L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2012 – Anna Karenina, la recensione

Di Filippo Magnifico

Anna Karenina Keira Knightley Foto da Film 01

Presentato nella sezione “Festa Mobile”, Anna Karenina era senza ombra di dubbio uno dei titoli più attesi di questa 30° edizione del Torino Film Festival. Diciamo subito che il film si è rivelato una piacevolissima sorpresa.

Riadattando per il grande schermo l’omonimo romanzo scritto da Lev Tolstoj, il regista Joe Wright ha deciso, infatti, di mettere da parte (sebbene non del tutto) la semplice rappresentazione storica, proponendoci una pellicola sfarzosa, eccessiva e in grado di rielaborare la dimensione teatrale (si fa un largo uso di fondali disegnati, e cambi di scena istantanei) in una maniera kitsch e al tempo stesso squisitamente barocca.

Anna Karenina è un film che abbandona il realismo a favore di una rappresentazione che, rendendo per certi versi più “popolare” quell’idea di cinema tanto cara al Lars Von Trier di Dogville, allontana e al tempo stesso coinvolge lo spettatore in un gioco di immagini e coreografie musicali che strizzano l’occhio a Baz Luhrmann. Un’operazione che Joe Wright compie divertendosi nei modi più svariati, attraverso una serie di virtuosismi che comprendono lunghi piani sequenza, giochi di luce e sinuosi movimenti della macchina da presa.

All’interno di quello che si presenta come un vero e proprio spettacolo, i protagonisti si muovono completamente a loro agio. Bravi Keira Knightley e Aaron Johnson nell’esprimere tutte quelle sensazioni (positive e negative) tipiche dell’amore; ma quello che stupisce più di tutti è Jude Law, perfetto nel ruolo di Alexei Karenin. La solennità del suo personaggio è talmente concreta che gli basta un semplice sguardo o la semplice modulazione della voce per esprimerla.

Ci si potrebbe lamentare di una certa freddezza che si avverte più volte durante la narrazione. Troppo concentrato sulla messa in scena, Joe Wright sembra infatti dimenticarsi della storia e la cosa si avverte. Ma in questo gioco di compensazioni ne esce sicuramente vincitore.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Golden Globes più inclusivi? Hollywood, Netflix e Time’s Up denunciano i cambiamenti troppo lenti 9 Maggio 2021 - 14:00

La Hollywood Foreign Press Association ha approvato le prime misure per favorire una maggiore inclusività, ma per molti non bastano

Per la Festa della Mamma, un bellissimo video targato Disney 9 Maggio 2021 - 13:28

In un giorno come questo, così speciale, così magico, solo la Disney può esprimere nel migliore dei modi il nostro amore nei confronti di tutte le mamme del mondo.

Seth Rogen e la fine del mondo secondo George Lucas 9 Maggio 2021 - 13:00

Seth Rogen è tornato a parlare del suo incontro con George Lucas, convinto che il mondo sarebbe finito nel 2012.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.