L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Venezia 69: Pinocchio, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

Tra  titoli più attesi e annunciati più di recente, Pinocchio di Enzo D’Alò arriva alla 69^ mostra del cinema di Venezia nella sezione collaterale delle Giornate degli autori: un progetto lungamente caldeggiato dopo la pausa imposta dall’uscita del Pinocchio di Benigni e che ha portato il maestro dell’animazione italiana a far uscire il film nelle sale il prossimo natale, portandolo in anteprima al Lido.

La storia è arcinota, anche se qui l’ispirazione al romanzo di Collodi è più diretta rispetto ai classici Disney o altro: il falegname Geppetto per non restare solo si costruisce un bambino da un ciocco di legno parlante. Il “burattino” però è tutt’altro che obbediente e coinvolgerà il padre in avventure incredibili. Scritto da D’Alò con Umberto Marino, Pinocchio cerca di ritagliarsi un posto tra le infinite traduzioni della favola puntando molto sulle matite e i colori di Lorenzo Mattotti, praticamente un co-autore, e le musiche di Lucio Dalla, ma anche sull’immediatezza del racconto.

Che più di una storia sull’educazione di un bambino anarchico, nelle mani del regista diventa una piccola elegia sull’essere padre e sulla difficoltà di insegnare ai propri figli a essere uomini (e quindi bambini) in un mondo in cui la giustizia e l’onestà funzionano al contrario e il denaro pare l’unica autorità. D’Alò contamina l’onestà e l’umiltà del progetto, lo sguardo diretto ai più piccoli con l’ambizione di farne una sorta di Odissea – non a caso, ricorre il mare – che mescola la magia e la malinconia.

La breve durata costringe la sceneggiatura a fare i salti mortali e le costrizioni di racconto tolgono respiro soprattutto alla prima parte, ma poi Mattotti fa esplodere la propria fantasia, i colori invadono il film con tocchi onirici e il jazz sbilenco e fiabesco di Dalla li accompagna con leggerezza, così come le voci dei doppiatori che non irrompono con violenza ma tratteggiano con delicatezza, come Rocco Papaleo e Paolo Ruffini. D’Alò continua un percorso a suo modo invidiabile e ammirevole, anche se viene il sospetto che avrebbe bisogno di produzioni più coraggiose, che non costringano il film a 78 minuti quando ne servirebbero almeno 90.

Anche quest’anno ScreenWeek.it è in Laguna e seguirà da vicino la 69° edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Cliccate sul riquadro sottostante per leggere tutte le news dal Festival e le recensioni. Seguiteci inoltre su Twitter e Instagram grazie alla tag #Venezia69SW.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Jupiter’s Legacy – Una video ci porta dietro le quinte dello scontro con Blackstar 11 Maggio 2021 - 13:00

Scopriamo il backstage del brutale scontro con Blackstar in un nuovo video di Jupiter's Legacy, serie che occupa il primo posto nella top 10 italiana di Netflix.

Prodigal Son: la serie cancellata dopo due stagioni 11 Maggio 2021 - 12:00

Prodigal Son non avrà una terza stagione. Gli ascolti non hanno premiato lo show, che si è confermato il meno apprezzato tra i drama di Fox.

The Premonition: Phil Lord e Chris Miller dirigeranno un film sui primi giorni del Covid 11 Maggio 2021 - 11:15

Dal libro di Michael Lewis, autore di Moneyball e La grande scommessa, la storia di un gruppo di persone che tentò di avvertire gli USA del pericolo Covid

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).