L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2012 – V/H/S, la recensione

Di Filippo Magnifico

VHS Teaser Poster Orizzontale USA

Le premesse per fare una buon film di genere c’erano tutte: la volontà di creare una storia ad episodi, diretti da altrettanti registi, che riprendesse le atmosfere di altri titoli simili legati al passato; un’operazione revival ulteriormente aiutata dal fatto che ogni episodio dovesse presentarsi come i vecchi videotape, che ogni appassionato cresciuto negli anni ’80 ricorda con un pizzico di malinconia; l’estetica tipica delle pellicole cosiddette “found footage” (quelle finte amatoriali, tanto per intenderci), che affettivamente in un progetto del genere ha un suo perché, anche se, questo va detto, le “telecamerine” hanno avuto un periodo d’oro che sembra ormai essere tramontato.

Armati dunque di aspettative non tendenti al miracolo, ma piuttosto ad un risultato discreto (come peraltro lo erano la maggior parte di quelle pellicole realizzate tra gli anni ’80 e ‘90) abbiamo visto questo V/H/S, presentato nella sezione “Raporto Confidenziale” del Torino Film Festival e introdotto da Justin Martinez, membro del collettivo Radio Silence e regista dell’ultimo frammento che compone quest’opera. Le aspettative però sono state ampiamente deluse.
Mettendo da parte il pretesto che fa da collante al tutto (un gruppo di criminali che, per portare a termine un incarico, si trova costretto a visionare una serie di vecchie videocassette), tutto sommato trascurabile, diciamo subito che V/H/S porta all’estremo il rischio che ogni progetto ad episodi porta al suo interno: un’opera così variegata non potrà mai essere del tutto riuscita, proprio perché ogni segmento non sarà mai riuscito quanto l’altro.

Il problema in questo caso è che difficilmente si riesce a raggiungere la sufficienza complessiva. Questo è dovuto in parte all’estetica del film (i pretesti per motivare il fatto che, anche nelle situazioni più disperate, i protagonisti continuino a filmare ogni evento si sono esauriti a tal punto che nemmeno ci si sforza di dare un senso, tranne che nel capitolo finale) e in parte al fatto che le stesse storie non sono coinvolgenti.
Qualche colpo ben assestato c’è, sia chiaro, ma se le vostre aspettative sono quelle di trovarsi di fronte ad un nuovo Creepshow rimarrete decisamente delusi. A questo punto tanto vale seguire il consiglio dato e andare sul sicuro, recuperando qualche vecchia VHS che giace lì impolverata sui vostri scaffali.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Masters of the Air: Austin Butler e Callum Turner nel cast del sequel di Band of Brothers 28 Febbraio 2021 - 11:00

I primi due nomi a entrare nel cast della miniserie Apple prodotta da Steven Spielberg e Tom Hanks, che seguirà Band of Brothers e The Pacific

Golden Globes: Ellen Pompeo scrive una lettera alla HFPA e chiede il sostegno della “Hollywood Bianca” 28 Febbraio 2021 - 10:17

Dopo le polemiche rivolte ai Golden Globes, la protagonista di Grey’s Anatomy Ellen Pompeo ha pubblicato una lettera aperta sulla sua pagina Instagram, chiedendo l’aiuto della “Hollywood bianca”.

The Walking Dead: i nuovi episodi arrivano in Italia 28 Febbraio 2021 - 10:00

La stagione 10 di The Walking Dead prosegue con sei episodi extra, in arrivo in Italia su Fox a partire dal 1° marzo alle ore ore 21.00.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.