Roma Fiction Fest 2012: Melissa George, l’intervista in esclusiva

Roma Fiction Fest 2012: Melissa George, l’intervista in esclusiva

Di emanuele.r


Trovarsela di fronte dopo che per anni l’hai apprezzata come donna sexy e fatale in Alias, Grey’s Anatomy e soprattutto In Treatment fa effetto, soprattutto perché dal vivo sembra ancora più bella che sullo schermo, coi lineamenti felini e l’abbigliamento nero, aggressivo. Melissa George è a Roma per presentare Hunted (qui la recensione del pilot), la sua prima serie da protagonista, nell’ambito del Roma Fiction Fest 2012 e ci ha rilasciato un ‘intervista in cui parla del suo ruolo e delle difficoltà incontrate nella serie di Frank Spotnitz.

Questo ruolo arriva in un preciso momento della sua carriera ed è curioso vedere come il primo ruolo da protagonista sia del tutto diverso dagli altri ruoli che ha interpretato. 

La mia carriera a guardarla all’indietro è un mistero: non sono mai arrivata a ciò che volevo, ma arrivava solo ciò che non m’interessava molto. Tra gli alti e bassi, mi è arrivata una serie per me, il mio primo show da protagonista ed è come un dono, perché ha una storia di qualità, bei dialoghi, un personaggio forte, una donna vera, allora è come se si realizza un sogno. Non so perché sia arrivato, ma ha segnato il mio percorso perché ora so meglio ciò che voglio interpretare: donne forti, o magari più fragili in seguito a un problema, ma mai più deboli. Come in questo caso: Sam è un po’ disturbata, ma è fortissima.



Come ci si prepara mentalmente e fisicamente per un ruolo come quello di Hunted, anche partendo dal dato che è il tuo primo ruolo principale?

Ero molto ansiosa da quando mi hanno assegnato questo ruolo: ho letto la sceneggiatura ed era tutto molto divertente, ma poi a girare la serie mi prendeva il panico perché le scene erano difficili, a volte dolorose. Dovevo solo ripetere a me stessa: “Melissa, questa scena sarà molto difficile, emotiva, sarai sola”, era il modo migliore per prepararmi come un self-training. Ho fatto un sacco di allenamenti per il corpo, combattimenti, tecniche marziali (Melissa George è stata la prima donna sullo schermo a usare il kase, tecnica di combattimento, N.d.R.), ma era il livello mentale a preoccuparmi di più. E’ come andare dallo psicologo, ti serve un periodo di preparazione e concentrazione assolute, ma poi sono pronta a partire.

La BBC è ormai un vero e proprio marchio di garanzia per le serie tv: com’è stato lavorare in Inghilterra e con un autore come Frank Spotnitz. 

Per un attore tv, lo showrunner è tutto, incarna il vero e proprio factotum dello show, quello da cui dipende tutto, per cui mi sono affidata a lui senza problemi ed è stato davvero un gran lavoro, il ruolo della mia vita, come ha detto il mio agente quando gli è arrivato il copione. Lavorare in Inghilterra, per la BBC, ti dà ancora di più l’idea di quanto la tv sia diventata grande, mentre il cinema si fa sempre più piccolo, e non solo per il tipo di strumenti su cui si guarda con gli schermi tv sempre più grandi e tecnologici, ma anche per il modo di raccontare e produrre: in Hunted la ricchezza di effetti, situazioni, scene, non mi ha fatto sentire per niente la differenza col cinema, e soprattutto mi ha confermato la sensazione che abbiamo dagli USA che in Europa c’è una grande libertà espressiva e realizzativa anche in senso televisivo.

Con un cordialissimo sorriso, Melissa ci saluta: se siete suoi fan commentate l’articolo. E comunque restate sempre su Screenweek con tutti gli aggiornamenti, commenti, incontri dal Roma Fiction Fest 2012.

 

LEGGI ANCHE

Berlinale 2024: Due film italiani in concorso, la line-up 22 Gennaio 2024 - 20:08

Nella line-up della Berlinale ci sono le ultime opere di Olivier Assayas (Suspended Time), Bruno Dumont (L'Empire, co-prodotto anche dall'Italia), Mati Diop e Hong Sang-soo

Far East Film Festival 26: In anteprima The Goldfinger il thriller che segna la reunion di Tony Leung e Andy Lau 18 Gennaio 2024 - 19:03

Andy Lau e Tony Leung sono tornati a lavorare di nuovo insieme per la prima volta dopo due decenni dalla fine della trilogia di Infernal Affairs, nel thriller finanziario The Goldfinger

Berlinale 2024, Martin Scorsese riceverà l’Orso d’Oro alla Carriera 21 Dicembre 2023 - 14:00

Sarà Martin Scorsese a ricevere l'Orso d'Oro alla Carriera durante il Festival di Berlino 2024, in programma a febbraio.

Angoulême 2024: Lorenzo Mattotti in mostra con “L’Art de courir, Attraper la course” 18 Dicembre 2023 - 13:21

LEGGI ANCHE: Angoulême 2024: Annunciati i primi ospiti, le mostre e le novità della 51a edizione Lorenzo Mattotti, il regista e co-sceneggiatore de La famosa invasione degli orsi in Sicilia, è stato scelto dal Festival d’Angoulême per la partecipazione del Festival alle Olimpiadi della cultura di Parigi 2024, l’alleanza artistica e sportiva dei Giochi di […]

Dune – Parte Due, cosa e chi dovete ricordare prima di vederlo 27 Febbraio 2024 - 11:57

Un bel ripassino dei protagonisti e delle loro storie, se è passato un po' di tempo da quando avete visto Dune.

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI