Warning: getimagesize(http://static.screenweek.it/2012/11/29/tentazioni-irresistibili-gwyneth-paltrow-mark-ruffalo-foto-dal-film-01_mid.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Torino 2012 – Thanks For Sharing, la recensione

Torino 2012 – Thanks For Sharing, la recensione

Di Filippo Magnifico

Tentazioni irresistibili Gwyneth Paltrow Mark Ruffalo Foto  Dal Film 01

Dopo Smashed (qui trovate la nostra recensione) ecco che al Torino Film Festival viene presentata, sempre nella sezione “Rapporto Confidenziale”, un’altra storia di dipendenza. Se da un lato, però, abbiamo la dipendenza dall’alcol, dall’altro ne troviamo una che forse è ancora più pericolosa, perché troppo spesso sottovalutata o non considerata come un vero e proprio disagio: la dipendenza dal sesso.

Dietro la macchina da presa c’è Stuart Blumberg (candidato all’Oscar per la sceneggiatura de I ragazzi stanno bene), qui al suo esordio come regista. Il cast comprende nomi particolarmente noti come Mark Ruffalo, Tim Robbins, Josh Gad, Gwyneth Paltrow e la cantante Pink, alle prese con un ruolo tutto sommato rilevante.

La storia del film ruota attorno a tre individui, che frequentano lo stesso gruppo d’aiuto e che devono fare i conti con alcuni eventi che, in un modo o nell’altro, stravolgono le loro vite. Tim Robbins è una sorta di vecchio saggio, che un bel giorno si ritrova in casa il figlio ex (o presunto tale) tossicodipendente; Mark Ruffalo è un consulente ambientale che da ben cinque anni è riuscito a tenere a freno i suoi istinti sessuali e che, dopo tantissimo tempo, trova una ragazza di cui potrebbe sul serio innamorarsi; Josh Gad è il Zach Galifianakis della situazione, anche lui dipendente dal sesso e coinvolto in una serie di situazioni tragicomiche.

Seguendo dunque tre strade parallele che in un modo o nell’altro si intrecciano, Thanks For Sharing si sviluppa in un modo ben preciso, che si potrebbe riassumere in una parabola comprendente spensieratezza e divertimento, tracollo e conseguente ripresa. Ogni tanto si calca la mano più del dovuto, soprattutto nei momenti drammatici, ma tutto sommato il film diretto da Stuart Blumberg risulta più che gradevole.

Da sottolineare poi quel sottile alone di tensione che si percepisce in gran parte della storia, cosa che evidenzia alla perfezione il fato che, nonostante le situazioni possano sembrare divertenti, quelle che vediamo sul grande schermo sono persone che vivono perennemente in bilico e che ogni secondo rischiano di precipitare in quell’abisso dal quale stanno tentando di uscire.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Rai Cinema sbarca nel “Metaverso” con Diabolik 24 Maggio 2022 - 22:30

Rai Cinema sbarca nel Metaverso insieme a Diabolik, proseguendo nella direzione di ricerca e sperimentazione iniziata nel 2019 con il lancio di una App VR tutta italiana.

Garfield: anche Samuel L. Jackson nel cast vocale con Chris Pratt 24 Maggio 2022 - 21:00

L'attore darà voce a un personaggio originale nel film d'animazione incentrato sul gatto creato da Jim Davis

Aquaman 2: il presidente di DC Films nega le accuse di Amber Heard 24 Maggio 2022 - 20:15

Walter Hamada ha ribadito di aver considerato l'esclusione di Amber Heard solo per un problema di alchimia con Jason Momoa

Cip e Ciop Agenti Speciali: i 30 cameo ed easter egg più fuori di testa 24 Maggio 2022 - 16:01

Un film d'animazione Disney in cui c'è DI TUTTO? Pronto!

Thor: Love and Thunder, il nuovo trailer spiegato a mia nonna 24 Maggio 2022 - 8:04

Gorr il Macellatore di Dei

Love, Death & Robots, stagione 3: la recensione (senza spoiler) 21 Maggio 2022 - 9:28

Un terzo giro decisamente più riuscito del secondo: robot, ancora una volta, pochi, morte tanta, amore quel che basta.