Warning: getimagesize(http://static.screenweek.it/2012/5/9/anna-karenina-keira-knightley-foto-da-film-01.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Torino 2012 – Anna Karenina, la recensione

Torino 2012 – Anna Karenina, la recensione

Di Filippo Magnifico

Anna Karenina Keira Knightley Foto da Film 01

Presentato nella sezione “Festa Mobile”, Anna Karenina era senza ombra di dubbio uno dei titoli più attesi di questa 30° edizione del Torino Film Festival. Diciamo subito che il film si è rivelato una piacevolissima sorpresa.

Riadattando per il grande schermo l’omonimo romanzo scritto da Lev Tolstoj, il regista Joe Wright ha deciso, infatti, di mettere da parte (sebbene non del tutto) la semplice rappresentazione storica, proponendoci una pellicola sfarzosa, eccessiva e in grado di rielaborare la dimensione teatrale (si fa un largo uso di fondali disegnati, e cambi di scena istantanei) in una maniera kitsch e al tempo stesso squisitamente barocca.

Anna Karenina è un film che abbandona il realismo a favore di una rappresentazione che, rendendo per certi versi più “popolare” quell’idea di cinema tanto cara al Lars Von Trier di Dogville, allontana e al tempo stesso coinvolge lo spettatore in un gioco di immagini e coreografie musicali che strizzano l’occhio a Baz Luhrmann. Un’operazione che Joe Wright compie divertendosi nei modi più svariati, attraverso una serie di virtuosismi che comprendono lunghi piani sequenza, giochi di luce e sinuosi movimenti della macchina da presa.

All’interno di quello che si presenta come un vero e proprio spettacolo, i protagonisti si muovono completamente a loro agio. Bravi Keira Knightley e Aaron Johnson nell’esprimere tutte quelle sensazioni (positive e negative) tipiche dell’amore; ma quello che stupisce più di tutti è Jude Law, perfetto nel ruolo di Alexei Karenin. La solennità del suo personaggio è talmente concreta che gli basta un semplice sguardo o la semplice modulazione della voce per esprimerla.

Ci si potrebbe lamentare di una certa freddezza che si avverte più volte durante la narrazione. Troppo concentrato sulla messa in scena, Joe Wright sembra infatti dimenticarsi della storia e la cosa si avverte. Ma in questo gioco di compensazioni ne esce sicuramente vincitore.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Gotham Knights – Una foto dal set mostra la maschera di Batman 15 Maggio 2022 - 17:00

La maschera di Batman è blu in una foto dal set di Gotham Knights... ma si tratta del filamento usato per la stampa 3d.

The Gray Man: è già in lavorazione un prequel del film Netflix 15 Maggio 2022 - 16:00

È già in lavorazione un prequel di The Gray Man, il film Netflix di Joe e Anthony Russo .

Ms. Marvel – Cosplay e superpoteri nelle nuove immagini 15 Maggio 2022 - 15:00

Le nuove immagini di Ms. Marvel, pubblicate nell'ultimo numero di Empire, mostrano Kamala, i suoi poteri e i suoi amici.

Doctor Strange nel Multiverso della Follia: chi c’è, cosa succede, cosa verrà dopo (SPOILER) 6 Maggio 2022 - 10:18

Chi c'è, cosa succede, cosa vuol dire per il futuro dell'MCU.

Moon Knight, episodio 6: il finale con i grandi, ma non un gran finale (SPOILER) 5 Maggio 2022 - 11:27

Bastoncino pim pum pam, volan tanti scappellotti.