L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Roma 2012: Razzabastarda, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

C’è anche chi come Alessandro Gassman per esordire non va poi tanto sul sicuro. E’ vero che Razzabastarda, presentato nella sezione Prospettive Italia al festival di Roma, nasce da un’opera teatrale di successo, ma è pur vero che adattarla non è un gioco e che l’opera in sé, per temi e toni è un discreto schiaffo allo spettatore.

Gassman è anche interprete nel ruolo di Roman, uno spacciatore romeno di sangue gitano (da qui il titolo), che fa di tutto per tenere il figlio, il “cucciolo Nicu” di seconda generazione, lontano dalla droga e dai guai. E per farlo cerca di mettere su il colpo di una vita. Scritto da Gassman con Vittorio Moroni a partire dalla pièce di Reinaldo Povod adattata da Edoardo Erba, Razzabastarda è una tragedia urbana e sottoproletaria, arrabbiata, fisica e disperata, non senza una vena d’ironia e di disperata tenerezza.

Ambientato nella periferia più degradata di Latina, il film è uno spaccato contemporaneo, che guarda tanto all’Odio di Kassovitz quanto alla tv cinica di Ciprì e Maresco, narrato con gli occhi di un uomo buono e pessimo, dal disperato bisogno di affetto e dalla profonda tristezza nei confronti di ciò che non può dare al figlio (“Io vivo perché tu sia felice”, gli dice): Gassman racconta – in modo tanto vicino e tanto lontano da Alì ha gli occhi azzurri di Giovannesi, in concorso qui il festival – la situazione drammatica e problematica di chi vive ai margini attraverso un doppio adattamento, riuscito in entrambi i casi: da una parte, portare la realtà dei cubani di New York fino alla periferia laziale adattandola a una drammaturgia italiana venata di umorismo amaro, dall’altra portare il palcoscenico sul grande schermo dando forza alla ricerca estetica (bianco e nero magnifico di Federico Schlatter con esoterici inserti di colore).

Ne esce un film sorprendente, coeso con la realtà che vuole raccontare ma capace di trasfigurarla con lo stile, che specifica i contesti grazie alla narrazione e che sa vivere della fisicità sottoproletaria dei suoi protagonisti. Certo, se fossimo in un paese dalle diverse abitudini cinematografiche, Razzabastarda sarebbe stato più violento e duro, più coraggioso in certi passaggi, ma resta comunque – specie alla luce del finale – un’opera dal respiro e dalla cupezza inconsueti, che Gassman interpreta con la sicurezza incredibile di un ruolo che si è portato per anni e che trasmette al giovane Giovanni Anzaldo, all’irresistibile Manrico Giammarota e a una sontuosa Madalina Ghinea. Fenomenale, come sempre, il cameo di Michele Placido. Una sorpresa che ancora dobbiamo capire perché non è in concorso.

Il festival è agli sgoccioli: i vincitori e le ultime novità solo su Screenweek.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Tutta colpa di Freud: il trailer della serie con Claudio Bisio, dal 26 febbraio su Prime 24 Febbraio 2021 - 21:30

Tratta dal film di Paolo Genovese, la serie è diretta da Rolando Ravello e interpretata anche da Claudia Pandolfi, Max Tortora e Herbert Ballerina

Stoffa da Campioni – Cambio di Gioco: il trailer ufficiale della serie targata Disney+ 24 Febbraio 2021 - 21:03

Disney+ ha diffuso il trailer ufficiale della serie Stoffa da campioni: cambio di gioco, che debutterà sulla piattaforma streaming venerdì 26 marzo.

Disney+: ecco le date di uscita di Turner e il Casinaro, Monsters at Work e molto altro 24 Febbraio 2021 - 20:55

Dopo Loki e The Bad Batch, Disney+ ha svelato la data di uscita di altri titoli particolarmente attesi in arrivo sulla piattaforma nei prossimi mesi.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.