L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2012 – Terrados, la recensione

Di Filippo Magnifico

Se il cinema è (in parte) uno specchio del tempo in cui viviamo, è praticamente scontato che ci siano pellicole che parlino della crisi che tutto il nostro mondo, bene o male, sta vivendo.

Terrados, presentato in concorso alla 30° edizione del Torino Film Festival, parla appunto di questo, mostrandoci la storia di un gruppo di ragazzi spagnoli che hanno perso il lavoro o semplicemente tentano di emergere con le loro forze. Si incontrano praticamente ogni giorno e, di nascosto, si riuniscono sulle terrazze di vari edifici (da qui il titolo) senza fare niente in particolare se non bere qualche birra, fumare qualche sigaretta (o qualcosa di più potente) e parlare, ammirando dall’alto la loro città e, per certi versi, lasciando a chi vive nei “piani più bassi” tutti quei problemi che inevitabilmente riaffiorano quando si posano i piedi per terra.

Scritto, diretto e interpretato da Demian Sabini, Terrados presenta tutte (o quasi) le caratteristiche tipiche del film indipendente e non potrebbe essere altrimenti visto il tema portante di questa storia, che affronta contemporaneamente due tematiche ben concatenate tra loro e consequenziali: da un lato, come già detto, abbiamo la crisi che ha colpito la Spagna da un po’ di tempo a questa parte; dall’altro c’è una sorta di stigmatizzazione del cosiddetto “lasciarsi andare”. Il messaggio è molto chiaro: anche nei momenti più duri bisogna in qualche modo reagire e trovare uno stimolo che ci sblocchi da quel’inerzia che, bene o male, colpisce tutti coloro che da un momento all’altro si sono trovati senza un lavoro e, soprattutto, senza un futuro.

L’operazione funziona, sebbene non del tutto. La pellicola diretta da Demian Sabini, infatti, non riesce a coinvolgere più del dovuto, risultando più che altro un compitino ben scritto e ben confezionato. Quello che manca sul serio è proprio quel guizzo particolare, tipico delle pellicole indipendenti. Qui fondamentalmente sembra tutto già visto e già sentito (soprattutto considerando il fatto che il nostro cinema ricicla queste tematiche da tempo immemorabile), risvolti sentimentali compresi. Non brutto e neanche superfluo, semplicemente privo di attrattiva.

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

EXCL – Paul Rudd commenta le recenti dichiarazioni di Martin Scorsese 19 Ottobre 2019 - 19:00

Cosa pensa Ant-Man delle recenti dichiarazioni di Martin Scorsese sul mondo dei cinecomic? Abbiamo intervistato Paul Rudd, ecco le sue dichiarazioni...

Zombieland: Doppio colpo – Gli errori sul set nel nuovo video 19 Ottobre 2019 - 18:00

I protagonisti di Zombieland: Doppio colpo si divertono tra scherzi ed errori nel nuovo video ufficiale. L'uscita del film è attesa per il 14 novembre.

The Boys – Patton Oswalt nel cast della stagione 2 19 Ottobre 2019 - 17:00

Eric Kripke ha rivelato su Twitter che Patton Oswalt avrà un ruolo nella seconda stagione di The Boys, ma non sappiamo quale personaggio interpreterà.

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.