L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

La Universal fa causa per la porno-parodia Fifty Shades Of Grey: A XXX Adaptation

Di Valentina Torlaschi

Come abbiamo avuto modo di raccontarvi, nella primavera scorsa Universal Pictures e Focus Features avevano vinto un’asta milionaria per aggiudicarsi i diritti di sfruttamento cinematografici della trilogia scritta da E. L. James che ha venduto in pochi mesi decine di milioni di copie in tutto il mondo (32 milioni per la precisione, in particolare nel formato e-book). La pre-produzione per l’adattamento del primo capitolo si sta avviando (giusto qualche settimana fa è stata scelta la sceneggiatrice Kelly Marcel) ma ora sono sorti alcuni “problemini” legali.

Il tutto ruota intorno a Fifty Shades Of Grey: A XXX Adaptation, la versione parodia-pronografica del libro prodotta dalla Smash Pictures. La Universal sembra aver visionato il film e sia andata su tutte le furie perché ha riscontrato una “una spudorata violazione del marchio” e dei suoi diritti sullo sfruttamento esclusivo del libro: in poche parole Fifty Shades Of Grey: A XXX Adaptation non è una rivisitazione ironica- hardcore del libro ma un vero e proprio adattamento. Quindi, la Universal (insieme alla Fifty Shades Ltd) ha ufficialmente lanciato la propria battaglia legale precisando che: “questo adattamento XXX non è una parodia, non ci sono commenti, critiche o una rivisitazione che ridicolizzi il materiale originale di partenza. È un imbroglio puro e semplice!”. In Fifty Shades Of Grey: A XXX Adaptation si usano “esattamente gli stessi dialoghi, personaggi, eventi, storie e stile del libro originale 50 Sfumature di grigio“.

Le richiesta degli avvocati di Universal e Focous sono drastiche e pretendono che tutte le copie, sia fisiche che i file digitali, di Fifty Shades Of Grey: A XXX Adaptation sinao distrutte e con esse qualsiasi altro materiale di marketing correlato. Inoltre, si chiede che il progetto di adattamento pornografico degli altri due libri della trilogia sia immediatamente bloccato. E naturalmente i legali stanno valutando i danni di immagine e commerciali avuti in seguito a questa operazione. L’aspetto più grave sembra essere stato il fatto di aver usato il titolo del libro (Fifty Shades Of Grey) nel titolo dell’adattamento hardcore (Fifty Shades Of Grey: A XXX Adaptation) macchiando così l’immagine del romanzo e allontanando un eventuale pubblico dalla futura versione cinematografica della Universal. Se volete “divertirvi” QUI trovate il documento legale ufficiale. Vi terremo aggiornati sull’evoluzione di questa controversia.

Fonte: Deadline


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Only Murders in the Building: nuovo trailer per la serie Star con Steven Martin e Martin Short 27 Luglio 2021 - 20:30

Insieme a Selena Gomez, interpreteranno tre podcaster che decidono di risolvere un delitto. dal 31 agosto su Disney+ Star

Nuove aggiunte al film autobiografico di Spielberg, tra cui Judd Hirsch 27 Luglio 2021 - 19:30

Il cast di The Fabelmans si arricchisce di quattro nuovi interpreti veterani

Batman Unburied: Winston Duke e Jason Isaacs saranno Bruce Wayne e Alfred nel podcast 27 Luglio 2021 - 18:45

Il podcast nasce da un'idea di David Goyer e vedrà Bruce Wayne nell'insolito ruolo di patologo forense. In arrivo su Spotify

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.