L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Boxoffice Usa – End of Watch e House at the End of the Street in testa a pari merito!

Di Leotruman

End of Watch Jake Gyllenhaal Michael Peña dal film - Foto 3

Incassi deboli in questo quarto fine settimana di settembre al boxoffice americano, ma si è svolta un’appassionante sfida a tre per la prima posizione che solo i dati definitivi di domani sera effettivamente stabiliranno chi incoronare vincitore.

Le stime di incasso ufficiali appena diffuse vedono un ex-equoEnd of Watch, il poliziesco distribuito dalla Open Roads diretto da David Ayer con protagonisti Jake Gyllenhaal e Michael Peña è in testa con un incasso stimato di 13 milioni di dollari e una media per sala di 4800 dollari. (in ogni caso la migliore del podio anche se dovesse perdere la vetta). Costato solamente 7.5 milioni di dollari (la Open Roads lo ha acquistato solo per 2 milioni), il film sembra godere anche di un buon passaparola visti i dati in crescita di sabato e domenica, e con un Cinemascore A- potrebbe garantirsi una buona tenuta anche nelle prossime settimane.

L’altra pellicola in testa è House at the End of the Street, l’horror thriller diretto da Mark Tonderai e scritto da David Loucka che vede come protagonista Jennifer Lawrence, sulla cresta dell’onda grazie al suo ruolo in Hunger Games (e non solo). L’incasso è sempre di 13 milioni di dollari, con una media di 4200 dollari per sala. Il Cinemascore è B, ma la critica ha massacrato la pellicola. Anche in questo caso la produzione indipendente, costata solamente 10 milioni, è stata poi acquisita dalla Relativity per pochi “spiccioli” (2.5 milioni) e dovrebbe tramutarsi in un discreto successo.

Il pezzo da novanta che avrebbe dovuto vincere il fine settimana era Trouble With the Curve, l’esordio alla regia di Robert Lorenz che rappresenta il ritorno davanti alla macchina da presa per Clint Eastwood, ma vanta nel cast anche Justin Timberlake ed Amy Adams. La Warner Bros certamente pensava di incassare più di 12.7 milioni di dollari visti i nomi in gioco (media di nemmeno 4mila dollari) e si pensa che l’endorsment di Eastwood a favore del candidato repubblicano alla presidenza Mitt Romney possa aver giocato un ruolo sfavorevole allontanando una parte del pubblico.

La vera delusione del weekend è però Dredd, il cinecomic ispirato alle avventure del giudice futuristico creato da John Wagner, con protagonista Karl Urban. La pellicola è stata promossa da critica (77% le recensioni positive su Rottentomatoes) e dai fan, ma l’incasso stimato è solamente di 6.3 milioni di dollari con una media irrisoria di 2500 dollari. Riuscirà a rifarsi con gli incassi internazionali?

Dando un’occhiata al resto della classifica, Alla Ricerca di Nemo 3D, riedizione in tre dimensioni del capolavoro Pixar, perde circa il 43% degli incasso d’esordio e aggiunge altri 9.44 milioni per un totale di poco inferiore ai 30 milioni di dollari in dieci giorni. Non sarà l’incasso de Il Re Leone 3D dello scorso anno, ma si tratta sempre di soldi raccolti con una pellicola già uscita nelle sale e conosciuta a memoria da milioni di persone. Crolla invece al suo secondo weekend Resident Evil: Retribution, il quinto capitolo diretto da Paul W.S. Anderson della saga ispirata all’omonimo videogame creato da Capcom. Solo 6.7 milioni incassati negli ultimi tre giorni, in calo di quasi il 70% rispetto all’esordio! Con 33 milioni di dollari raccolti in tre giorni (contro il 43 del quarto episodio), rischia seriamente di non superare nemmeno i 50 milioni come fecero il secondo ed il terzo episodio.

Aumenta i propri incassi The Master, la nuova pellicola diretta da Paul Thomas Anderson che ha ricevuto due premi a Venezia, grazie alle 783 sale in più rispetto allo scorso fine settimana. La media, da record all’esordio, è calata però a 6300 dollari (5 milioni incassati nel weekend) e la pellicola ha in cassa 6 milioni totali.

Chi avrà realmente vinto il weekend americano? Lo scopriremo solo domani sera!

Cliccate MI PIACE sulla nostra pagina Facebook: troverete aggiornamenti costanti sugli incassi nei prossimi, come sempre anche nella nostra sezione dedicata al Boxoffice e sulla bacheca della nostra Box Office Cup!

Fonte dei dati: Mojo, Deadline

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Women’s Stories: Cara Delevingne, Eva Longoria e Margherita Buy nel cast del film antologico 25 Gennaio 2021 - 21:30

Un film a episodi prodotto in Italia ma diretto e interpretato da un gruppo internazionale di registe e attrici

Tiger King: Joe Exotic ora punta su Biden per avere la grazia 25 Gennaio 2021 - 20:45

Dopo aver tentato invano di ricevere la grazia da Donald Trump, Joe Exotic ha messo gli occhi sul nuovo presidente

AFI Awards – Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 25 Gennaio 2021 - 20:42

Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 dell'AFI Awards, Hamilton ha ottenuto un premio speciale

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.