L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Argo – Primo spot tv e prime reazioni al nuovo film diretto da Ben Affleck

Di Valentina Torlaschi

Da quel che si dice al Telluride Film Festival, il nuovo film diretto (e interpretato) da Ben Affleck che va sotto il titolo di Argo sembra essere un prodotto assolutamete avvincente e interessante. E in affetti se già ne avevamo avuto una prova dal trailer, ora il nuovo spot tv rilasciato in rete ne dà un’ulteriore conferma ma sono soprattutto i commenti che vengono dal Festival (dove la pellicola è stata presentata ieri) a far ben sperare. Playlist e La Timens sono sono alcune delle testate che candidano già Argo tra i titoli di punta per i prossimi Oscar mentre The Hollywood Reporter sottolinea la sottile intelligenza del film ma anche la cura rigorosa nella ricostruzione storica e quell’umorismo un po’ “svitato” che è comunque di sottofondo.

Basato su una storia vera, Argo racconta di quella lotta contro il tempo che il Governo americano dovette intraprendere per salvare, nel 1979, sei diplomatici statunitensi fatti prigionieri da un gruppo di estremisti iraniani a Tehran. La pellicola segue infatti la missione di questa squadra della CIA che, per liberare i prigionieri, ebbe un’idea decisamente bizzarra: per entrare in Iran, gli agenti dovettero fingere di far parte della produzione di un film hollywoodiano di fantascienza intitolato, appunto, Argo.

Ecco il primo spot tv:

Nel film Affleck veste i panni di Tony Mendez, l’agente della CIA a capo l’operazione. La storia vera che ha ispirato il film è rimasta nascosta e ignota al popolo americano per decenni. Nel cast troviamo anche Bryan Cranston, John Goodman, Kyle Chandler, Kerry Bishe e Alan Arkin.

Qui la trama ufficiale:

Il 4 novembre 1979 la rivoluzione iraniana raggiunse il punto più alto con la presa da parte di un gruppo di militari dell’ambasciata Usa a Tehran. 52 americani furono presi in ostaggio. Ma, in mezzo a caos, sei uomini riuscirono a scappare e trovarono rifugio nella casa dell’ambasciatore canadese. Sapendo che era solo una questione di tempo prima che i sei venissero ritrovati e uccisi, uno specialista della CIA di nome Tony Mendez mise in piedi un piano rischioso per riuscire a farli fuggire dal paese.

Dopo gli interessanti Gone baby gone e The Town, Argo rappresenta la terza prova da regista dell’attore Ben Affleck. Il film uscirà nelle sale americane il 12 ottobre e in Italia l’8 novembre.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Black Widow – Nuovi poster per il cinecomic con Scarlet Johansson 12 Giugno 2021 - 21:00

Sono disponibili quattro suggestivi poster di Black Widow targati RealD 3D, Dolby Cinema, Screen X e IMAX. Inoltre, Cate Shortland parla dei riferimenti per il film.

It’a A Sin – Recensione della imperdibile serie LGBTQIA+ inglese divenuta già un cult 12 Giugno 2021 - 20:00

It's a Sin stupisce continuamente e rende di nuovo attuale una pagina di storia troppo raramente ricordata: ecco la nostra recensione della imperdibile (non solo per gli appartenenti al mondo LGBT+) serie inglese!

Loki – Una featurette dedicata al personaggio di Gugu Mbatha-Raw 12 Giugno 2021 - 19:00

La giudice Ravonna Renslayer di Gugu Mbatha-Raw è al centro di una nuova featurette di Loki, i cui episodi escono ogni mercoledì su Disney+.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.