Condividi su

28 ottobre 2012 • 09:55 • Scritto da Leotruman

Viva l’Italia sale in testa di sabato, ma Le Belve e Ted vincono per medie

Viva l'Italia di Massimiliano Bruno sale in testa alla classifica, forte delle sue 500 sale, ma la media per sala non decolla. Meglio Le Belve e Ted (quest'ultimo al suo quarto fine settimana di programmazione!). Tiene Gladiatori di Roma, mentre non decolla Nemo 3D. Bene The Possession e Amour di Haneke.
Post Image
11

Viva l'Italia Rocco Papaleo Massimiliano Bruno Ambra Angiolini Edoardo Leo Raoul Bova Alessandro Gassman Michele Placido foto del cast

Sarà una vittoria agrodolce quella di Viva l’Italia, la nuova commedia di Massimiliano Bruno con Raul Bova, Michele Placido e Alessandro Gassman, in questo ultimo fine settimana cinematografico di ottobre.

Ieri la pellicola è salita finalmente in testa staccando gli altri film, con 554mila euro raccolti. Ma la media per sala non decolla visto il numero di schermi a disposizione (1.189 euro per schermo). Il totale in tre giorni è di 788mila euro, là dove Nessuno mi Può Giudicare era riuscito ad incassare 1.55 milioni nei suoi primi tre giorni di programmazione nel marzo 2011 (mercoledì-venerdì), 2 milioni addirittura se consideriamo il periodo giovedì-sabato. Niente da fare: la commedia italiana stenta a decollare in questo autunno, e poche le chances di riuscirci prima de Il Peggior Natale della Mia Vita (fine novembre).

Seguono Le Belve, il nuovo film diretto da Oliver Stone, e Tedla commedia dei record di Seth MacFarlane: gli incassi rispettivamente sono stati di 356mila euro e 335mila euro, con media di quasi 1.200 euro e 1.300 euro (assurdo come sia Ted al suo quarto weekend ad avere la migliore rispetto alle nuove uscite). I totali sono di quasi 600mila euro per il thriller di Oliver Stone, e 9.7 milioni per l’orsacchiotto (supererà i 10 proprio oggi).

Buona tenuta per il cartoon italiano Gladiatori di Roma, che perde meno del 20% rispetto allo scorso sabato e aggiunge altri 248mila euro (media 800 euro, totale 1.3 milioni). Incassi distanziati tra loro per soli 10 euro per  The Possession, l’horror thriller prodotto da Sam Raimi e diretto da Ole Bornedal, ed Io e Te, ritorno in sala del maestro Bernardo Bertolucci: entrambe hanno raccolto 232mila euro, ma la media è migliore per l’horror (oltre i 1000 euro!).

Non decolla Alla ricerca di Nemo 3D con 144mila euro incassati (decima posizione), mentre Amour di Michael Haneke, Palma d’Oro all’ultimo Festival di Cannes, convince con la miglior media per sala della classifica e ben 70mila euro incassati in una manciata di schermi.

A domani mattina per la classifica completa!

Cliccate MI PIACE sulla nostra PAGINA FACEBOOK: troverete aggiornamenti costanti sugli incassi nei prossimi, come sempre anche nella nostra sezione dedicata al Boxoffice e sulla bacheca della nostra Box Office Cup!

Condividi su

11 commenti a “Viva l’Italia sale in testa di sabato, ma Le Belve e Ted vincono per medie

  1. spero in un ampliamento delle sale per Amour, nonostante le pochissime sale a disposizione sta facendo molto bene, ed è anche un bel film.

  2. con il maltempo ci si aspetta di piu dalla commedia viva l’italia,forse i dati preoccupanti dei mesi passati stanno diventando realtà
    sottileneo semmai che film italiani con attori sconosciuti sono x adesso gli unici ad aver fatto qulcosa di buono
    sempre le stesse facce x gli stessi film può anche stancare secondo me
    spiace x lavoro migliori italiani che hanno avuto meno sale a disposizione

  3. E’ veramente allucinante che nessuno dei film in programmazione tra nuovi e meno nuovi ha superato, questa settimana, il milione di incassi. Il film di Haneke, parlando in giro, pareva abbastanza atteso. Ma se poi lo piazzi in quattro sale quattro… Ridicolo far passare questo Bruno per il nuovo Monicelli (e Placido con Monicelli ci lavorò sul serio)., e la stessa cosa la lessi di Brizzi (poveri noi!). IO E TE è un altro di quei film che se usciti bla bla bla. Ma che lo ripeto a fare?! Così come ritengo assurda l’uscita de LE BELVE solo adesso. Va bè che Stone non è garanzia di grandi incassi, però… Concordo sull’analisi di alex1989, sempre le solite facce. Che vedi in sala, al cinema, in pubblicità. Alla fine l’unico motivo per vedere VIVA L’ITALIA rimarrebbe l’attore più vecchio. E questo la dice lunga su come stiam messi.

