L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Roma 2012: Marfa Girl, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

Se alla recente mostra di Venezia Spring Breakers aveva fatto esultare molti cinefili (non chi scrive, anzi), dubitiamo che Marfa Girl di Larry Clark (ex “maestro” di Harmony Korine), in concorso al festival di Roma, potrà avere lo stesso peso, pur partendo da presupposti vicini, anzi porta quasi a rivalutare il film con James Franco.

Il film racconta le vite di un gruppo di ragazzi di Marfa, al confine con il Messico: musica, parole, canne e sesso, ma anche la presenza ingombrante e inquieta di un poliziotto. Scritto dallo stesso Clark, Marfa Girl è il tipico dramma del regista, anti-narrativo e desolato, giocato sulla formula “perversioni su sfondo povero con ragazze ammiccanti”, che vuole raccontare i ragazzi (rigorosamente minorenni) dentro una comunità stavolta più definita, come quella ispano-americana al confine.

Il film infatti assembla durante l’andamento apparentemente casuale dei suoi eventi i simboli dell’America, i suoi valori e li confronta con la spiritualità messicana, sia essa cattolica o sciamanica; fattore estraneo e disturbante, in un racconto che celebra la libertà sessuale soprattutto giovanile è l’autorità, incarnato da adulti e genitori e dai poliziotti. Questo impianto concettuale, purtroppo, è retto da un cinema vuoto, che il sesso come unico orizzonte culturale senza farne un adeguato veicolo cinematografico, che non cerca nemmeno di riflettere sul suo stesso vuoto.

Meno morboso e programmatico del solito, oseremmo dire quasi “maturo, Marfa Girl resta comunque un film che indispone, che non ha rispetto per lo spettatore proponendogli un piatto precotto che si crede sorprendente, in cui tutto risponde alla voglia di Clark di scioccare, ma anche all’assoluta mancanza di un vero sguardo, di una vera idea cinematografica che non sia stata superata dagli ultimi 20 anni, per non parlare della violenza assolutamente fasulla, banale, appiccicata a forza, sterile come il resto del film. E nonostante un monologo come quello sulla clitoride, le donne sono sempre e solo portatrici di vagina e quasi mai personaggi. Pessimo, soprattutto perché ci chi gli dà ancora credito.

Resta con Screenweek per non perdere nemmeno un aggiornamento dal festival di Roma.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Terminator: Production I.G realizzerà una serie animata per Netflix 26 Febbraio 2021 - 22:35

Il CEO di Production I.G rivela di aver chiesto consiglio a Mamoru Oshii. Il progetto è ancora nelle primissime fasi di sviluppo.

George Clooney e Julia Roberts di nuovo insieme in Ticket to Paradise 26 Febbraio 2021 - 20:45

Le due star interpreteranno una coppia divorziata in viaggio verso Bali per impedire alla figlia di commettere il loro stesso errore

Wandavision: La spiegazione della scena dopo i titoli di coda dell’episodio 8 26 Febbraio 2021 - 20:05

Anche nell'episodio 8 di WandaVision è presente una scena dopo i titoli di coda: ecco i possibili significati nascosti che potrebbe contenere!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.