Warning: getimagesize(https://n7m3z4b2.stackpathcdn.com/wp-content/uploads/2012/11/ali-ha-gli-occhi-azzurri_.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Roma 2012 – Alì ha gli occhi azzurri, la recensione.

Roma 2012 – Alì ha gli occhi azzurri, la recensione.

Di laura.c

Era il 2009 quando il giovane regista Claudio Giovannesi presentava al Festival Internazionale del Film di Roma un interessante documentario intitolato Fratelli d’Italia, girato nel contesto periferico di Ostia e incentrato su tre ragazzi di origine straniera, con tre storie molto diverse alle spalle ma tutti a loro modo alle prese con i problemi della cosiddetta integrazione. Quest’anno lo stesso regista torna al festival capitolino con un altro titolo, stavolta in concorso, che recupera il discorso aperto nell’opera precedente, ma lo tramuta in un lungometraggio di finzione, molto aderente allo stile del documentario eppure dotato di uno slancio narrativo in più.

Il film si chiama Alì ha gli occhi azzurri, e ciò che più sorprende sin dalle sequenze iniziali, è la scelta di Giovannesi di non mantenere solo gli spunti offerti da Fratelli d’Italia, ma anche lo stesso ragazzo protagonista del terzo episodio, Nader, e i componenti della sua famiglia egiziana: c’è perfino una scena in sala da pranzo che ricalca in maniera quasi fedele una già riportata nel precedente lavoro di non-fiction. Lo stile della regia si aggrappa fortemente a una sensazione di pedinamento della realtà, e non si appella neppure alla fotografia (curata da Daniele Ciprì), che rimane volontariamente “sporca”, affatto patinata o abbellita in modo artificioso. Ciononostante, il film si distanza subito dalla formula del documentario, aggravando sin dall’incipit la storia del giovane Nader con elementi fortemente conflittuali e drammatici. Il racconto si apre sul litorale romano, dove il protagonista, insieme al suo migliore amico italiano Stefano, si appresta con estrema tranquillità a commettere una serie di piccoli reati, per poi presentarsi a scuola come nulla fosse. La sua vita è circondata dal degrado materiale e umano di una periferia algida quanto i toni freddi delle immagini. Come se ciò non bastasse a indurlo verso la fatidica “cattiva strada”, al suo dramma personale contribuisce anche la famiglia, che si rifiuta di accettare la sua ragazza non musulmana e altri tratti caratteristici di un’italianità deteriore come quella che permea le aree di maggior disagio economico e sociale.

Come già avveniva nel precedente documentario, in poche parole, Nader viene assunto come simbolo del conflitto identitario degli immigrati di seconda generazione, solo che in questo caso le esigenze narrative della finzione esasperano i contorni più sfumati (e in un certo senso anche più sorprendenti) della realtà, caricandoli non solo di ogni tipo di frattura socio-culturale, ma anche di elementi presi a prestito da un immaginario cinematografico consolidato. La storia di Nader e Stefano, insomma, diventa un compendio di problematiche di attualità (dal crocifisso a scuola allo sfruttamento degli immigrati da parte di altri immigrati, al razzismo e al conflitto tra le diverse etnie), mentre la trama si dipana seguendo il filo del crime movie, per fortuna senza finale tragico allegato. È come se il film non riuscisse a trovare un solido equilibrio tra la sua esplicita volontà anti-estetizzante e l’inevitabile estetizzazione legata alla scelta di un certo impianto drammatico, o di simbologie forti come i finti occhi azzurri del protagonista, su cui la macchina da presa si sofferma volentieri soprattutto nella prima parte del film. Il risultato è sempre interessante, e lodevole nella misura in cui si sforza di portare alla luce realtà poco esplorate del Paese, anche a livello artistico. D’altra parte, facendo un confronto tra i due film, è difficile non continuare a preferire il documentario che sapeva di finzione, rispetto alla finzione che sa di realtà.

In concorso al VII Festival Internazionale del Film di Roma, Alì ha gli occhi azzurri arriverà nelle nostre sale il 15 novembre, distribuito da  BIM.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Only Murders in the Building: un nuovo teaser per la stagione 2 17 Maggio 2022 - 22:19

Ecco un nuovo teaser trailer della seconda stagione di Only Murders in the Building, in arrivo su Disney+ il 28 giugno.

Quel che conta è il pensiero: trailer e foto della commedia in sala dal 26 maggio 17 Maggio 2022 - 22:00

Trent Film ha rilasciato trailer e foto della commedia Quel che conta è il pensiero, film di Luca Zambianchi che arriverà al cinema dal 26 maggio.

Elvis: nuovi poster per il film di Baz Luhrmann, Austin Butler è il Re del Rock! 17 Maggio 2022 - 21:15

Austin Butler ritratto sui nuovi poster di Elvis, il film biografico sul mitico Re del Rock diretto da Baz Luhrmann.

Bang Bang Baby, episodi 6-10: una chiusura col botto (no spoiler) 16 Maggio 2022 - 14:45

Sì, anche il secondo blocco di episodi di Bang Bang Baby, la serie di Prime Video, merita assolutamente la visione.

Doctor Strange nel Multiverso della Follia: chi c’è, cosa succede, cosa verrà dopo (SPOILER) 6 Maggio 2022 - 10:18

Chi c'è, cosa succede, cosa vuol dire per il futuro dell'MCU.

Moon Knight, episodio 6: il finale con i grandi, ma non un gran finale (SPOILER) 5 Maggio 2022 - 11:27

Bastoncino pim pum pam, volan tanti scappellotti.