L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Argo – La recensione in anteprima.

Di laura.c

argo-ben-affleck

Quando un film americano parla di Medio Oriente, il dubbio è sempre che possa cadere nella semplificazione, nello stereotipo o peggio nella demagogia. Una preoccupazione che poteva valere tanto più per un titolo come Argo, che pur riferendosi a fatti del ’79, va a toccare un evento storico come la rivoluzione khomeinista e la presa dell’ambasciata americana a Teheran, che di sicuro molto ha contribuito al pessimo imprinting delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Iran. Costruito come un’ottima spy story, il film di Ben Affleck scansa però l’ostacolo non solo ancorandosi con forza al genere, ma anche grazie a una prima parte autoironica e divertente e a una ricostruzione abbastanza articolata del contesto geopolitico, che non intende puntare l’indice contro la Repubblica Islamica ma neppure nascondere il clima di tensione creatosi nel Paese a seguito dell’instaurazione del nuovo regime.

La storia, realmente accaduta, si concentra su una vicenda meno nota tra le tante che hanno riempito le cronache dell’epoca, vale a dire il salvataggio di sei funzionari dell’ambasciata USA, rifugiatisi di nascosto presso la diplomazia canadese. Un nascondiglio pericoloso e precario, da cui vennero prelevati dalla CIA con un complicato quanto bizzarro lavoro di “esfiltrazione”. In mancanza di migliori coperture, l’agente dell’Intelligence Tony Mendez riuscì infatti a inscenare dei sopralluoghi fasulli per la produzione di un pessimo film di fantascienza, da girare teoricamente nelle esotiche location iraniane. Da qui il titolo Argo, cioè il nome del finto b-movie che salvò la vita ai sei funzionari, e su cui non si seppe la verità fino a quando l’operazione non fu resa pubblica molti anni a seguire.

L’episodio appare ancora oggi tanto assurdo da sembrare una colossale montatura, eppure il film mostra, per quanto in maniera romanzata, come il recupero fu orchestrato coinvolgendo addirittura il truccatore premio Oscar John Chambers, e grazie a questa “doppia natura” riesce anche a fondere un’anima più frivola e ironica con l’ottimo ritmo e la suspense dell’ultima parte, dedicata alla fuga. Anzi, il film va perfino oltre, unendo la fase di “addestramento” dei sei americani con un discorso surreale ma allo stesso tempo molto serio sulla recitazione e il ruolo dell’attore. Argo, in definitiva, riesce in un compito per niente facile, quello cioè di risultare allo stesso tempo molto finto e molto realistico. Intrattiene con tutti i crismi del genere, scherza sulla sua natura di film prendendo in giro lo showbiz hollywoodiano, celebra il cinema deteriore di fine anni ’70 e allo stesso tempo riesce a immergersi in maniera perfetta in un contesto storico lontano nel tempo ma drammaticamente vicino nei fatti, senza disdegnare qualche riflessione sulla rappresentazione mediatica delle crisi geopolitiche. Ne risulta un film piacevole ma con un buon grado di complessità, che parla prima di tutto della forza della finzione, e di come il cinema riesca a trovare sempre modi incredibili per infiltrarsi con la realtà.

Argo uscirà in Italia l’8 novembre. Potete trovare ulteriori news cliccando sul riquadro sottostante o sulla pagina Facebook del film.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La regina degli scacchi – Magnus Carlsen commenta la finale in un video 24 Gennaio 2021 - 21:00

Netflix ha pubblicato un video in cui il gran maestro norvegese Magnus Carlsen commenta la finale tra Beth e Borgov ne La regina degli scacchi.

Tilda Swinton in The Eternal Daughter della Hogg e Immunodeficiency di Christopher Doyle 24 Gennaio 2021 - 20:07

I prossimi progetti di Tilda Swinton sono The Eternal Daughter, già girato da Joanna Hogg e Immunodeficiency di Christopher Doyle

WandaVision – Paul Bettany dice che l’episodio 4 ci “sbalordirà” 24 Gennaio 2021 - 20:00

Rispondendo agli elogi di Chris Hewitt su Twitter, Paul Bettany assicura che il quarto episodio di WandaVision sarà sbalorditivo. Inoltre, un nuovo spot con le reazioni della critica.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.