L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Walking Dead – Glen Mazzara dà nuovi dettagli sul villain della terza stagione

Di Valentina Torlaschi

In una nuova intervista a The Wrap, lo showrunner di The Walking Dead Glen Mazzara ha rivelato quello che ci si deve aspettare dalla terza serie in arrivo puntando l’attenzione sull’aspetto più interessante dei nuovi episodi: il nuovo villan chiamato il Governatore e interpretato da David Morrissey (Doctor Who). Un personaggio che secondo Mazzara è destinato ad avere un lungo arco narrativo:

Questo personaggio farà una sorprendente apparizione. Non voglio rivelare troppo ma posso dire che il pubblico sarà certamente pronto al suo arrivo. E non si dovrà attendere molto!

The Rise of the Governor, il romanzo di Robert Kirkman e Jay Bonansinga, descriveva il personaggio del Governatore sotto una luce più favorevole e positiva rispetto al fumetto. E voi? Lo descriverete come una persona che forse non si riesce a perdonare ma che quantomeno la si può perdonare?

Sì. Non ho letto il romanzo perché non volevo che influenzasse la mia versione televisiva. Per noi l’importante è avere un personaggio complesso, sfaccettato con molte sfumature e livelli di lettura. Non è semplicemente un cattivo deplorevole che commette atti terrificanti a ogni scena. Tutto ciò sarebbe stato troppo fumettoso per noi che invece abbiamo voluto un personaggio che apparisse più reale e umano. Un personaggio costruito e sviluppato il più possibile.

Se si dovesse rimanere fedeli esattamente anche in Tv a quello che succede nel fumetto tra i personaggi del Governatore e quello di Michonne, si assisterebbe allo show davvero brutale. Attenuerete per il piccolo schermo la carica violenta del fumetto? O la espanderete?

Certamente c’è del materiale davvero stimolante nel fumetto e vi posso dire che anche nel nostro show televisivo ci saranno contenuti altrettanto affascinati. E vi posso assicurare che non andremo certo troppo sul leggero! Ma punteremo sulle scene estremo solo quando avrà senso farlo per la serie, non in maniere gratuita. Sicuramente questa vicenda Governatore Michonne-Woodbury-prigione sarà una storia a lungo termine.

QUI potete leggere altre dichiarazioni di Glen Mazzara rilasciate in una precedente intervista. Cosa ne pensate di queste risposte e come credete si evolverà la 3^ stagione di The Walking Dead? Commentate l’articolo e restate su Screenweek ed Episode39 per non perdervi nemmeno un aggiornamento.

Fonte: The Wrap


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

What If…? – Nuovo poster e immagini per la serie animata 29 Luglio 2021 - 10:45

Il nuovo poster di What If...? ritrae Uatu l'Osservatore, mentre Jeffrey Wright parla del suo episodio preferito e dell'emozione che ha provato sentendo la voce di Chadwick Boseman.

Da À l’intérieur a La casa in fondo al lago: l’horror secondo Alexandre Bustillo e Julien Maury 29 Luglio 2021 - 10:00

I registi francesi tornano il 5 agosto con il loro nuovo lavoro, un horror visionario e claustrofobico che predilige la suggestione al gore, e sfoggia set mai visti prima

Bob Odenkirk è “stabile” dopo il collasso sul set di Better Call Saul 29 Luglio 2021 - 8:45

Il figlio e i rappresentanti di Bob Odenkirk comunicano che l'attore è "stabile" e "starà bene" dopo il malore sul set di Better Call Saul.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.