L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Lucca Movie – Frankenweenie di Tim Burton, la recensione in anteprima #luccamovie

Di Leotruman

Bravo!” dice il padre di Victor Frankenstein dopo aver visto il film amatoriale montato dal figlio, un monster movie girato in stop motion proprio come lo stesso Tim Burton ha fatto con FrankenweenieE un Bravo lo diciamo anche noi al regista di Burbank, tornato a proporci una favola degna del suo nome e forti emozioni dopo le sue due ultime deludenti pellicole.

Un salto nel passato quello compiuto da Burton, che ha ripescato uno sei suoi lavori di gioventù, il corto Frankenweenie, e lo ha adattato per il grande schermo trasformandolo in un gioiello animato girato con la stessa tecnica de La Sposa Cadavere. La prima parte del film rispecchia perfettamente la storia e le sensazioni che il corto stesso dava: Victor, un ragazzo timido ed introverso, preferisce rimanere in casa, o meglio nella sua soffitta, a fare piccoli esperimenti o a girare pellicole amatoriali piuttosto che giocare con i suoi amici. Anzi, di amici non è ha proprio ma non è un ragazzo triste: ha una famiglia che lo ama e soprattutto un cane, Sparky, che è il suo compagno fidato di mille avventure.

Un tragico incidente gli porta via Sparky, e Victor non riesce ad accettare la morte del cane. Grazie alla sua passione per la scienza, e ai consigli (indiretti) del suo professore di scienze, riesce a riportarlo in vita: è lo stesso Sparky nell’animo e negli affetti, ma esteriormente è un mostro, con bulloni ai lati del collo, e rattoppi in ogni parte del corpo per evitare che cada a pezzi. Un ragazzino opportunista scopre il segreto di Victor, e svelandolo metterà in grave pericolo l’intera e tranquilla cittadina di New Holland.

Tim Burton versa tutto sè stesso nel personaggio di Victor, fortemente autobiografico, e non a caso ha anche lo stesso sguardo, quasi le stesse movenze e parlantina. Per il regista il primo vero rapporto d’amicizia, quelli veri e saldi, si crea con il proprio animale domestico quando si è bambini. La sua eventuale morte costituisce nella vita di ognuno forse il primo lutto al quale si assiste e del quale si abbia memoria. La tristezza e la malinconia vengono però subito spazzate via dal ritorno di Sparky, e dall’avvincente storia che ne consegue.

Frankenweenie - Dietro le Quinte - Foto 5

Le perle sparse da Burton durante tutto Frankenweenie sono tante. Troviamo citazioni sparse per tutta la pellicola dei suoi film horror classici preferiti, e non a caso tutti i compagni di scuola di Victor assomigliano i più noti mostri. Bellissima la dichiarazione d’amore che Burton fa nei confronti delle arti ma anche della scienza, due materie fondamentali che devono essere coltivate sin dall’infanzia: è Mr. Rzykruski (doppiato in lingua originale da Martin Landau) a strappare le più fragorose risate, non solo durante le sue lezioni di scienze, ma anche quando prende in giro e accusa l’intera assemblea di genitori di non riuscire a comprendere i figli e le loro azioni in quanto stupidi e ignoranti. Un po’ di fiducia è quello ogni bambino chiede ai propri genitori, anche solo per continuare a coltivare le proprie passioni e inseguire un sogno nel cassetto che forse loro non riescono a comprendere pienamente (diventare uno scienziato, o un… regista).

Divertente l’atto finale con i mostri risvegliati che attaccano la città, la vera differenza tra il corto live action e questo film animato, mentre un po’ frettolosa la parte finale al mulino, che nel lavoro originale regalava maggiori emozioni. Il film si conclude esattamente nello stesso modo, regalando sorrisi e commozione. A livello tecnico, eccellenza raggiunta in ogni ambito da Burton e dal suo team, che come avevamo già potuto vedere anche al Comic-Con visitando la mostra itinerante The Art of Frankenweenie.

Per andare avanti, Tim Burton è dovuto tornare al passato. Operazione nostalgia riuscita: speriamo ora che il regista, dopo essersi ricordato chi è realmente (e di spendidi film ne ha girati tanti, come Edward Mani di Forbice, Sleepy Hollow, Big Fish, Sweeney Todd…) possa continuare a regalarci nuove favole senza tempo senza fare passi indietro.

Voto: 7.5

Lucca Movie Comics & Games ci ha regalato questa bellissima anteprima a quasi due mesi dall’uscita: Frankenweenie farà infatti il suo ingresso nelle sale italiane il 17 gennaio 2013. Per maggiori informazioni potete consultare le nostre News dal Blog. Vi ricordiamo inoltre che qui trovate la pagina facebook italiana del film.

Per tutte le informazioni su Lucca Movie visitate la pagina Facebook, o seguite su Twitter e i social network le tag #LuccaMovie e #lcgmovieSW. A questo link trovate invece il sito ufficiale della manifestazione.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

GLAAD Media Award: ecco la reunion di Glee in onore di Naya Rivera 10 Aprile 2021 - 20:00

La trentaduesima edizione dei GLAAD Media Award ha ospitato una reunion di Glee. Un omaggio nei confronti di Naya Rivera, tragicamente scomparsa lo scorso luglio.

Shang-Chi: le action figure svelano alcuni importanti dettagli sulla storia 10 Aprile 2021 - 19:00

Le informazioni su Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings sono scarse ma alcuni dettagli sulla trama arrivano dalle action figure realizzate per accompagnare il lancio della pellicola.

Anticipata l’uscita americana di Peter Rabbit 2 10 Aprile 2021 - 18:00

La Sony ha annunciato la nuova data di uscita di Peter Rabbit 2: Un birbante in fuga. Il film arriverà con un po’ di anticipo nelle sale americane, passando dal 2 luglio al 18 giugno.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.