L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

La DreamWorks Animation acquista la Classic Media per 155 milioni di dollari

Di Marlen Vazzoler

Martedì scorso vi avevamo annunciato che la DreamWorks Animation aveva offerto più di 150 milioni di dollari per comprare la Classic Media, proprietaria di un esteso portfolio che comprende titoli come Casper, Che fine a fatto Waldo?, Lassie, George della giungla, Il ranger solitario, Rocky & Bullwinkle, Godzilla, Dick Tracy, He-Man e molte altre serie animate e live action.

Lo studio è riuscito a finalizzare gli accordi ed ha emesso un comunicato stampa in cui ha annunciato l’acquisizione, per 155 milioni di dollari in contanti, di 450 titoli e più di 6100 episodi di cartoni animati e programmazione in live-action. La libreria della Classic Media comprende gli speciali televisivi sul natale, come Frosty the Snowman, Rudolph the Red-Nosed Reindeer e Santa Claus is Comin’ to Town, che hanno ottenuto il più alto numero di ascolti nella storia della televisione, i più grandi archivi mondiali di fumetti e i diritti della libreria dei Golden Books, che ha venduto più di due miliardi di copie in tutto il mondo, distribuite in più di 170 paesi.
Jeffrey Katzenberg, capo dell’ufficio esecutivo della DWA, ha dichiarato:

“Classic Media offre una collezione vasta e diversificata di personaggi e di beni di marca che è estremamente complementare al business impostato sulle franchise della DreamWorks Animation, e abbiamo intenzione di sfruttarla attraverso i nostri prodotti per il cinema, la televisione, l’home entertainment, i prodotti di consumo, il digitale, i parchi a tema e i canali di intrattenimento dal vivo. I fondatori e co-CEO Eric Ellenbogen e John Engelman – dirigenti più anziani con oltre 20 anni di esperienza nel settore e una comprovata esperienza di successo nella gestione di contenuti di alta qualità – hanno costruito un team fantastico a Classic Media e sono una gradita aggiunta alla famiglia della DreamWorks Animation”.

Ellenbogen ha aggiunto :

“Nessuna azienda conosce il settore dell’intrattenimento per famiglie meglio della DreamWorks Animation e siamo entusiasti di unirci alla loro famiglia con una naturale estensione del nostro rapporto di lunga data che ha avuto inizio anni fa con L’improbabile storia di Peabody (di cui è in realizzazione il film alla DWA, che uscirà nei cinema americani il 25/12/2013 ndr.). Classic Media porta sul tavolo i diritti estesi ad alcuni dei marchi di intrattenimento per famiglie più amati al mondo. La nostra associazione con la DreamWorks Animation amplierà le nostre opportunità, quelle per i nostri contenuti e per i nostri partner di distribuzione, in tutto il mondo”.

L’acquisizione della Classic Media verrà finanziata tramite una combinazione di contanti e prestiti sotto il credito della DWA, inoltre la cifra di 155 milioni di dollari includerà l’ammontare necessario per ritirare i debiti. Molte delle serie della Classic Media, hanno personaggi che risalgono a prima degli anni cinquanta, e per Tony Wible della Janney Capital Markets

“Il successo dell’accordo dipenderà in parte da quanto questi vecchi personaggi risuoneranno con il giovane pubblico di oggi. Ci sono stati diversi tentativi in passato per rilanciare questi personaggi (Speed Racer, Le avventure di Rocky e Bullwinkle, Underdog…) che però non sono riusciti a ottenere un grande successo”.

Come avevano già fatto presente nel precedente articolo, in alcuni casi le proprietà della Classic Media, non sono esclusive perché appartengono anche ad altre aziende, come nel caso del Ranger Solitario di cui la Disney sta realizzando il live action, mentre in altri casi non detiene la totalità dei diritti di sfruttamento, come quelli della serie televisiva degli anni novanta di Che fine a fatto Waldo?.

Per quanto riguarda alcuni progetti attualmente in corso come Godzilla, non dovrebbero esserci problemi di conflitti con il live action, in lavorazione presso la Legendary Pictures, visto che la Classic Media detiene i diritti di solo alcuni film, mentre nel caso del live action di Voltron, non è ancora chiaro se il progetto verrà influenzato da questa acquisizione.

L’improbabile storia di Peabody che uscirà il prossimo anno in America, servirà così da apri pista ai futuri progetti che verranno basati sul portfolio della Classic Media.

Fonti prnewswire,Deadline


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

L’Unione Europea vorrebbe limitare la presenza di film e serie UK in streaming 23 Giugno 2021 - 14:45

Una "seconda Brexit" sarebbe in lavorazione presso l'UE, secondo cui l'ampia disponibilità di contenuti britannici on demand ostacolerebbe la varietà culturale dei prodotti europei

Black Widow – Una nuova featurette dedicata all’azione 23 Giugno 2021 - 14:00

Scopriamo l'azione di Black Widow grazie a una nuova featurette che include anche immagini dal backstage. L'uscita è attesa per il 7 luglio nelle sale italiane.

Da John Wick a Io sono nessuno, la rinascita del cinema action 23 Giugno 2021 - 13:00

Il primo luglio arriverà nelle sale l'action con Bob Odenkirk. Ma come siamo arrivati a questa nuova era del cinema d'azione?

Ewoks, (maledetti) Ewoks ovunque 22 Giugno 2021 - 9:56

La storia degli Ewoks di Star Wars, quei maledetti orsacchiotti tanto amati da George Lucas, che sono sbarcati in massa - con film e serie animata - su Disney+.

800 eroi e il successo delle Termopili cinesi 18 Giugno 2021 - 10:00

800 eroi, il film di guerra che racconta una fase particolarmente sanguinosa - e surreale - della battaglia di Shanghai. La morte per una speranza, in mezzo agli stranieri che fanno da pubblico.

Loki: ma quindi chi è la Variante e perché è così importante? 17 Giugno 2021 - 17:01

Chi è realmente il personaggio che appare nel secondo episodio di Loki? (Spoiler alert, ovvio)