  4. è davvero triste che il mercato italiano sia ancora così dipendente dalle condizioni metereologiche … oggi scommetto ci sarà un bel boost per tutti.
    a conti fatti pare che il giovedì e il venerdì al pubblico non interessi per nulla di andare al cinema.

  5. cocnordo con federico e roelbos nelel loro analisi, e segnalo l’ottimo esordio di skyfall in inghilterra vedremo da noi e nel mondo

  6. Bruno torna a dominare, confermando che spesso tra l’opera 1a e la 2a c’è un abisso incredibile a danno della 2a (Viva l’Italia forse in settimana lo vedrò, anche se dubito sarà ai livelli di Nessuno mi può giudicare, che mi piacque un sacco fin dalla 1a visione).
    Mitico Ted, che fin dall’uscita ha dominato come media per sala (e il 2° e il 3° weekend li ha anche vinti): oggi finalmente il tetto dei 10 milioni crollerà!
    Regge meglio del previsto Gladiatori di Roma 3D: a quanto pare molte famiglie lo avranno voluto vedere.
    Mi spiace che Nemo 3D non abbia decollato: merita assolutamente la visione! Ahimè, a differenza de Il Re Leone e Titanic, la memoria degli spettatori, grandi e piccini, è ancora troppo fresca. Si parla di poco meno di 9 anni fa (dicembre 2003-gennaio 2004, periodo in cui ottenne uno straordinario e meritato successo, sfiorando i 22 milioni complessivi). Come per gli States, avrei fatto aspettare più di 9 anni prima di farlo tornare in sala in 3D: valli a capire i distributori.
    Amour, nonostante le pochissimissime sale a disposizione (a Genova una sola: meglio che niente), continua ad avere una media per sala eccellente e ad incassare bene: quando l’ottimo passarola e la qualità eccellente si dimostrano armi vincenti (per me, 4 stelle su 5)! =)

  7. Mamma quanto ve rode…io il film l’ho visto e mi è piaciuto moltissimo e ci sarei andata anche se la giornata non fosse stata piovosa! trovare film come i suoi al giorno d’oggi è una rarità, ma le polemiche non mi meravigliano più di tanto in questo contesto di mediocrità e ipocrisia.

  8. Io Viva l’italia l’ho trovato schietto e geniale. Non so cosa avete visto voi… bah.
    E’ un film spietatamente anticonformista, l’ho visto al Jolly ieri sera e la gente alla fine ha applaudito.
    Non ci sarei andato se non mi avesse portato la mia fidanzata e non ho visto nessuno mi può giudicare.
    Le Belve invece è un film trito e ritrito che dimostra che Stone è finito.

  9. ma vogliamo mettere ted con i pupazzi di viva l’italia?(voci di corridoio al bar del cinema)oppure, perchè vietare ted e lasciare liberi bova ,pappaleo e la angiolini,bruno???

    gli applausi li fanno anche ai piloti di aerei alla fine, è abitudine…..,dovrebbe essere normale che un pilota sappia atterrare, e pure pare un evento che ci riesca….,così come è normale che chi va a vedere bova, la angiolini alla fine trova ciò che vuole e applaude(sai che il film è quello e loro sempre gli stessi)

    ma i gusti son gusti, le opinioni pure, e se vi è piacituo fate bene a dirlo

    io ho cmq solo sottolineato le troppe sale x questi film, e le poche x altri film italiani che forse meritano lo stesso trattamento
    così come che il film era stato presentato x la riscossa della commedia italiana(saranno i soliti idioti a fare boom)

    il maltempo influisce non poco x il boxoffice, non solo da noi ma ovunque, x esempio in america fa l’opposto,con il tornado non ci vanno, da noi con la pioggia solitamente c’è un aumento
    poi ovvio che se ti piace ci vai anche con il sole come è successo in estate x i film americani

  10. ma come dice il film, w l’italia perchè ognuno vede le cose a modo suo,e questo blog da le possibilità di dirle, a differenza di chi il cinema lo fa e spesso vuole solo sentirsi dire bravo o ti chiude il commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *