Condividi su

15 settembre 2012 • 13:00 • Scritto da Marlen Vazzoler

La MGM produrrà un film fantascientifico tratto dal romanzo russo Metro 2033

Il romanzo Russo Metro 2033 è diventato ormai un caso letterario, grazie alla realizzazione di diversi spin-off realizzati in vari paesi del mondo e il successo ottenuto dall'omonimo videogioco. La MGM ha comprato i diritti cinematografici del libro di Dmitry Glukhosky, che verrà prodotto dal produttore di Narnia...
Post Image
0

Chi ha mai giocato al sparatutto in prima persona Metro 2033? Uscito nel marzo del 2010 per la Xbox 360 e la Microsoft Windows, il gioco si basa sull’omonimo romanzo scritto da Dmitry Glukhosky e pubblicato in Italia dalla Multiplayer.it Edizioni. Ecco la trama pubblicata dall’editore:

Nell’anno 2033, il mondo è ridotto ad un cumulo di macerie. L’umanità è vicina all’estinzione. Le città mezze distrutte sono diventate inagibili a causa delle radiazioni dovute agli attacchi nucleari. Al di fuori dei loro confini, si dice, solo deserti e foreste bruciate.
I sopravvissuti ancora narrano la passata grandezza dell’umanità. Ma gli ultimi barlumi della civiltà fanno già parte di una memoria lontana, a cavallo tra realtà e mito. Un’intera generazione vive o meglio sopravvive nelle profondità della metropolitana di Mosca, la più grande del mondo.
La struttura sociale si è ricostituita attorno alle fermate della Metro di Mosca, cercando di creare una quotidianità deformata, senza luce né cielo. Artyom è il giovane protagonista, poco più che ventenne, venuto al mondo quando ancora si viveva in superficie.
A lui verrà affidato il compito di addentrarsi nel cuore della Metro, fino alla leggendaria Polis, per avvisare le centinaia di persone che ancora vi abitano, di un imminente pericolo e ottenere aiuto. È lui ad avere le chiavi del futuro nelle sue mani, dell’intera Metro e probabilmente dell’intera umanità.

Come potete vedere nel gioco sono stati inseriti alcuni elementi di survival horror. Realizzato dalla 4A Games in Ucraina, Metro 2033 propone due finali che dipenderanno dalle scelte compiute dal giocatore durante la partita.

Spoiler
Nel finale normale/negativo Artyom permette che vengano lanciati i missili, distruggendo i Dark One. In quello alternativo/positivo, Artyon decide di distruggere il dispositivo per la guida laser, realizzando all’ultimo minuto che i Dark One stavano cercando di ottenere un contatto pacifico, nonostante le allucinazioni
fine spoiler

Ma perché vi sto parlando di questo titolo? La MGM ha annunciato di aver comprato i diritti cinematografici del romanzo di Glukhosky che verrà adattato per il grande schermo da F. Scott Frazier. Il produttore dei film di Narnia e di Galaxy Quest, Mark Johnson si occuperà invece della produzione del film.
Se la pellicola avrà successo molto probabilmente seguirà l’adattamento del sequel, Metro 2034, la cui storia è stata nuovamente ambientata nella stazione Sevastopolskaya della Metropolitana di Mosca, un anno dopo i fatti narrati del romanzo precedente. Nel primo trimestre del prossimo anno uscirà per tutte le piattaforme il videogame tratto dal sequel, Metro: Last Light, presentato in anteprima all’E3 del 2011. Qui potete vedere il trailer.

Glukhosky non solo ha scritto due spin-off ma ha incoraggiato le varie nazioni a scrivere un romanzo ambientato nell’universo di Metro 2033. In Italia è stato realizzato Le Radici del Cielo scritto da Tullio Avoledo, ambientato tra Roma e Venezia.
Per 2033 Glukhosky è stato premiato nel 2007 all’Eurocon di Copenhagen, dalla European Science Fiction Society con l’Encouragement Award. Conoscete il gioco? Avete letto i libri? Siete contenti dell’annuncio?

Fonti THR, Multiplayer.it

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *