiti dall’unità, dato che l’interfaccia neurale è bidirezionale. Infatti i piloti sentono il dolore degli EVA causato dagli attacchi degli Angeli, mentre per i Jaeger non è ancora chiaro se l’interfaccia è unidirezionale o bidirezionale.
Ma in questo caso ogni unità ha solamente un pilota e non ci sono cavi che lo collegano al robot.
Quindi si, i Jaeger e gli EVA hanno in comune il fatto che sono collegati ai loro piloti attraverso un’interfaccia neurale, ma nulla di più. Per il resto non potrebbero essere più diversi. Ricordiamo ad esempio che quando Shinji Hikari, il pilota dello 01, ha raggiunto un tasso di sincronia del 400% con la sua unità, si è dissolto nel LCL.

Fonte AICN

Condividi su

3 commenti a “Pacific Rim – Guillermo del Toro spiega le differenze con Neon Genesis Evangelion! [Update]

  1. Buon articolo, che spiega le differenze tra Evangelion e Pacific Rim. Certo, comunque di analogie nella trama se ne possono contare, ma più che altro ,a mio parere, vanno ricondotte ad altri prodotti, antecedenti ad Evangelion (che certamente non è “originale” sotto questo aspetto, dopotutto Hideaki Anno si è ispirato a serie precedenti mecha come Ideon per il mecha design ed in generale per la trama di base, che in effetti è una campionatura di opere pre-esistenti, e di situazioni già viste in passato in altri anime come Yamato).

  2. @JaevEva il problema è che quando è uscio qs pezzo, erano uscite pochissime informazioni. Comunque penso che sarai contento di sapere che qs fine settimana intervisterò Sadamoto

  3. Ho visto stasera il film in anteprima grazie ad un’iniziativa di una famosa catena di cinema, per i suoi clienti più affezionati:
    molto molto godibile, ma credo che alla luce della visione del film, le difese di Guillermo del Toro paiono più tentativi palesi di evitare accuse di plagio, perché è obbligato a farle:

    In effetti, eviterò di citarvele perché non voglio fare spoiler (ma se volete lo faccio, non conosco le regole del sito! ), ma tutti i riferimenti di Eva ci sono veramente e molto più palesi di quel che si pensi. E’ vero, qualcosa è stato cambiato, proprio per non incorrere nelle ire di chi detiene i diritti del film, ma basti pensare al vostro LCL: beh, in Pacific Rim, pure quello esiste. ovviamente è una citazione di pochi secondi (due secondi soltanto), dove si vede che è drenato dal casco del pilota al momento della sua connessione al sistema, ed ha funzione preparatoria della tuta (non interagisce con il pilota),… ma c’è. I riferimenti invece si fanno molto più stretti ed inerenti alla storia in molti altri punti.

    Citandovi ovviamente solo il riferimento in EVA e non in pacific Rim,… vi invito appunto a trovare il corrispondente per:

    – 1) La sincronia tra pilota ed EVA01, posto che EVA ( si sa) è un sunto del DNA degli Angeli e del DNA della madre di Shinji Ikari (quindi sua parente).
    – 2) altro facile facile: Gendo Ikari, sotto “mentite” (ma oramai credo note a tutti) spoglie.
    – 3) C’è un tentativo di “Non-EVA” in NGE, fatto se non erro dai tedeschi: è un mech simile agli EVA ma nucleare, che rischia di esplodere.
    – 4) la tuta di Shinji Ikari: ok ok questa è super facile, si vede nel trailer: la tuta è uguale.
    – 5) gli angeli arrivano da un’altra dimensione ed ognuno ha un suo nome.
    – 6) La roccaforte degli umani
    – 7) il binomio Shinji & Rey Ayanami. E direi Rei Ayanami stessa…
    – 8) il Pod dei Children
    – 9) lo status di “bezerk”. (del pilota e dell’Eva).
    – 10) la dimensione Mentale dell’Eva

    e questi sono direi i più evidenti…

    comunque appunto, come si dice in tanti siti e testate web o meno… io sono del partito che va bene così: questo è il film di Neon Genesis Evangelion che non potremmo mai avere, per via di queste lotte sui diritti di produzione e per via di quella tendenza tipica nipponica cui Gainax non fa eccezione, cioè quella di preferire di riscrivere totalmente una storia affermata, cambiandone due virgoline, per chiamarla “nuova edizione” ma sempre sullo stesso media (film animati) piuttosto che tentare il rischio di cambiare media (come ad es. la Marvel porta i suoi fumetti al cinema).

    quindi evviva Pacific Evangelion, ops, Rim… che è bello e va bene così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *