L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

ScreenWEEK incontra James Bond: il red carpet di Skyfall.

Di laura.c

James Bond sta per tornare: sono passati 50 anni da Dr. No, ma con Skyfall la spia più amata del mondo dimostra di saper come resistere alla prova del tempo, in un film che ruota proprio intorno al bisogno di eroi come 007 anche in un mondo ormai sempre più dominato dall’incertezza e da poteri nascosti dietro ad interfacce tecnologiche. In attesa che arrivi da noi la 23isma avventura dell’elegantissimo e infallibile Bond, abbiamo incontrato per voi la star assoluta del film,  Daniel Craig, insieme al regista di questo ultimo capitolo della saga,  Sam Mendes, e alla nuova sinuosa Bond Girl (che sembra destinata ad avere un ruolo stabile nella serie)  Naomie Harris. I tre sono stati infatti protagonisti del red carpet organizzato ieri a piazza della Repubblica, a Roma, per la première italiana del film.

Ecco il video con le interviste, e di seguito le trascrizioni. Enjoy!

Sam Mendes, una delle scene più memorabili del film è l’incontro tra Daniel Craig e Javier Bardem. Possiamo considerare Bardem come il primo Bond Boy?

S. M.: [Ride] Beh dovrete aspettare di vedere il film per scoprirlo! Comunque quella scena è volutamente ammiccante e ambigua, non si sa fino a che punto il cattivo scherza con Bond e quanto fa sul serio. Nei film di 007 il sesso è un gioco di potere, e in questo caso non è diverso.

Quanto è importante lo stile nei film di James Bond?

S. M.:  È molto importante, per me è fondamentale in ogni film che faccio. In questo caso però lo è ancora di più, è quasi alla pari con la trama e il racconto.

E cosa rende unico lo stile di questo James Bond?

S. M.: Beh siete voi a dovermelo dire. Io ho fatto questo film ma non sta a me rivederli tutti per metterli a confronto.

Dirigere un film di James Bond sembra un sogno d’infanzia che si avvera. Cosa si prova a farlo? [SW question]

S. M.: Ad essere sincero non ci avevo mai pensato da bambino. Certo, ho visto i film e mi divertivano molto, ma non ho mai immaginato di dirigerne uno. Anche per questo per me è stata un’esperienza inattesa e interessante.

 

Naomie Harris, a parte Daniel Craig, qual è il tuo James Bond preferito?

N. H.: Beh direi proprio Sean Connery. Era davvero sexy, non trovate?

Come ci si sente a essere la donna che ha quasi ucciso James Bond? [SW question]

N. H.: In effetti non è una cosa carina, credo che nessuno vorrebbe trovarsi a un pelo dal far fuori l’eroe per eccellenza… È l’unica cosa del film che mi è dispiaciuto fare. Però alla fine il mio personaggio supera il trauma, quindi  in fondo va bene così.

Invece cos’è che le è piaciuto di più? [SW question]

N. H.: Ovviamente ho amato l’intero film, ma la scena che preferisco è quella in cui faccio la barba a Daniel Craig. È più intima e intensa ed è stato bello tornare a concentrarmi su qualcosa del genere tra una scena d’azione e l’altra.

 

 

Daniel Craig, quanto è importante lo stile per un Bond Movie?

D. C.: È importantissimo. Nel ’62 è stato stabilito uno stile ben preciso con Dr. No e poi con Goldfinger: i film devono essere eleganti, avere un’estetica particolare, un’atmosfera, una loro bellezza.

E quanto influisce lo stile di James Bond sul suo personale? 

D. C.: In realtà per niente. È solo un personaggio che interpreto nel mio lavoro d’attore.

Questo film sembra dimostrare perché il mondo ha ancora bisogna di James Bond. [SW question]

D. C.: Beh grazie, è molto gentile.

Ma perché secondo lei ne ha ancora bisogno? [SW question]

D. C.: Personalmente posso solo dire di essere profondamente orgoglioso e felice di essere in questo film. Ho la possibilità di recitare e lavorare con i migliori professionisti del settore quindi mi considero un attore molto fortunato.

Come ci si sente a essere in un franchise che ora ha compiuto 50 anni? [SW question]

D. C.: È qualcosa di speciale, ovviamente non è merito mio ma sono davvero felice di poterlo festeggiare.

Cosa le è piaciuto di più di questo film? [SW question]

D. C.: L’intera esperienza è stata magnifica, lavoro con persone davvero fantastiche.

Quando ha visto il suo primo James Bond? E avrebbe mai pensato che un giorno sarebbe stato lei a dire “Il mio nome è Bond, James Bond”?

D. C.: Penso di avere avuto 5 o 6 anni quando ho visto per la prima volta Vivi e lascia morire, con Roger Moore, e no, non avrei mai pensato che un giorno sarei diventato James Bond.

Skyfall farà il suo ingresso nelle sale italiane il 31 ottobre 2012.Cliccate sul riquadro sottostante per tutte le precedenti news sul kolossal. QUI trovate la pagina Facebook ufficiale.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

WandaVision: come Dick Van Dyke ha aiuta la serie (senza conoscere il MCU) 18 Gennaio 2021 - 21:15

Il regista dai WandaVision Matt Shakman ha parlato dell’incontro che ha avuto con Dick Van Dyke, durante un pranzo a cui ha partecipato anche il Presidente dei Marvel Studios Kevin Feige.

Johnny Depp – Amber Heard: Anche Disney e LAPD chiamate in causa al processo 18 Gennaio 2021 - 21:11

Amber Heard ha citato la Walt Disney Motion Picture Group e la LAPD nei processi in corso contro Johnny Depp. Eccoun aggiornamento sui processi e le querele.

Master of None tornerà su Netflix con la stagione 3 18 Gennaio 2021 - 20:37

Sembra che dopo una pausa di ben tre anni, la serie Master of None sia pronta per tornare su Netflix con la stagione 3.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.