L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Roma 2012: Kirikou et les hommes et les femmes, la recensione del cartoon di Ocelot

Di emanuele.r

Passato in sordina nell’oasi di Alice nella città, sezione parallela del festival di Roma, Kirikou et les hommes et les femmes è però una delle visioni migliori della prima tranche del festival, che va a chiudere una trilogia cominciata dal regista e animatore Michel Ocelot prima col capolavoro Kirikou e la strega Karabà e poi con Kirikou e le bestie selvagge.

In questo terzo film, Kirikou deve cominciare a crescere e affrontare tra magia e acume, i problemi quotidiani della vita di tutti i giorni, che nascondono sempre quel tocco di meraviglia che serve a una fiaba. Scritto da Ocelot con Bénédicte Galup, Cendrine Maubourguet e Susie Morgenstern, Kirikou et les hommes et les femmes è una favola, o meglio una raccolta di favole, che racconta a suo modo la crescita del piccolo protagonista, la maturazione anche dei temi del film, descrivendo con occhio comunque sognante la vita in un villaggio africano fuori dal tempo, o forse dentro il tempo.

Più che lo scontro col Male o il pericolo della morte, temi cardine di ogni fiaba, Ocelot si diverte a rileggere le prove della vita africana alla luce della loro cultura popolare, trasfigurando piccoli episodi in avventure mirabolanti, la musica nella più grande delle magie e, al contrario, riducendo la strega malvagia in una sorta di fastidiosa (e paradossalmente buffo) sindaco. Ma più che negli altri, ciò che emerge è il piacere e la potenza ancestrale del racconto, l’importanza salvifica della narrazione, tanto che la vera formazione di Kirikou non avviene diventando uomo, ma griot, ossia  poeta e cantore che svolge il ruolo di conservare la tradizione orale degli antenati.

Ocelot ha sviluppato uno stile d’animazione magnetico che si è evoluto nel corso degli anni, sposando il disegno tradizionale delle popolazione africane con la computer grafica, la precisione etnografica del dettaglio e della ricostruzione con un disegno che esalta la capacità immaginativa degli spettatori (geniali in questo senso i feticci della strega). Un piccolo, brillantissimo e colorato gioiello che dà serenità e buonumore a livello endemico, che merita di essere diffuso e apprezzato.

Se non volete perdere nemmeno una news dal festival di Roma, restate su Screenweek.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Tutta colpa di Freud: il trailer della serie con Claudio Bisio, dal 26 febbraio su Prime 24 Febbraio 2021 - 21:30

Tratta dal film di Paolo Genovese, la serie è diretta da Rolando Ravello e interpretata anche da Claudia Pandolfi, Max Tortora e Herbert Ballerina

Stoffa da Campioni – Cambio di Gioco: il trailer ufficiale della serie targata Disney+ 24 Febbraio 2021 - 21:03

Disney+ ha diffuso il trailer ufficiale della serie Stoffa da campioni: cambio di gioco, che debutterà sulla piattaforma streaming venerdì 26 marzo.

Disney+: ecco le date di uscita di Turner e il Casinaro, Monsters at Work e molto altro 24 Febbraio 2021 - 20:55

Dopo Loki e The Bad Batch, Disney+ ha svelato la data di uscita di altri titoli particolarmente attesi in arrivo sulla piattaforma nei prossimi mesi.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.