L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Scorie in libertà, la recensione

Di Filippo Magnifico

Scorie In Libertà Foto Dal Film 01

Noi italiani il nucleare l’abbiamo anche voluto. Di certo non ora, ma durante il periodo del cosiddetto “boom economico” quel sogno consistente in uno degli ossimori più terrificanti che la lingua italiana è riuscita a coniare, nucleare sicuro, ha trovato una sua concretizzazione. Più precisamente nel 1963, anno in cui a Borgo Sabotino, nei pressi di Latina, è stata costruita una centrale nucleare su progetto inglese. Un progetto al tempo unico in Europa, che è stato accolto con grande entusiasmo. Ma non da tutti.

Ci sono state anche persone, come il giovane studente Gianfranco Pannone, che verso la seconda metà degli anni ’80 hanno cominciato a non vedere di buon occhio questo intruso entrato di prepotenza nella loro città e, spinti anche dalle conseguenze del disastro di Cernobyl, si sono mobilitate formando un comitato a favore del referendum contro il nucleare indetto in quegli anni. Il tempo è passato, nel frattempo è stato costruito un secondo reattore sperimentale tutto italiano mai andato in funzione, il Cirene, e altri eventi hanno sconvolto il resto del mondo. Tra tutto questo trambusto in Italia continuano le discussioni a proposito dell’energia nucleare, rivelando una realtà che, tra le tante scorie (materiali e morali) lasciateci in eredità, risulta particolarmente amara.

Scorie in libertà è questo: un’amara riflessione privata che, per forza di cose, assume una connotazione nazionale. Un viaggio nel passato che Gianfranco Pannone affronta incontrando tutte quelle persone che hanno vissuto direttamente quei tumulti degli anni ’80 e che oggi si ritrovano a dover fare i conti con un realtà resa ancor più dura dalla consapevolezza che sono molte le contraddizioni (politiche ma non solo) presenti nel nostro paese. Come ha detto lo stesso regista, quella del nucleare in Italia è una storia che si può “definire di odio e amore; fatta di entusiasmi, rinunce, battaglie ideali, colpi bassi, ritorni inattesi, unica in Europa”. Una cosa messa bene in evidenza da quest’opera che, pur limitandosi alla documentazione dei fatti e non puntando apertamente il dito contro nessuno, offre a tutti noi il materiale necessario per tirare le cosiddette somme.

Vi ricordiamo che Scorie in libertà ha fatto parte della programmazione del Cinema Aquila di Roma. Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.cinemaaquila.com.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il trailer di Willy’s Wonderland: Nicolas Cage contro gli animatronics indemoniati! 15 Gennaio 2021 - 21:00

Arriverà il 12 febbraio in USA, sia al cinema che on demand, l'horror diretto da Kevin Lewis

Providence: su Peacock una nuova serie dagli autori di You 15 Gennaio 2021 - 20:15

Tratta da un romanzo di Caroline Kepnes, la serie sarà sviluppata da Sera Gamble per la piattaforma di NBCUniversal

Heart of Stone: Netflix compra l’action con Gal Gadot 15 Gennaio 2021 - 19:30

Il film mira a lanciare un nuovo franchise di spionaggio ed è scritto dallo sceneggiatore di The Old Guard

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.