L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

L’horror Crimson Peak sarà il nuovo film di Guillermo del Toro, speranza per Le Montagne della Follia?

Di Marlen Vazzoler

Ci siamo chiesti più volte a quale progetto si dedicherà Guillermo del Toro, una volta concluso Pacific Rim. Nonostante il regista abbia diversi film allineati come ad esempio Beauty and the Beast e Pinocchio, ha deciso di realizzare Crimson Peak, una storia di fantasmi che ha scritto con uno dei suoi più frequenti collaboratori, Matthew Robbins, con cui ha lavorato in Mimic, Non avere paura del buio, Pinocchio, The Haunted Mansion e Alle montagne della follia.
Il progetto era stato inizialmente venduto alla Universal, con cui del Toro ha un accordo.

“È stato il primo [film] che ho scritto dopo Il labirinto del fauno, e l’ho venduto a Donna Langley della Universal. Lei lo amava, stavo per dirigerlo, e poi è successo Hellboy II, e poi sono andato in Nuova Zelanda per Lo Hobbit. Donna mi ha suggerito di farmi da parte e di produrlo. È stato proposto ad altri registi, ma non mi è piaciuto molto nessuno per la direzione. Alla fine ho avuto l’esperienza di Pacific Rim con la Warner Bros e la Legendary, ed è stata la migliore esperienza che abbia mai avuto, da quando faccio film, punto. Ho avuto un ottimo rapporto di lavoro con Thomas Tull e Jon Jashni, e mi hanno chiesto cosa volevo fare. Gli ho mandato Alle montagne della follia, [Il conte di] Monte Cristo, e un altro progetto che sto cercando di fare da 20 anni. Ho anche inviato Crimson Peak, ma non mi aspettavo una reazione, perché non è un tipico film della Leggendary. Con mia grande sorpresa, Thomas Tull ha chiamato alle 9:30 di sera, nello stesso giorno in cui glie l’avevo mandato e ha detto ‘Non so come va a finire, ma sono a pagina 45 e mi piace’. Il giorno dopo, Jon Jashni ha chiamato e mi ha detto che pensavano che per loro questo fosse il miglior progetto, della giusta misura”.

La Universal ha permesso al regista di spostare il progetto alla Legendary Pictures, che si occuperà della produzione. La Universal ha un opzione per entrare più avanti come co-finanziatore, mentre ci si aspetta una possibile distribuzione da parte della Warner Brothers. Crimson Peak è stato descritto da del Toro come un’opera:

“Con un ambientazione fissa, classica ma allo stesso tempo, una versione moderna dei racconti sui fantasmi. E mi permetterà di giocare con le convenzioni del genere che conosco e amo, e allo stesso tempo di sovvertire le vecchie regole”.

Del Toro ha aggiunto che la Legendary gli ha fornito le risorse necessarie per onorare quelle che definisce ‘le grandi dame’ del genere delle case infestate. “Per me questo è Gli invasati di Robert Wise, che era un grande film, ben diretto, con una casa costruita magnificamente. E l’altro grande papà è Suspence di Jack Clayton. Ho sempre cercato di fare film horror di grandi dimensioni come quelli che ho guardato, mentre crescevo. Film come Il presagio, L’esorcista e Shining, l’ultimo è un altro monte Everest dei film sulle casa infestate. Mi è piaciuto il modo in cui Kubrick ha avuto un tale controllo sui grandi set che ha usato, e al grande valore di produzione che era presente. Penso che le persone si stiano abituando ai temi dell’orrore realizzati con la tecnica del found footage o i budget di serie B. Ho voluto che questo [progetto] dia la sensazione di un ritorno al passato”.
Dopo aver riscritto la sceneggiatura con Lucinda Coxon, del Toro comincerà le riprese di Crimson Peak nei primi mesi del 2014. Una data che gli permetterà di dedicarsi la prossima estate, alle riprese del pilot dello show della FX, The Strain, basato sull’omonimo romanzo che ha scritto con Chuck Hogan.
Del Toro ha però ammesso di non aver perso le speranze di girare Alle montagne della follia, magari con il sostegno della Legendary.

“Lo amano, ma abbiamo appena finito Pacific Rim. Vogliono che esca quel film, quindi la mia speranza è che alla fine potremmo realizzarlo. La gente chiede come faccio a scegliere i progetti. Tutti i progetti nel mio roster ci sono perché li amo, ma il processo di finanziamento è una serendipità. E spesso, non vengono realizzati quelli che penso di si, e quelli che secondo me non verranno fatti, avvengono”.

Pacific Rim uscirà l’11 luglio 2013. Per maggiori informazioni potete consultare le nostre News dal Blog o la pagina Facebook del film.

Fonte Deadline

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Bridgerton: perché Regé-Jean Page non tornerà nella Stagione 2? 11 Aprile 2021 - 10:00

Ecco perché Regé-Jean Page, volto di Simon Basset, non tornerà nella seconda stagione di Bridgerton.

The Walking Dead: AMC sta considerando uno spin-off su Negan 11 Aprile 2021 - 9:00

La rete ha lanciato un sondaggio tra gli spettatori per capire se ci sia interesse in una serie prequel

GLAAD Media Award: ecco la reunion di Glee in onore di Naya Rivera 10 Aprile 2021 - 20:00

La trentaduesima edizione dei GLAAD Media Award ha ospitato una reunion di Glee. Un omaggio nei confronti di Naya Rivera, tragicamente scomparsa lo scorso luglio.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.