L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Lone Ranger, budget ormai senza controllo e ritardi produttivi?

Di Leotruman

The Lone Ranger Johnny Depp Foto Dal Set 06

Le riprese di The Lone Ranger (Il Ranger Solitario) sono partite lo scorso marzo dopo un’epopea che ci ha appassionati per oltre sei mesi. Il team produttivo composto da Gore Verbinski, recente premio Oscar grazie al film d’animazione Rango, e dal produttore Jerry Bruckheimer, aveva dovuto faticosamente ridurre il mostruoso budget per ottenere il via libera dalla Disney. Si parlò di 275 milioni ridotti a 215 milioni, grazie all’eliminazione di alcune sequenze che facevano grande uso di CGI e altri accorgimenti.

L’Hollywood Reporter riporta però alcuni rumor in arrivo dal set, che fanno “sorridere” visto che la pellicola con Johnny Depp pare sia molto indietro nel calendario delle riprese (si parla di giorni o addirittura settimane), e il ritardo produttivo rischia di riportare il budget della pellicola ai valori iniziali, oltre i 250 milioni di dollari! Come annullare in poche settimane il nuovo piano budget che aveva richiesto mesi per essere realizzato.

A Verbinski è stato chiesto quindi, sempre secondo le fonti dell’HR, di tagliare nuovamente qualche scena in modo da far scendere il budget, e una parziale riscrittura pare sia in corso.

Chi lavora da tempo con il regista pare non sia troppo sorpreso. Verbinski ha spesso sforato il budget delle sue pellicole, come nella saga di Pirati dei Caraibi (150 milioni il primo, 225 il secondo e addirittura 300 milioni il terzo episodio!). Inoltre ci sono molte sequenze ambientate su treni d’epoca e il regista ha preferito farli costruire da zero piuttosto che utilizzare veicoli già esistenti e riadattarli. La produzione è stata inoltre funestata da tempeste di sabbia, che hanno più volte danneggiato sceneggiature e attrezzature, e sfavorevoli condizioni meteorologiche. Rich Ross, licenziato dalla Disney proprio per il fallimento di diverse pellicole live-action, ha lasciato una bella patata bollente al nuovo capo Alan Horn, che inizia a lavorare per la Casa di Topolino proprio da questa settimana.

Le riprese non finiranno ad agosto, come ipotizzato in partenza, ma la pellicola non dovrebbe subire ulteriori slittamenti visto che è già stata spostata a luglio 2013.

A questo punto non resta che fidarci del trio Verbinski-Depp-Bruckheimer: riusciranno a ripetere l’exploit della saga di Pirati dei Caraibi, tra le più redditizie di sempre nonostante i forti dubbi e il rischio flop alla vigilia dell’uscita del primo capitolo?

Fonte: THR


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Al nuovo gusto di ciliegia: nuovo trailer per la serie Netflix con Rosa Salazar 30 Luglio 2021 - 21:15

Creata da Nick Antosca (Antlers), la serie sarà incentrata su una vendetta soprannaturale dagli effetti allucinogeni nella Hollywood anni '90

The Menu: Nicholas Hoult reciterà nella commedia con Anya Taylor-Joy 30 Luglio 2021 - 20:30

Nicholas Hoult reciterà nella commedia thriller The Menu con Anya Taylor-Joy, Ralph Fiennes e Hong Chau.

Jungle Cruise – Tutto ciò che c’è da sapere sul film Disney con The Rock e Emily Blunt 30 Luglio 2021 - 20:00

Jungle Cruise è arrivato dopo le sale anche su Disney+: ecco tutto ciò che c'è da sapere sul film!

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.