Chicago Fire, il commento alla nuova serie con Jesse Spencer

Chicago Fire, il commento alla nuova serie con Jesse Spencer

Di emanuele.r

Uno dopo 8 anni di dottor House, l’altro dopo più di 20 di poliziotti e avvocati in Law & Order. Jesse Spencer e Dick Wolf si sono conosciuti professionalmente adesso, grazie a NBC e a Chicago Fire, nuovo “trauma-drama” in onda sul network del pavone che però non ha convinto né pubblico né critica.

Protagonisti della serie sono un gruppo di vigili del fuoco di Chicago, che devono affrontare i problemi del lavoro e della loro vita privata dopo la perdita in servizio di uno di loro per un errore di valutazione.

Creato da Michael Brandt e Derek Haas, che ne scrivono il pilot diretto da Jeffrey Nachmanoff, Chicago Fire è un drama “catastrofico” sulla scia di Fuoco assassino o di altre serie anni ’90 nate dopo E.R. che nel raccontare storie già viste e sentite si muove tra ambizioni realistiche e pretese spettacolari.

La formula è quella di molte serie con protagonisti paramedici, infermieri o altro genere di soccorsi: casi più o meno roboanti e drammatici, affrontati sempre sul filo del rasoio, drammi personali che fanno capolino e soprattutto i rapporti interpersonali tra colleghi e le loro vite private. Il vero problema e che a Chicago Fire manca un qualche elemento di interesse che non siano i belli e bravi attori.

Per colpa soprattutto di una sceneggiatura che inanella le situazione tese una dietro l’altra senza alcun senso della suspense, magari spendendo qualche soldo in più della media in effetti speciali, e lasciando il cuore dell’episodio a personaggi e situazioni di cui non interessa molto. E la chiusura con Blood Borthers di Bruce Springsteen, con tutta la squadra unita in ospedale, occhieggia a Rescue Me, di cui questa variante mainstream non ha la metà del valore.

Avete già visto Chicago Fire? Cosa ne pensate? Commentate l’articolo e restate con Screenweek per non perdere nemmeno un commento o una recensione dal mondo delle serie tv.

LEGGI ANCHE

Vogliamo anche le fragole: perché il terzo episodio di The Last of Us è così importante 2 Febbraio 2023 - 15:00

Long Long Time, il terzo episodio di The Last of Us, non è una semplice puntata riempitiva, ma ci ricorda che un altro mondo è possibile.

The Last of Us – Episodio 3, la recensione di Roberto Recchioni: Fragole per Pistole 31 Gennaio 2023 - 10:37

Roberto Recchioni ci parla del terzo episodio di The Last of Us, la serie ispirata all'omonimo videogame, ora disponibile su Sky e NOW.

The Last of Us, lo struggente terzo episodio si è preso molte licenze rispetto al gioco (e ha fatto benissimo) 30 Gennaio 2023 - 11:11

Con il terzo episodio, la serie di The Last of Us cambia notevolmente la storia e la sorte di alcuni personaggi. E il risultato è struggente.

The Last of Us – Episodio 2: la recensione di Roberto Recchioni 24 Gennaio 2023 - 10:37

Roberto Recchioni ci parla del secondo episodio di The Last of Us, la serie ispirata all'omonimo videogame, ora disponibile su Sky e NOW.

The Authority: James Gunn e “il The Boys” del DC Universe 2 Febbraio 2023 - 17:37

Un film su un team di eroi dai metodi estremi, incentrato su una versione gay e cazzutissima di Batman e Superman, e non nato in casa DC.

Ecco chi diavolo sono i Creature Commandos di James Gunn 1 Febbraio 2023 - 15:49

Da dove salta fuori la squadra di soldati sovrannaturali a cui verrà dedicata nel nuovo DC Universe una serie animata su HBO.

The Last of Us, lo struggente terzo episodio si è preso molte licenze rispetto al gioco (e ha fatto benissimo) 30 Gennaio 2023 - 11:11

Con il terzo episodio, la serie di The Last of Us cambia notevolmente la storia e la sorte di alcuni personaggi. E il risultato è struggente.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI