Warning: getimagesize(https://n7m3z4b2.stackpathcdn.com/wp-content/uploads/2012/09/To_the_Wonder_trama_del_film_di_Malick.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Venezia 69: To the Wonder, la recensione in anteprima

Venezia 69: To the Wonder, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

E’ da sempre una presenza impalpabile, quasi un fantasma, quella di Terrence Malick, ma il suo non esserci o nascondersi ha creato un mito che il suo cinema non ha fatto altro che ampliare. Così, averlo alla 69^ Mostra del Cinema di Venezia con To the Wonder, suo 2° film in 2 anni (lui, che tra il 2° e il 3° film ne ha lasciati passare 20), ha a che fare allo stesso tempo con un rito sacrale che di conseguenza lascia spazio anche alla reazione iconoclasta di coloro che a fine film hanno fischiato, come anche per il capolavoro The Tree of Life che l’anno scorso vinse la Palma d’oro a Cannes.

Stavolta la storia e i temi virano all’intimità: protagonista infatti è una coppia che dalla Francia si trasferisce in America per assecondare il lavoro di lui. Ma li la donna si sente sola e distante dal compagno, decidendo di andarsene e lasciando lui in compagnia di un’altra donna. La trama, comunque, non serve raccontarla, visto che la sceneggiatura dello stesso Malick si serve di una storia d’amore vicina al melodramma per costruirsi come un poema audiovisivo, in un modo simile a quello del film precedente, di cui To the Wonder è una sorta di prosecuzione complentare, un risvolto, un lato B.

Infatti, il film usa parti del girato di The Tree of Life tagliate nel precedente montaggio e le integra con nuovi personaggi e nuovi attori spostandosi su un altro piano concettuale: se infatti quello raccontava nascita e movimento del cosmo e del creato, qui si concentra sulla natura amorosa dell’essere umano, mettendo in scena la disperata lotta contro la solitudine di alcuni personaggi che cercano di aggrapparsi all’amore, alla fede, al bisogno di sentirsi vivi per non ammettere di non esserlo, ai quali basta incontrarsi per un attimo per non morire. Il rischio enorme che corre Malick è di applicare lo stesso metodo compositivo a un film quasi opposto, rischiando in modo ancora più forte di essere scambiato per ridondante ed ecumenico. Ma questo suo lavoro ancora una volta in fieri, che gioca sul flusso di coscienza e sulle associazioni di immagini e parole separate, è un nuovo colpo al cuore.

Perché il regista attraverso il suo stile e l’assoluta radicalità di sguardo e narrazione, sa riscrivere la percezione del tempo cinematografico, sa far vibrare sentimenti e immagini portentose (basterebbe l’inizio al Mont saint-Michel per restare a bocca aperta) sulla carta appena suggerita e sa far risuonare la ritrovata voglia di cinema – ha in preparazione almeno altri due film – in un’iperattività fatta di camera in movimento e montaggio ricchissimo che sono un atto d’amore alla vita, al mondo, ma soprattutto al cinema. Non è un’opera-mondo totale, ma è una poesia struggente sull’essere umano alle prese cone le sconfitte quotidiane. E scusate se è poco.

Anche quest’anno ScreenWeek.it è in Laguna e seguirà da vicino la 69° edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Cliccate sul riquadro sottostante per leggere tutte le news dal Festival e le recensioni. Seguiteci inoltre su Twitter e Instagram grazie alla tag #Venezia69SW.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Stranger Things 4: il finale ha mandato in tilt Netflix 1 Luglio 2022 - 17:26

La seconda parte della stagione 4 di Stranger Things è da poco disponibile su Netflix ha mandato in tilt Netflix.

Lightyear: Tim Allen, voce di Buzz in Toy Story, non ha nessun problema con il nuovo film 1 Luglio 2022 - 16:53

Lo storico doppiatore di Buzz Lightyear nella saga di Toy Story ha spiegato perché non ha preso parte al nuovo film

Apple TV+ porterà le sue serie al San Diego Comic-Con 1 Luglio 2022 - 15:41

La piattaforma streaming di Apple porterà al Comic-Con 2022 le serie See, Scissione, For All Mankind, Mythic Quest, Invasion e Fondazione

Guida pratica alle serie Marvel ex Netflix (ora su Disney+) 30 Giugno 2022 - 9:01

Daredevil, Jessica Jones e le altre: cosa recuperare delle serie Marvel un tempo di Netflix, ora che sono disponibili su Disney+.

The Boys: com’è l’Herogasm dei fumetti 25 Giugno 2022 - 8:19

Com'è nata l'orgia di super-eroi di The Boys e cosa c'era di diverso nella sua versione originale a fumetti.

Ms. Marvel, episodio 3: guarda un po’ chi c’è… [SPOILER] 22 Giugno 2022 - 14:51

Qualche risposta, nuove domande e alcuni nomi conosciuti nel terzo episodio di Ms. Marvel.