L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Oldboy – Il film di Spike Lee condivide solo la stessa struttura dell’originale

Di Marlen Vazzoler

Le riprese del nuovo film di Oldboy, girato da Spike Lee a New Orleans, sono finite. La conferma è stata data dal protagonista della pellicola, Josh Brolin, durante gli incontri per la stampa per la promozione di Gangster Squad. L’attore ha spiegato a Collider che il remake sarà simile al film originale, solamente nella sua struttura, rispettando così il desiderio di Park Chan-Wook che ha dato la sua benedizione a questa versione americana, ponendo una sola condizione: non rifare lo stesso film.

“Mi sono innamorato di New Orleans. Sono assolutamente e profondamente innamorato di Spike [Lee], mi sono innamorato di Sean Bobbitt, il DP (direttore della fotografia, nr.) che ha fatto Shame e Hunger, mi sono innamorato di lui. Mi sono innamorato di Lizzie Olsen, e penso che se verrà montato tutto insieme – una cosa di cui farò parte più avanti – se il montaggio si avvicinerà a quella che è stata la mia esperienza, sarà veramente un buon [film]. Dovrebbe essere davvero buono”.

Per quanto riguarda le voci secondo le quali il film di Lee sarà più annacquato rispetto alla versione coreana, Brolin spiega che l’adattamento di un’opera dipende dal contributo di più persone e aggiunge che il pubblico non dovrà preoccuparsi:

“Assolutamente no. C’è questa idea, che non mi piace e io non apprezzo, non ho neanche voglia di parlare alla gente, ‘Hollywood è questo. Hollywood fa questo. Hollywood annacqua’. Dipende molto da chi sono i realizzatori, dipende da chi sono gli attori e quanto controllo hanno, o se non hanno controllo, l’influenza che hanno sul taglio finale…
Con Oldboy, ecco, c’è Spike Lee, ci sono io, c’è il DP Sean Bobbitt, che è incredibilmente fantastico. Ho parlato con Chan-wook Park e gli ho detto: ‘Ti dispiace se facciamo questo?’. E la sua richiesta era semplicemente di non fare lo stesso film, qualcosa a cui non eravamo interessati. Strutturalmente, come impalcatura, è lo stesso film, ma quello che abbiamo fatto è molto diverso. Il look è molto diverso. Spike, dopo circa due settimane e mezzo di riprese, ha messo insieme questo video di quattro minuti solo per me, da guardare. Non che ne avessi bisogno, non è che mi sentivo come se ero perso, o non sapevo quello che stavo facendo. Me l’ha dato e ha detto: ‘Non lo guardare fino a quando non arrivi a casa’. E ho visto questo video di quattro minuti e sembrava fantastico. È stata un enorme, enorme fonte di ispirazione.
In quel momento, eravamo fuori della stanza del motel, quindi non dovevo più continuare con quella parte. Ma abbiamo passato altro tempo nella stanza del motel. Abbiamo girato delle lunghe inquadrature, dagli otto agli undici minuti, dove mi ha lasciato fare quello che volevo. Stavo seduto nudo nella stanza e lui mi diceva: ‘Sei stato in questa camera per tredici anni. Vai’. E io sono andato avanti per otto minuti, con tutto quello che mi veniva in mente. Alcune cose erano veramente stupide e inutilizzabili. Un’altra parte è stata davvero divertente e interessante”.

Una delle scene più famose del film coreano, è quella ambientata nel corridoio che vede il protagonista farsi strada a suon di martellate. Brolin ha detto che anche nella versione di Lee è stata girata questa scena, sempre utilizzando un’unica ripresa. Ma ha sottolineato che questa sarà l’unica similarità tra queste due sequenze.

“Non corrisponde niente. L’unica cosa che combacia è che facciamo tutto in una sola ripresa. Questa è l’unica cosa che combacia. Questa è l’unica somiglianza. Beh, no, c’è una somiglianza in più, ma è fondamentalmente l’unica somiglianza all’interno di questa sequenza e credo di poter essere sicuro nel dire che non c’è niente di simile alla versione originale, oltre a questa scena, e non ho mai vissuto o visto nulla di simile. E penso che quello che J.J. Perry ha fatto, in qualità di coordinatore dei combattimenti, è qualcosa di fenomenale. Dirò questo, ho pensato che non ce l’avrei mai fatta [a fare la scena], fino a circa una settimana prima delle riprese, dopo averla provata per un bel po’”.

Chissà come sarà questa nuova scena, specie se teniamo conto che per la coreografia di alcuni combattimenti, Perry (Django Unchained) ha ideato delle sequenze d’azione che comprendono tra le 114 e le 180 mosse.
Oldboy, interpretato anche da Mia Wasikowska, Clive Owen, Sharlto Copley, Samuel Leroy Jackson e James Ransone, uscirà nei cinema italiani il 24 ottobre 2013. Per rimanere informati sul film, seguite le news dal blog.

Fonte Collider


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

John Cleese commenta le scuse di Hank Azaria per il suo doppiaggio di Apu 21 Aprile 2021 - 11:11

Hank Azaria, tra i più importanti doppiatori originali de I Simpson, ha chiesto recentemente scusa per il doppiaggio di Apu Nahasapeemapetilon. Ecco il commento di John Cleese.

The Witcher, You e Cobra Kai torneranno su Netflix a fine 2021 21 Aprile 2021 - 10:30

Le nuove stagioni delle tre serie arriveranno nel quarto trimestre dell'anno, insieme ai film Red Notice ed Escape from Spiderhead

Crudelia – Nuove immagini per il live action Disney con Emma Stone 21 Aprile 2021 - 9:45

Emma Stone sfoggia i costumi di Crudelia nelle nuove foto del live action Disney, che uscirà il prossimo 28 maggio su Disney+ con accesso premium.

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.