L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2012 – K-11, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

Sui figli d’arte e sui dubbi che essi creano si è parlato più di una volta, ma cosa si dovrebbe dire delle madri d’arte? E’ vero che Jules Stewart, mamma di Kristen, ha cominciato a fare cinema nel ’78 come montatrice per poi divenire supervisore agli script, ma l’esordio alla regia con K-11 (nella sezione Rapporto confidenziale del Torino Film Fest 2012) arriva nel momento di maggior fulgore della figlia, sull’onda di una presunta partecipazione che poi non c’è mai stata. Un caso o no, per il successo se ne riparlerà in un altro momento.

Il film racconta di un produttore discografico arrestato per omicidio e che per un errore viene mandato nel braccio del titolo, quello dedicato a omosessuali, pedofili e transessuali. La lotta per la sopravvivenza dovrebbe essere dura, almeno nelle intenzioni della sceneggiatura scritta dalla stessa Stewart con Jared Kurt, ma invece il film sembra una parodia di Oz e di molti altri drammi carcerari con in più l’aggiunta di macchiette e finali all’acqua di rose.

L’operazione sarebbe quella di distruggere la patina correttezza politica che lega l’omosessualità al carcere, raccontando un mondo parallelo che pare l’inferno (e già non sarebbe l’idea del secolo), ma K-11 si limita a costruire un universo che gioca coi cliché, li sfrutta senza remore e non li rilegge, non ci ragiona su, non costruisce alcuna visione alternativa, rispettando pedissequamente tutte le regole del genere (anche sessuale). Ne esce fuori un film ai limiti del’insulso, blandissimo, edulcorato e pure ipocrita nel promettere immagini e situazioni che si vedono solo di striscio (imbarazzante la sfilata in carcere).

Stewart mette su un film senza spina dorsale, retto da un personaggio tanto fragile e senza percorso (cambia personalità senza motivo almeno 2 volte) quanto è mediocre l’attore che lo interpreta (il Goran Visnijic che deve un po’ di popolarità a E.R.); e nemmeno nella peggiore tradizione hollywoodiana si ricordano una serie di finali lieti come questi, tanto da far sembrare un luogo d’inferno una mezza fiaba. Si salva solo la prova di Kate Del Castillo (in un ruolo che si era vociato dovesse essere di Nikki Reed), perfetta regina trans del braccio: ma il fatto che a interpretarla ci sia una donna e non un vero transessuale ribadisce la portata minima e irritante del progetto.

News e recensioni dal Torino Film Festival solo su Screenweek. Restate con noi.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Titans 3 – Ecco Damaris Lewis con il costume di Blackfire 26 Febbraio 2021 - 10:45

HBO Max ha svelato le prime immagini che ritraggono Damaris Lewis con il costume di Blackfire nella terza stagione di Titans.

Tutti i film horror in tv dal 26 febbraio al 4 marzo 26 Febbraio 2021 - 10:13

ScreenWEEK è qui per proporvi una settimana all’insegna del brivido! Ecco la programmazione completa dei film horror in arrivo sul piccolo schermo nei prossimi sette giorni.

The Handmaid’s Tale 4 arriverà il 28 aprile su Hulu, ecco il nuovo teaser trailer 26 Febbraio 2021 - 9:41

La serie distopica con Elisabeth Moss è pronta a tornare con l'intensa nuova stagione

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.