L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Roma 2012: Waiting for the Sea, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

Ha destato un po’ di perplessità la scelta di Marco Muller di aprire il suo primo festival di Roma come direttore con un film kazako, diretto da un regista tagiko, Waiting for the Sea. Ma Bakhtiar Khudoijnazarov è uno dei principali registi russi contemporanei, che aveva incantato il pubblico 13 anni fa con Luna Papa. Una scommessa, senza dubbio: ma dopo la presentazione del film le perplessità restano.

La storia comincia quando il mare scompare dopo una tempesta di sabbia, lasciando Marat senza barca, mare e senza l’amata moglie. Quando torna al villaggio, ormai arido, il suo unico obiettivo sarà quello di andare a cercare il mare, prima che esso torni. Scritto da Sergey Ashkenazy ispirandosi all’evaporazione del lago Aral e ai racconti popolari russi, Waiting for the Sea (V ozidanji morja) cerca l’epopea tipica della cultura a est degli Urali cercando una via favolistica al kolossal.

Ambientato in un paese secco e assetato che pare l’opposto dei mondi umidi e lagunari di Tarkovskij, il film di Khudoijnazarov affonda nelle radici umili e fuori dal tempo del suo popolo e del suo territorio per scovarne il rimosso, le paure recondite, le umane passioni e debolezze, ma anche la strenua lotta per la sopravvivenza, giustificando possibili lettura come metafora politica: la Russia dopo la caduta del muro e la successiva confusione è una grande barca che si muova a fatica lungo un terreno impossibile, battuta da persone cocciute e volenterose, ma anche deboli, da salvatori, ma anche da affaristi senza scrupoli. Non a caso, il film si chiude con una citazione dell’Apocalisse sulla speranza dopo la distruzione.

Il vero limite del film però, più che la sceneggiatura con tutte le carte in regola è la regia di Khudoijnazarov, che non trova la misura giusta per affascinare e comunicare con lo spettatore, forse per mancanza di senso epico, forse perché non c’è la passione viscerale di Luna Papa. Resta una visione del proprio paese che risponde in modo polemico al cinema patriottico di Michalkov, ma a uno spettatore non russo non può bastare.

Per tutte le novità dal festival di Roma, rimanete con Screenweek.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La sceneggiatura di Guardiani della Galassia 3 ha ridotto in lacrime Karen Gillan e Pom Klementieff 20 Settembre 2021 - 10:49

Con Guardiani della Galassia Vol. 3 James Gunn potrebbe dare il suo addio alla Marvel e il suo commiato si preannuncia particolarmente commovente...

Box Office Italia: Dune supera i 2 milioni, è il migliore esordio del 2021! 20 Settembre 2021 - 9:54

Dune, il kolossal fantascientifico diretto da Denis Villeneuve, si aggiudica il weekend e raggiunge quota 2.136.048 euro.

Michaela Coel accetta l’Emmy per I May Destroy You con un discorso memorabile 20 Settembre 2021 - 9:49

Michaela Coel ha vinto l'Emmy Award per la scrittura di I May Destroy You, e ha accettato il premio con un discorso memorabile.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).

Star Trek, i 55 anni del sogno di Gene Roddenberry 8 Settembre 2021 - 15:51

Cinquantacinque anni fa andava in onda il primo episodio di Star Trek, "la carovana del vecchio West lanciata nello spazio".