( ! ) Warning: getimagesize(http://blog.screenweek.it/wp-content/uploads/2012/06/the-amazing-spider-man-andrew-garfield-emma-stone.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 497
Call Stack
#TimeMemoryFunctionLocation
10.0000396368{main}( ).../index.php:0
20.0001397816require( '/var/www/html/wp-blog-header.php' ).../index.php:17
30.396153781024require_once( '/var/www/html/wp-includes/template-loader.php' ).../wp-blog-header.php:19
40.400553772280include( '/var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/single.php' ).../template-loader.php:106
50.400553772280get_header( ).../single.php:10
60.400553772656locate_template( ).../general-template.php:48
70.400553772752load_template( ).../template.php:716
80.400653792344require_once( '/var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/header.php' ).../template.php:770
90.400753792344wp_head( ).../header.php:38
100.400753792344do_action( ).../general-template.php:3015
110.400753792720WP_Hook->do_action( ).../plugin.php:470
120.400753792720WP_Hook->apply_filters( ).../class-wp-hook.php:327
130.522455331104non_amp_structured_data( ).../class-wp-hook.php:303
140.522555340744getimagesize ( ).../functions.php:497
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Amazing Spider-Man – La recensione #2

Di laura.c

Premettendo che si tratta sempre di un cinecomic, e che la figura di Spider-Man porta con sé più di altre il peso della formula “supereroi con super problemi”, il reboot firmato da Marc Webb, con Andrew Garfield ed Emma Stone, appare convincente nel suo tentativo di aprire una nuova linea narrativa e nel dare una nuova piega al personaggio di Peter Parker. The Amazing Spider-Man dimostra quantomeno che la trilogia di Sam Raimi non è intoccabile, per quanto non aggiunga molto dal punto di vista strettamente cinematografico a una storia che continua a imporsi soprattutto in virtù della propria posizione nell’immaginario collettivo. the-amazing-spider-man-andrew-garfield-emma-stone Come ormai noto, oltre alla scelta di Gwen Stacy al posto della più “frivola” Mary Jane Watson, a incidere molto sul film di Webb è l’inclusione nella trama del passato del protagonista e in particolare dei suoi genitori, a cui l’evoluzione degli eventi è legata in maniera molto stretta. Il film ne guadagna sotto molti punti di vista: non c’è più un ragazzo qualsiasi che diventa supereroe per caso, né un cattivo che diventa tale in contemporanea e per pura coincidenza. Tutto viene riportato a un unico filo, e il racconto in un certo senso appare così più direzionato, più compatto. Stavolta Spider-Man non ha solo un grosso senso di colpa da esorcizzare, ma anche un mistero da risolvere, che ovviamente è costruito apposta per traghettare il pubblico verso un sicuro sequel. E qui scatta una necessaria avvertenza: nonostante il film di Webb sia fruibile anche a sé stante, restano aperte molte domande fondamentali che rendono questo primo capitolo non completamente compiuto, il che potrebbe lasciare un po’ di amaro a qualche spettatore. Altra caratteristica convincente di The Amazing Spider-Man, è la maggior attenzione a quei dettagli che rendono complicata e divertente la trasformazione di Peter. Certo, questo elemento non mancava neanche nei film precedenti, ma qui sembra sfruttato in maniera più consistente e divertita. C’è poi il “restyling” degli zii del protagonista, e sia Martin Sheen che Sally Field sono interpreti di tale esperienza da concedere un po’ più di respiro ai rispettivi ruoli. Forse così riusciremo finalmente a dimenticare la scena troppo kitsch del primo Spider-Man di Raimi, con un’anziana zia May attaccata dal demoniaco Goblin nel mezzo della preghierina della buonanotte. Il cambiamento forse più rilevante riguarda però proprio la figura di Peter Parker, il cui lato adolescenziale viene esasperato ben al di là di quanto non facesse lo sguardo un po’ perso nel vuoto di Tobey Maguire. Per essere un supereroe, il nuovo Spider-Man mostra una mancanza molto spiccata di maturità, che probabilmente serve anch’essa a spianare la strada a un percorso di crescita da effettuarsi nei prossimi capitoli. In questo contesto si inserisce perfettamente anche la relazione con Gwen, raccontata un po’ coi toni del teen drama, ma comunque con una certa efficacia. Merito soprattutto di Andrew Garfield ed Emma Stone, che di sicuro non lasciano rimpiangere i loro predecessori. Rhys Ifans, da parte sua, dà vita a un cattivo molto posato, facendo attenzione a non andare mai troppo sopra le righe. Peccato che tutta la complessità di Lizard si perda strada facendo a forza di spiegazioni e digressioni didascaliche. Per quanto riguarda il 3D, infine, di sicuro è stato sfruttato il più possibile per le scene aeree e acrobatiche, che senza l’aiuto di questa tecnologia forse non apparirebbero altrettanto credibili. Molto meno adeguato l’utilizzo nelle scene in interni. Nel complesso The Amazing Spider-Man costituisce un buon nuovo inizio, ma manca di quella spinta in più che possa renderlo memorabile come film e non solo come fenomeno da botteghino. Caratteristica che d’altra parte condivide con molti altri cinecomic, anche di grande successo.

The Amazing Spider-Man esce oggi, 4 luglio, nelle sale italiane. Per maggiori informazioni potete consultare le nostre news dal blog. Vi ricordiamo inoltre che qui trovate la pagina Facebook italiana del film.

A questo link trovate la pagina per scrivere tutti i vostri commenti sul film!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Baby Boss 2: Piccoli Boss tra cinema e TV 28 Settembre 2021 - 17:00

Baby Boss 2 è in arrivo nei cinema, ultimo (per ora) tassello del franchise legato ai piccoli boss: dal cinema alla TV, ecco l'intero universo di Baby Boss fra cinema e TV!

Jumanji – the Adventure: A Gardaland aprirà la prima attrazione ispirata al film 28 Settembre 2021 - 16:35

Jumanji – the Adventure, la prima attrazione ispirata al franchise, aprirà all’inizio della stagione 2022 a Gardaland

The Harder They Fall – Il trailer ufficiale del western con Idris Elba e Regina King, dal 3 novembre su Netflix 28 Settembre 2021 - 15:27

Idris Elba, Regina King, Jonathan Majors e altri compongono il prestigioso cast di The Harder They Fall, western in arrivo su Netflix il prossimo 3 novembre.

Michael Jordan e la storia di Space Jam: tutto era iniziato da Spike Lee (FantaDoc) 23 Settembre 2021 - 18:00

Esce oggi in sala Space Jam: New Legends, nuovo punto di contatto tra una stella dell’NBA (in questo caso LeBron James) e i Looney Tunes. Tutto ha avuto ovviamente inizio con il primo Space Jam, quello del 1996 con Michael Jordan, per tanti ex ragazzini degli anni 90 film da ricordare con affetto, perché riassuntone […]

Ms. Marvel – La serie è stata rinviata all’inizio del 2022 23 Settembre 2021 - 12:30

Era ovvio, ma ora la conferma giunge da Variety: Ms. Marvel, inizialmente prevista per la fine dell'anno su Disney+, uscirà all'inizio del 2022.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.