L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

MorrisonCon 2012 – Max Landis e James Gunn discutono animatamente sui supereroi

Di Marlen Vazzoler

All’Hard Rock Hotel di Las Vegas, lo scorso fine settimana si è tenuta la convention MorrinsonCon. Tra i vari pannelli della manifestazione si è distinto in modo particolare ‘Celluloid Heroes‘ a cui hanno partecipato Max Landis (Chronicle), Darick Robinson, Grant Morrison e James Gunn (The Guardians of the Galaxy).
Il pannello è cominciato parlando di quello che secondo Morrison, è il problema maggiore degli adattamenti cinematografici dei fumetti: molto materiale rimane fuori. Gunn ha spiegato che secondo lui la cinematografia in certi aspetti ha una forma di lavoro molto fascista:

“Sto dicendo che, senza dare alcuna forma di giudizio, fare il filmaker è una forma molto fascista, sotto certi aspetti, perché prendi con te il pubblico passo dopo passo, e gli fai seguire il tuo ritmo”.

Ma quando è toccato il turno di Landis, il giovane sceneggiatore ha dato vita ad un accesa discussione sulla natura, secondo lui non supereroistica di Chronicle. Landis ha spiegato che odia definire il protagonista del suo film, Matt un supereroe, secondo lui questi personaggi seguono degli archetipi specifici, non presenti nel suo film, tanto da dichiarare che Chronicle ha più cose in comune con Carrie piuttosto che con Superman. Inoltre ha aggiunto che secondo lui i Guardiani della Galassia non possono essere qualificati come dei supereroi.

“Penso ai supereroi come a delle persone con delle capacità particolari! Quando Chronicle è venuto fuori, dicevano, ‘È una storia sui supereroi’. Ma viene definita una storia sui supereroi, perché questi sono i film che stanno uscendo adesso: se fosse uscito nel 1996, lo avrebbero definito un thriller di fantascienza!”.

Gunn si è trovato in disaccordo con Landis, ed ha definito Chronicle come uno dei migliori film sui supereroi di tutti i tempi.

“Ma dai! Sono dei supereroi, hanno dei superpoteri!”

ha aggiunto Gunn.
Ma Landis non ha demorso, ed ha spiegato che Matt è un sciocco immaturo che viene costretto a prendere una posizione di responsabilità. E per avvalorare la sua tesi ha preso Taxi Driver come esempio.

“Alla fine di Taxi Driver, Travis Bickle è un supereroe del cavolo?”.

Naturalmente Gunn ha fatto notare a Landis che il protagonista non ha dei superpoteri, e Landis ha ribattuto, provocando le risate tra il pubblico,

“Di certo viene colpito un sacco!”.

Landis ha poi spiegato che il suo film è nato dal suo amore per i supereroi, ma non parla dei supereroi. Gunn a questo punto ha dichiarato

“Se è nato da supereroi ed è un omaggio del tuo amore per loro, allora penso che si tratta di [un film di supereroi] e che non dovresti ritenerti offeso”.

Accolta da fischi e boo, Landis ha fornito questa sua definizione della parola supereroe:

“Per me, un supereroe è qualcuno che passa attraverso un’esperienza nella propria vita che lo spinge alla creazione di un alias per se stesso… e che poi agisce disinteressatamente e mette gli altri davanti a se stesso”

A questo punto Gunn ha dichiarato:

“Non si può non tener conto, che gli altri hanno altre definizioni della parola supereroe. Perché te la prendi con un’intera comunità di gente che lo definisce un supereroe?”.

Landis ha ribattuto

“James, è enormemente frainteso!”

Dopo quest’ultimo scampbio di parole, Gunn ha deciso di cambiare argomento.
Non si può fare a meno di notare come le argomentazioni di Landis siano alquanto deboli, in particolare l’esempio di Taxi Driver. Lo sceneggiatore avrebbe dovuto usare Carrie come esempio, come aveva fatto precedentemente su twitter

Quando uscirà il remake interpretato dalla Moretz, la pellicola verrà definita un thriller horror, o un film avente come protagonista una supereroina? Per Landis questo è il problema che ha incorso il suo film, e che stava rischiando di incorrere anche il suo prossimo lavoro, lo show per la Fox, Vigilant, che ha come protagonista un vigilante. La stampa ha cominciato a definire lo show come una serie sui supereroi, e Landis ha prontamente precisato su Twitter che la storia parla di un vigilante, una figura ben diversa da un supereroe.

 

 

E voi cosa ne pensate? Siete d’accordo con la definizione del supereroe data da Landis, o date ragione a Gunn? E per quale motivo? E Chronicle è un film sui supereroi oppure no?

Fonti CBR, Twitter

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

WandaVision: chi interpreta Kathryn Hahn nella serie? Forse [SPOILER] 17 Gennaio 2021 - 14:00

Il suo personaggio potrebbe essere noto ai fan dei fumetti Marvel

Spider-Man 3 – Tom Holland con il costume di Far From Home nelle foto dal set 17 Gennaio 2021 - 13:00

Dal set di Atlanta giungono nuovi scatti di Spider-Man 3 che ritraggono Tom Holland con il costume di Far From Home, impegnato a girare una scena.

Star Wars: le foto del set della serie di Obi-Wan Kenobi (o si tratta di Cassian Andor?) 17 Gennaio 2021 - 12:00

Nel Regno Unito sono da poco iniziate le riprese di una serie live-action di Star Wars e nel web sono arrivate le prime foto del set, si tratta di Andor o di Obi-Wan Kenobi?

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.