L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Roma 2012: Suspension of Disbelief, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

Il meta-cinema è materia delicatissima, oltre che abusata. Ci vuole poco per cadere nel groviglio meccanico o nella velleità, e soprattutto diventa più difficile appassionare lo spettatore. Nonostante queste controindicazioni, Mike Figgis torna alla regia di lungometraggio, dopo un periodo di tv e sperimentazioni, con Suspension of Disbelief, noir meta-filmico presentato nella sezione CinemaXXI del Festival del Film di Roma.

Protagonista è  Martin, uno sceneggiatore e scrittore di talento, che dopo la scomparsa della moglie, la morte della misteriosa e affascinante Angelique e l’arrivo della sorella gemella Therese nella sua vita, comincia a cambiare e con lui il suo lavoro. Scritto dallo stesso Figgis, Suspension of Disbelief (titolo riferito alla sospensione d’incredulità che permette di emozionarsi e di prendere per vera la finzione cinematografica) è un film che cerca di smontare i meccanismi del nero shakerando Hitchcock (o meglio De Palma), Wenders e la Nouvelle Vague.

Costellato da una lezione di teoria della sceneggiatura tenuta dal protagonista, il film è un gioco con lo spettatore che – come lo stesso Martin – deve cadere nelle trappole seduttive della femme fatale attraverso immaginazione, giochi di specchi, messe in abisso tra script, film in fase di riprese e realtà che ispira un film ispirato dalla realtà. Però, più che riflettere sul rapporto tra creazione e realtà, Figgis si diverte a mettere in dubbio le certezze dello spettatore di noir, a giocare tra manierismo sfrenato e ironia, lasciandosi andare a dosi di improvvisazione e riscrittura in fieri.

Il gioco forse è datato e magari non del tutto appassionante, come dimostrano le sorprese e gli ingranaggi non sempre oliati, rendendo più interessante il discorso sui formati, i mezzi e le tecniche di ripresa; ma Suspension of Disbelief non manca di charme, di finezze, di acume – per esempio il finale all’aeroporto (che riprende il discorso sui film di Bogart, all’inizio) e seppur appesantito da ambizioni teoriche non del tutto necessarie, è un’opera intrigante anche grazie alla solidità recitativa di Sebastian Koch e al suadente duetto di protagoniste, Lotte Verbeek e Rebecca Night.

Restate con Screenweek per tutte le novità dal festival di Roma.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Tutta colpa di Freud: il trailer della serie con Claudio Bisio, dal 26 febbraio su Prime 24 Febbraio 2021 - 21:30

Tratta dal film di Paolo Genovese, la serie è diretta da Rolando Ravello e interpretata anche da Claudia Pandolfi, Max Tortora e Herbert Ballerina

Stoffa da Campioni – Cambio di Gioco: il trailer ufficiale della serie targata Disney+ 24 Febbraio 2021 - 21:03

Disney+ ha diffuso il trailer ufficiale della serie Stoffa da campioni: cambio di gioco, che debutterà sulla piattaforma streaming venerdì 26 marzo.

Disney+: ecco le date di uscita di Turner e il Casinaro, Monsters at Work e molto altro 24 Febbraio 2021 - 20:55

Dopo Loki e The Bad Batch, Disney+ ha svelato la data di uscita di altri titoli particolarmente attesi in arrivo sulla piattaforma nei prossimi mesi.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.