L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Venezia 69: Disconnect, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

Da quando 20 anni fa l’invenzione di internet cambiò per sempre la comunicazione sono state molte le opere di varia natura che ne raccontavano l’essenza e i limiti. Ora che il mezzo è cambiato tramite la connessione continua e totale dei social media e dei social network, il regista Henry Alex Rubin – candidato all’oscar per il documentario Murderball – approda al cinema di finzione (e al Lido, fuori concorso) con Disconnect, dramma corale che sulle trappole della “condivisione” perenne punta il dito.

Varie storie a comporre un ritratto corale: una coppia devastata dalla perdita del figlio si ritrova nei guai quando il loro conto viene clonato; una giornalista mette nei guai un giovane prostituto per realizzare uno scoop; un ragazzino tenta d’impiccarsi quando una finta relazione virtuale viene a galla; due ragazzini compiono un terribile scherzo on line e ne devono pagare le conseguenze. Andrew Stern scrive una sceneggiatura a incastri, ispirandosi evidentemente al Crash di Haggis, per raccontare l’impossibilità comunicativa in un mondo in cui la comunicazione è onnipresente.

Proprio ciò che faceva Crash, sostituendo però al “contatto fisico” quello virtuale di Facebook e YouTube, quello che porta ognuno di noi a eliminare ogni tipo di privacy per poter mostrare al mondo di esserci con opinioni e immagini, ma anche dati sensibili e affetti privati: e così le chat, i falsi profili, i video diffusi e condivisi, la sessualità vissuta tramite webcam diventano i nodi di una società che ha bisogno di disconnettersi per non soccombere. Sorge però un dubbio non di poco conto: è internet a non essere cambiato in 20 anni o i film che lo raccontano dicono sempre le stesse cose e si basano sugli stessi meccanismi? E nel caso di cambiamenti, perché nessuno pare coglierli fino in fondo, almeno a livello mainstream?

Su questi limiti però, Disconnect (che sarà distribuito da Filmauro) resta un film tutto sommato discreto, dalla buona scrittura dei personaggi a una conduzione del racconto intrigante che la regia sa sfruttare per coinvolgere lo spettatore in una sceneggiatura troppo programmatica, senza sfumature e quasi educativa nel finale, ma che mostra anche un senso del “thrilling” (in senso lato) piuttosto interessante. Nel variopinto cast emergono Alexander Skarsgaard e un Jason Bateman sempre più bravo.

Anche quest’anno ScreenWeek.it è in Laguna e seguirà da vicino la 69° edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Cliccate sul riquadro sottostante per leggere tutte le news dal Festival e le recensioni. Seguiteci inoltre su Twitter e Instagram grazie alla tag #Venezia69SW.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office USA: Un weekend da $8,7M per Spiral, $735mila per Army Of The Dead 16 Maggio 2021 - 21:00

Spiral: L'eredità di Saw ha aperto al primo posto al Box Office USA, seguito da Wrath of Man e da Those Who Wish Me Dead con Angelina Jolie

Animali Fantastici 3: Ci sarà una battaglia tra Newt Scamander e Gellert Grindelwald 16 Maggio 2021 - 20:00

Un'epica battaglia tra Newt Scamander e Gellert Grindelwald verrà combattuta in Animali Fantastici 3, le cui riprese sono state concluse

Il Cattivo Poeta: prima clip per il film su Gabriele d’Annunzio con Sergio Castellitto 16 Maggio 2021 - 19:00

Prima clip per Il Cattivo Poeta, il film di Gianluca Jodice con Sergio Castellitto nel ruolo di Gabriele d’Annunzio.

Love, Death & Robots, la seconda stagione 14 Maggio 2021 - 15:49

Sbarca su Netflix la seconda stagione di Love, Death & Robots: pochi robot, un po' di amore, abbastanza morti.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.