L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2012 – Robot & Frank, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

Il rapporto tra esseri umani e robot si perda nella notte dei tempi cinematografici, fin dal Golem o da Metropolis, perle del muto. L’esordo di Jake Schreier s’inoltra in questa fertile via narrativa e con Robot & Frank, presentato nella sezione Rapporto confidenziale del Festival di Torino 2012, realizza una pregevole commedia senile dai tocchi thriller.

In un futuro prossimo, Frank, ladro in pensione un tempo specializzato in gioiellerie ha superato i settant’anni. I suoi due figli, preoccupati dal fatto che sta perdendo la memoria e l’autosufficienza, decidono di affidarlo alle cure di un robot programmato per migliorare le sue condizioni fisiche e mentali. Dopo un inizio di «convivenza» piuttosto difficile, tra i due nasce un rapporto particolare e proficuo, che vede Frank migliorare notevolmente: l’uomo riguadagna il gusto per le passioni che ha coltivato per tutta la vita. Come quella per il furto. Scritto da Christopher Ford, Robot & Frank è un film di rapina senile o, a seconda dei punti di vista, una commedia malinconico sulla vecchiaia e la memoria.

Ricordando vagamente un film delizioso sul tema robotico come Eva, la pellicola di Schreier racconta il declino fisico e mentale di un uomo,il suo bisogno quasi infantile di compagnia e assistenza, fosse anche morale, attraverso una trama che, tinta nel giallo, gioca con la memoria, con l’evolversi di società che si dimenticano di tutto, mentre cercano di ricordare il più possibile, ma anche con Frank come memoria storica di un passato fatto di libri e carta e il robot, memoria che può incriminare lo stesso anziano.

Ma nella bella sceneggiatura, Robot & Frank diventa anche una tenera storia d’amicizia, in cui le amnesie sono possibilità di ricominciare da capo, in cui il delicato tocco di Schreier esalta la performance – al solito – di un grande Frank Langella coadiuvato da Susan Sarandon, Liv Tyler, James Marsden e da Peter Saarsgard come voce dell’automa. Piccolo film indipendente che può far felici molti appassionati.

News e recensioni dal Torino Film Festival solo su Screenweek. Restate con noi.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Justice League: la genesi e i segreti della Snyder Cut raccontati da Zack Snyder 26 Febbraio 2021 - 11:48

Il regista ha raccontato a Vanity Fair i retroscena del director's cut più atteso di tutti i tempi

The Division: Rawson Marshall Thurber dirigerà l’adattamento del videogame per Netflix 26 Febbraio 2021 - 11:30

Il regista di Red Notice è stato scelto per sostituire David Leitch, che rimarrà a bordo come produttore

Titans 3 – Ecco Damaris Lewis con il costume di Blackfire 26 Febbraio 2021 - 10:45

HBO Max ha svelato le prime immagini che ritraggono Damaris Lewis con il costume di Blackfire nella terza stagione di Titans.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.