L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2012 – Maniac, la recensione del film con Elijah Wood

Di emanuele.r

L’originale degli anni ’80 di William Lustig era un film malato e morboso, sudicio come il suo protagonista Joe Spinell. Il remake di Maniac invece, presentato a Torino 2012 nella sezione Rapporto confidenziale, cambia strada da subito, con la scelta dell’angelico Elijah Wood come protagonista e l’idea di girarlo tutto in soggettiva.

La trama è piuttosto fedele al primo film: Frank è il giovane e introverso proprietario di un negozio di manichini. Quando Anna, un’avvenente artista alle prime armi, si rivolge a lui in cerca d’aiuto per una mostra, la sua vita cambia: tra i due nasce un sentimento di amicizia che per Frank si trasforma da subito in ossessione. Ben presto il legame morboso lascerà spazio a qualcosa di diverso e inquietante, qualcosa di nascosto e radicato in profondità nella psiche del ragazzo: il bisogno di uccidere. Scritto da Alexandre Aja (anche produttore) e Grégory Levasseur, Maniac è un thriller violento che punta esplicitamente al horror e al gore, ma che dimostra di essere ben più di un mero esercizio di stile.

Aperto da un pedinamento che si chiude con coltellata sotto la mascella e scalpo della vittima – tanto per dare idea di che film ci troveremo davanti -, quello di Franck Khalfoun è un film che attraverso un personaggio solitario e disturbato, di cui conosciamo fin da subito le attitudini atroci e le devianze, riflette sulla solitudine, sul dolore dei rapporti di coppia: usando la soggettiva come fece Carpenter per Halloween e tenendola per 90′, il film costringe lo spettatore – specie il maschio eterosessuale – a identificarsi con il mostro, mettendo a nudo l’ossessione feticista per il corpo femminile propria dell’uomo.

Ne viene fuori un film lancinante e doloroso dietro la patina di slasher al sangue, in cui bisogna innanzitutto complimentarsi con Khalfoun per l’acume con cui ha ribaltato il solito filmetto tecnico in qualcosa di migliore, e con gli sceneggiatori per aver aggiornato in maniera notevole il cinema anni ’80 (con tanto di synth-pop in colonna sonora), costruendo bei personaggi, lavorando sul rimosso e arrivando a un gran finale che mozza il fiato. Perfetto Wood, splendida (e azzeccatissima scelta di casting) Nora Arnezeder: finalmente un remake che ha un senso.

News e recensioni dal Torino Film Festival solo su Screenweek. Restate con noi.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cenerentola: il film Sony con Camila Cabello andrà su Prime Video 6 Maggio 2021 - 21:30

Amazon Studios sta per stringere un accordo con Sony e distribuirà il film su Prime in tutto il mondo, tranne che in Cina

Gangs of London: annunciati i registi della stagione 2 6 Maggio 2021 - 21:00

La serie Sky creata da Gareth Evans (The Raid) tornerà con nuovi episodi, e ora sappiamo chi li dirigerà

M.O.D.O.K. – I protagonisti della serie Marvel ritratti sui nuovi poster 6 Maggio 2021 - 20:30

I protagonisti della serie Marvel’s M.O.D.O.K. sono ritratti su questi nuovi poster.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.