L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Gianni Rodari e le favole al telefono ieri come oggi

Di

Gianni Rodari è un grande scrittore di racconti fantastici per piccini e per ragazzi. Lo ricordiamo oggi perchè è nato il 23 ottobre 1920 ed è morto nel 1980 dopo aver scritto storie che tanti ragazzi hanno letto la sera prima di addormentarsi.

Gianni Rodari

Gianni Rodari inventava mondi fantastici, le sue storie nascevano da errori grammaticali, da incontri di parole che non avevano nulla a che fare tra loro, da idee strampalate. Erano storie che nascevano da piccoli sogni quotidiani e da una realtà sempre viva e in mutamento.

Altan

Il suo libro più famoso edito da Einaudi nel 1962 si intitola “Favole al Telefono” e raccoglie tutte le storie che  il ragionier Bianchi, sempre in viaggio per lavoro, racconta ogni sera al telefono alla figlia per farla addormentare. Era un tempo in cui esistevano ancora le centraliniste e gli smartphone non c’erano e le centraliniste interrompevano il loro lavoro e si mettevano ad ascoltare il ragionier Bianchi per quanto erano belle le sue storie.

Luzzati

Ecco una delle storie contenute in “Favole al telefono”. Buona lettura 🙂

Il paese dei cani

C’era una volta uno strano piccolo paese. Era composto in tutto di novantanove casette, e ogni casetta aveva un giardinetto con un cancelletto, e dietro il cancelletto un cane che abbaiava.
Facciamo un esempio. Fido era il cane della casetta numero uno e ne proteggeva gelosamente gli abitanti, e per farlo a dovere abbaiava con impegno ogni volta che vedeva passare qualcuno degli abitanti delle altre novantotto casette, uomo, donna o bambino.
Lo stesso facevano gli altri novantotto cani, e avevano un gran da fare ad abbaiare di giorno e di notte, perché c’era sempre qualcuno per la strada.
Facciamo un altro esempio. Il signore che abitava la casetta numero 99, rientrando dal lavoro, doveva passare davanti a novantotto casette, dunque a novantotto cani che gli abbaiavano dietro mostrandogli fauci e facendogli capire che avrebbero volentieri affondato le zanne nel fondo dei suoi pantaloni. Lo stesso capitava agli abitanti delle altre casette, e per strada c’era sempre qualcuno spaventato.
Figurarsi se capitava un forestiero. Allora i novantanove cani abbaiavano tutti insieme, le novantanove massaie uscivano a vedere che succedeva, poi rientravano precipitosamente in casa, sprangavano la porta, passavano in fretta gli avvolgibili e stavano zitte zitte dietro le finestre a spiare fin che il forestiero non fosse passato.
A forza di sentir abbaiare i cani gli abitanti di quel paese erano diventati tutti un po’ sordi, e tra loro parlavano pochissimo. Del resto non avevano mai avuto grandi cose da dire e da ascoltare.
Pian piano, a starsene sempre zitti e immusoniti, disimpararono anche a parlare. E alla fine capitò che i padroni di casa si misero ad abbaiare come i loro cani. Loro forse credevano di parlare, ma quando aprivano la bocca si udiva una specie di “bau bau” che faceva venire la pelle d’oca. E così, abbaiavano i cani, abbaiavano gli uomini e le donne, abbaiavano i bambini mentre giocavano, le novantanove villette sembravano diventate novantanove canili.
Però erano graziose, avevano tendine pulite dietro i vetri e perfino gerani e piantine grasse sui balconi.
Una volta capitò da quelle parti Giovannino Perdigiorno, durante uno dei suoi famosi viaggi. I novantanove cani lo accolsero con un concerto che avrebbe fatto diventare nervoso un paracarro. Domandò una informazione a una donna ed essa gli rispose abbaiando. Fece un complimento a un bambino e ne ricevette in cambio un ululato.
“Ho capito, – concluse Giovannino – E’ un’epidemia”.
Si fece ricevere dal sindaco e gli disse: “Io un rimedio sicuro ce l’avrei. Primo, fate abbattere tutti i cancelletti, tanto i giardini cresceranno benissimo anche senza inferriate. Secondo, mandate i cani a caccia, si divertiranno di più e diventeranno più gentili. Terzo, fate una bella festa da ballo e dopo il primo valzer imparerete a parlare di nuovo”.
Il sindaco gli rispose: “Bau! Bau!”.
“Ho capito, – disse Giovannino, – il peggior malato è quello che crede di essere sano”.
E se ne andò per i fatti suoi.
Di notte, se sentite abbaiare molti cani insieme in lontananza, può darsi che siano dei cani cani, ma può anche darsi che siano gli abitanti di quello strano, piccolo paese.

Vi è piaciuta la storia???

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Un video ci porta sul set di The Witcher: Blood Origin 25 Settembre 2021 - 21:25

Lo showrunner Declan de Barra ci porta sul set di The Witcher: Blood Origin, serie prequel di The Witcher.

The Witcher: confermata la stagione 3, ecco le prime scene della stagione 2! 25 Settembre 2021 - 21:15

Durante l’evento TUDUM sono state mostrate le prime scene della seconda stagione di The Witcher, la serie ispirata alla saga fantasy di Andrzej Sapkowski, in arrivo su Netflix il 17 dicembre.

Don’t Look Up: una clip del film Netflix con Jennifer Lawrence e Leonardo DiCaprio 25 Settembre 2021 - 21:03

Nel corso dell’evento TUDUM è stato mostrato un assaggio di Don’t Look Up, il film satirico scritto e diretto da Adam McKay, in arrivo in cinema selezionati il 10 dicembre e su Netflix il 24 dicembre.

Michael Jordan e la storia di Space Jam: tutto era iniziato da Spike Lee (FantaDoc) 23 Settembre 2021 - 18:00

Gianni Rodari è un grande scrittore di racconti fantastici per piccini e per ragazzi. Lo ricordiamo oggi perchè è nato il 23 ottobre 1920 ed è morto nel 1980 dopo aver scritto storie che tanti ragazzi hanno letto la sera prima di addormentarsi. Gianni Rodari inventava mondi fantastici, le sue storie nascevano da errori grammaticali, […]

Ms. Marvel – La serie è stata rinviata all’inizio del 2022 23 Settembre 2021 - 12:30

Era ovvio, ma ora la conferma giunge da Variety: Ms. Marvel, inizialmente prevista per la fine dell'anno su Disney+, uscirà all'inizio del 2022.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.