L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Les Misérables – I sette numeri musicali che non possono mancare!

Di Leotruman

Pochi giorni fa le prime proiezioni di Les Miserables hanno raccolto consensi, applausi e lacrime, lanciando la pellicola diretta da Tom Hooper (premio Oscar per Il Discorso del Re) verso una trionfale stagione dei premi.

Un musical di questo tipo e con un tale livello di realismo non si era mai visto sul grande schermo secondo alcuni partecipanti agli screening. Questo perché l’adattamento del celebre musical di Claude-Michel Schönberg e Alain Boublil, prodotto da Cameron Mackintosh (che ha prodotto anche la pellicola) ha il suo punto di forza nell’interpretazione dei brani live sul set, e non montati in playback come solitamente accade. Tutto il procedimento è stato ben spiegato nella lunga featurette, che potete rivedere a questo link.

Il musical originale ha 47 brani, tra pezzi interi e reprise, e sappiamo che nelle due ore e mezza di Les Misérables di Tom Hooper saranno molti i brani presenti nel montaggio finale, perché il regista ne ha preservato un grande numero in quanto sostituzione stessa dei dialoghi per come sono impostati e recitati (basti vedere come spiega il suo soliloquio iniziale Hugh Jackman nella featurette).

Ma quali saranno i momenti chiave della pellicola? Ecco i numeri che non possono mancare e dai quali ci aspettiamo grandissime emozioni (se non conoscete la storia, l’articolo contiene alcuni SPOILER):

1) What Have I Done? – Valjean

Conosciuto anche come il soliloquio di Valjean (Hugh Jackman), è una delle canzoni del prima parte del musical. Nonostante il vescovo aiuti Jean Valjean, un ex-galeotto che era stato condannato per aver rubato del pane, l’uomo ruba dalla sua casa alcuni candelieri e scappa. Arrestato viene riportato dal Vescovo, che lo salva e gli da quello che nessuno gli aveva mai offerto: la possibilità di cominciare una nuova vita. Che cosa ho fatto? si dice Valjean quando capisce la stupidità del suo gesto.

What have I done? Sweet Jesus, what have I done? Become a thief in the night.
Become a dog on the run. And have I fallen so far. And is the hour so late. That nothing remains but the cry of my hate…


2) I Dreamed a Dream – Fantine

La canzone più famosa dell’intero musical. Fantine (Anne Hathaway) è stata licenziata ed è disperata: come farà a mettere da parte soldi per la figlia Cosette, che ha dato in “affidamento”? È completamente sola durante la canzone si rifugia nel passato, quando ancora aveva dei sogni, infranti dal padre di sua figlia che l’ha abbandonata. Finirà per vendere i capelli (e anche i denti) ed il suo corpo, prima di essere salvata da Valjean.

…I had a dream my life would be.
So different from this hell I’m living
So different now from what it seemed
Now life has killed the dream I dreamed.

3) Who am I? – Valjean

Valjean ha fatto fortuna, ma è costretto a vivere con un altro nome per evitare di essere scoperto dal terribile Ispettore Javert (Russell Crowe). Un uomo viene però catturato e accusato di essere Valjean: non riuscendo a mandare in prigione un uomo innocente al suo posto, decide di svelare al processo chi è realmente per poi essere inseguito da Javert.

Who am I? 
Can I condemn this man to slavery 
Pretend I do not feel his agony 
This innocent who bears my face 
Who goes to judgement in my place 

4) Master of the House – i Thénardier

Una delle canzoni più briose del musical, cantata dai coniugi Thénardier, interpretati in questa versione da Helena Bonham Carter e Sacha Baron Cohen. Il signor Thénardier è un uomo molto astuto, che cerca di frodare clienti e passanti in ogni modo possibile: Valjean vuole riprendere la piccola Cosette dopo la morte di Fantine, per crescerla lui stesso e non lasciarla al suo triste destino insieme alla coppia.

Master of the house Quick to catch yer eye 
Never wants a passerby To pass him by 
Servant to the poor Butler to the great 
Comforter, philosopher, 
And lifelong mate! 
Everybody’s boon companion. Everybody’s chaperone 

5) Do You Hear the People Sing? – Studenti e il popolo

Sono passati dieci anni e Cosette e Valjean vivono a Parigi. Marius (Eddie Redmayne) apprende la notizia della morte di Lamarque, e gli studenti si mettono a marciare per le strade della città per raccogliere il supporto popolare alla loro lotta. Uno dei temi più noti, che si sente anche alla fine del full trailer.

Do you hear the people sing? 
Singing a song of angry men? 
It is the music of a people 
Who will not be slaves again! ù

6) One Day More – Valjean, Marius, Cosette, Éponine, Javert

È la canzone che chiude il primo atto del musical a teatro, ed è particolarmente emozionante. Cantata praticamente da tutto il cast alla vigilia di una nuova rivoluzione, Valjean si prepara a dover scappare ancora una volta con Cosette, ma le cose andranno diversamente dai suoi progetti.

One day more!Another day, another destiny.
This never-ending road to Calvary. These men who seem to know my crime.
Will surely come a second time


7) On my Own – Éponine

Altra celebre aria cantata da Eponine (Samantha Barks) mentre torna sulle barricate ignorando il consiglio dell’amato Marius, che però è ormai completamente invaghito di Cosette. Non finirà bene per la ragazza… (la Barks ha interpretato il ruolo molte volte a teatro, ed è lei a cantare nel video sottostante).

On my own 
Pretending he’s beside me 
All alone, I walk with him till morning 
Without him 
I feel his arms around me 
And when I lose my way I close my eyes 
And he has found me 

 

Il film farà il suo ingresso nelle sale italiane giovedì 31 gennaio 2013. Per tutte le novità sulla pellicola potete consultare le nostre News dal Blog. Vi ricordiamo inoltre che qui trovate la pagina facebook del film.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Godzilla Vs Kong: le nostre interviste al regista e al cast 7 Maggio 2021 - 14:15

Godzilla Vs. Kong è da ieri disponibile per l’acquisto e il noleggio digitale. Ecco le nostre interviste a Rebecca Hall, Eiza González, Demián Bichir e Adam Wingard.

Dave Bautista ha rifiutato un ruolo in The Suicide Squad per Army of The Dead 7 Maggio 2021 - 13:49

Dave Bautista rivela che James Gunn aveva scritto per lui un piccolo ruolo in The Suicide Squad ma ha dovuto rifiutarlo per recitare in Army of the Dead di Zack Snyder

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.