L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Roma 2012: E la chiamano estate, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

Terzo e ultimo film in concorso al festival del film di Roma, E la chiamano estate è anche il terzo film del regista Paolo Franchi, regista del controverso Nessuna qualità agli eroi: una storia sessuale e intima che però non trova la giusta direzione né forma visiva.

La storia è quella di Anna e Dino, una coppia solida ma che non ha rapporti sessuali per causa di lui, che preferisce le prostitute e le coppie di scambisti. Questo scontro tra eros e amore porterà l’uomo a un ripensamento dolorosissimo della propria vita. Scritto da Franchi con Daniela Ceselli, Rinaldo Rocco e Heidrun Schleef, E la chiamano estate (dalla celebre canzone di Bruno Martino) è un dramma erotico ed esistenziale che cerca il nume tutelare di Antonioni ma che si arena nell’impossibilità di far coincidere le cose da dire con il giusto modo per dirle.

Come una sorta di incrocio tra Shame e il sottovalutato L’odore del sangue di Martone, il film racconta l’abisso sessuale di un uomo “diversamente impotente”, incapace di amare sessualmente o di fare sesso amando, in modo allo stesso tempo disperato ed esplicito, cercando nei corpi nudi e nei rapporti carnali la chiave per capire una sorta di anaffettività in cui la vera protagonista forse è propria la donna amata, vittima di una situazione paradossale che non può affrontare. Temi e immagini che non fanno parte del background del cinema italiano e che Franchi ha il coraggio di portare alla luce: ma nel cinema, come in ogni forma di arte, il come conta come e più del cosa.

E il come del film è preoccupante: fermo a un’idea di cinema d’autore di 40 anni fa, il regista fatica sempre di più a dare una precisa forma, si lascia andare a facili manierismi, come la casa, simbolo di un’intimità falsamente immacolata, ripresa in accecante bianco flou, indugia sui corpi e sul sesso e diventa via via più goffo nel voler cercare un mélo che sia anche artisticamente significativo ma naufragato in bruttissimi dialoghi. Ambizioni, quelle di Franchi, che diventano moralismo presuntuoso, ma anche segno di un’evidente mancanza di completezza registica, come dimostra la scelta sbagliata del protagonista Jean-Marc Barr o la totale evanescenza di Isabella Ferrari. Finora il peggior film del concorso, e forse del festival.

Non perdetevi nemmeno una news o una recensione dal festival di Roma, solo su Screenweek.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Netflix: Tutte le novità di Marzo 2021 28 Febbraio 2021 - 20:00

Moltissimi contenuti si aggiungono al catalogo di Netflix a partire dal mese di Marzo, fra cui spicca un elenco di pellicole più lungo del solito: ecco tutte le novità in arrivo!

Gomorra: ecco le prime immagini della stagione 5 28 Febbraio 2021 - 19:00

Salvatore Esposito ci offre un assaggio della quinta stagione di Gomorra, che come sappiamo sarà anche l’ultima.

Superman & Lois – Una featurette dedicata al ritorno a Smallville 28 Febbraio 2021 - 18:00

La nuova featurette di Superman & Lois è dedicata a Smallville, la città in cui Clark è cresciuto, dove lui e famiglia si trasferiscono all'inizio della serie.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.