L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Nashville, il commento alla nuova serie con Connie Britton

Di emanuele.r

Nashville, come raccontò Robert Altman nel suo grande film, è la capitale della musica country americana, ma anche un luogo dove le pulsioni profonde del popolo americano arrivano a diventare materia di scontro politico. In questo contesto, e a partire da queste riflessioni, ABC ha fatto esordire un paio di settimane fa una serie che prende il titolo proprio dal nome della capitale del Tennessee.

Protagonista è Rayna, diva della musica country, si vede in difficoltà quando i suoi dischi e i suoi concerti crollano nelle vendite. L’idea della sua etichetta è quella di affiancarla alla nuova diva del teen-country, l’odiosa Juliette. Rayna è tutt’altro che d’accordo, ma non ha molte scelte.

Creata da Callie Khouri, che ne ha scritto il pilot diretto da R. J. Cutler, Nashville è un drama con canzoni, lontano dall’aura musicale di Glee o Smash e più vicino a film “politici” come Bob Roberts o Bulworth, centrati sul rapporto tra musica e politica, i due poli della serie.

Tema principale è ovviamente lo scontro tra nuovo e vecchio, tra la vecchia volpe e la nuova iena, che coerentemente con l’ideologia country è insopportabile e cattiva come in una soap, facendo preferire allo spettatore il good old style, dietro a cui si nasconda il racconto dell’industria discografica del genere, che viva si dinamiche peculiare, ma non troppo diverse; parallelamente, c’è la politica col marito di Rayna che scende a patti con l’odiato suocero per aiutare la moglie a tirarsi fuori dal nuovo progetto che non vorrebbe affrontare, e decide di candidarsi come sindaco, dando il là a un finale di pilot che si configura come un possibile The Good Wife in chiave country-folk.

Nashville è un discreto prodotto che cerca di far convivere la complessità di un prodotto via cavo con l’immediatezza sentimentale (anche eccessiva) di uno scontro un po’ manicheo: la sceneggiatura si barcamena tra ironia (“Grazie a Dio c’è Auto-tune”), belle canzoni – o comunque ben scritte e funzionali – e snodi narrativi semplicistici (come Juliette che cerca di rubare col sesso tutto l’entourage di Rayna, dal chitarrista e autore al produttore, dopo averla sentita parlare male di lei). Mentre la regia avrebbe bisogna di più grinta, più cattiveria, per risultare davvero convincente: però lo scontro (impari, onestamente) tra la bravissima Connie Britton e Hayden Panettiere è un buon motivo per dargli perlomeno un’altra occhiata.

Avete già visto Nashville e cosa ne pensate? Commentate l’articolo e rimanete su Screenweek per commenti, recensioni e approfondimenti dal mondo della tv.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il cavaliere dei Sette Regni – In sviluppo un altro prequel di Game of Thrones 21 Gennaio 2021 - 22:48

Una nuova serie prequel di Game of Thrones è nelle prime fasi di sviluppo presso HBO, sarà basata sul libro Il cavaliere dei Sette Regni ambientato 90 anni prima gli eventi di Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

Searchlight annuncia le date di uscita di Antlers e Nightmare Alley di Guillermo del Toro 21 Gennaio 2021 - 20:45

Il nuovo film di Guillermo del Toro ha finalmente una data di uscita, mentre Antlers torna in calendario

Chiami il Mio Agente! – La quarta stagione della serie francese disponibile su Netflix 21 Gennaio 2021 - 20:30

La amatissima serie Chiami il Mio Agente! torna su Netflix con la quarta stagione: ecco tutte le novità in arrivo!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.