L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Il Dittatore rimane in testa, bene Blues Brothers e male Rock of Ages

Di Leotruman

Il Dittatore Sacha Baron Cohen Ben Kingsley John C Reilly foto dal film 01

Diamo un’occhiata agli incassi di ieri della classifica italiana, che vede in testa nuovamente  Il Dittatore, la commedia diretta da Larry Charles e con protagonista Sacha Baron Cohen (Borat, Bruno). Altri 110mila euro incassati dal film, per un totale che in sei giorni sfiora il milione di euro. Riuscirà a rimanere in testa anche nel prossimo fine settimana? È probabile considerando lo scarso risultato delle altre nuove uscite.

Si è posizionato invece in seconda posizione The Blues Brothersclassico diretto da John Landis tornato nei nostri cinema in una versione digitale restaurata. Nelle sale (175) verrà proiettato per due giorni soltanto, 20 e 21 giugno, e nella prima di queste due giornate speciali sono stati incassati quasi 71mila euro. Stabile in terza posizione un’altra riedizione, La Bella e la Bestia 3D, anche in questo caso riedizione nelle sale del classico animato Disney, che ha aggiunto altri 32mila euro per un totale di 322mila euro.

Incassi deboli per le nuove uscite, tanto da chiedersi se abbia davvero senso un’uscita nella giornata del mercoledì per pellicole di non particolare richiamo (basti vedere anche Men in Black 3, che nonostante gli ottimi incassi nel weekend esordì timidamente il mercoledì).

In quarta posizione troviamo Chernobyl Diaries – La mutazione, l’horror diretto dall’esordiente Brad Parker e prodotto da Oren Peli, il regista di Paranormal Activity. Con circa 200 copie a disposizione ha incassato circa 28mila euro. Peggio addirittura Rock of Ages, il film diretto dal regista Adam Shankman e ispirato all’omonimo musical di Broadway, che vanta tra i protagonisti anche Tom Cruise: oltre 300 schermi a disposizione ma solo 26mila euro incassati (4400 spettatori!). Ci si aspetta che entrambe le pellicole ingranino una marcia diversa a partire da venerdì.

Proseguendo troviamo Men in Black 3 con 22mila euro (5.8 milioni), Project X con 21mila euro (finalmente ha superato il milione), Lorax con 14mila (1.5 milioni) e Paura con 12mila euro in oltre 200 schermi (120mila euro in una settimana, 16mila spettatori).

Cosa succederà nel weekend? Fate la vostra previsione nel round della Box Office Cup!

Cliccate MI PIACE sulla nostra pagina Facebook: troverete aggiornamenti costanti sugli incassi nei prossimi, come sempre anche nella nostra sezione dedicata al Boxoffice e sulla bacheca della nostra Box Office Cup!


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli: I character poster italiani 5 Agosto 2021 - 21:45

Shang-Chi, il Mandarino e il misterioso Death Dealer nei nuovi poster di Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli in arrivo nelle sale italiane il 1° settembre

Bruised: Il film diretto da Halle Berry su Netflix il 24 novembre 5 Agosto 2021 - 21:00

L'opera prima da regista di Halle Berry, Bruised, sarà disponibile in tutto il mondo su Netflix il 24 novembre. Nuova immagine

The Lost Daughter: il film di Maggie Gyllenhaal andrà su Netflix in USA 5 Agosto 2021 - 20:15

Il film, tratto da La figlia oscura di Elena Ferrante, sarà presentato in concorso a Venezia, e distribuito in Italia da BIM

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.