L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Delitti in paradiso, il commento al nuovo giallo di FoxCrime

Delitti in paradiso, il commento al nuovo giallo di FoxCrime

Di emanuele.r

Estate, spiaggia e gialli. Sembra un connubio inossidabile, soprattutto in letteratura. Ma evidentemente è così anche in tv: lo conferma FoxCrime che da qualche giorno manda in onda – ogni lunedì alle 21.55 – Delitti in paradiso (Death in Paradise è il titolo originale), serie crime creata da Robert Thorogood per BBC One che su una spiaggia è ambientata.

O meglio, in un’isola caraibica dove il poliziotto britannico Richard Poole viene inviato per indagare sull’omicidio del capo della polizia locale. Scopre corruzione e traffici di uomini, ma soprattutto che la sua attitudine pignola non è fatta per i tropici, anche se i suoi superiori non sono di questo avviso.

Il pilot Un omicidio impossibile, scritto dal creatore e diretto da Charlie Palmer, getta le basi per una serie di stampo classico e tradizionale, costruita secondo le regole del classico whodunit (chi è l’assassino?) condendola con ironia puramente inglese.

Il cuore della serie infatti è nel contrasto tra l’attitudine e i modi ingessati del protagonista, che risponde perfettamente alla definizione di “tipico inglese” che dà il sergente Thomson per prenderlo in giro, e l’ambiente caraibico, non solo per il clima bollente e umido che male si lega all’immancabile tenuta giacca e cravatta, ma anche per l’atteggiamento rilassato e lassista dei colleghi, per la difficoltà delle procedure in un luogo senza strutture, in cui le prove per le analisi forensi vanno spedite in un’altra isola di un’altra nazione.

A Poole quindi non resta che affidarsi al proprio intuito, alla meticolosità delle sue indagini, come ogni detective che si rispetti, che non può farsi mancare il gran finale à la Agatha Christie in cui l’investigatore riunisce tutti gli indiziati per svelare la soluzione: fa gioco alla riuscita del personaggio che l’attore Ben Miller abbia un passato da commediante, rendendo azzeccatissimo il distacco tra la maschera impassibile e l’aria di festa.

Delitti in paradiso – benché in patria sia andato in onda a ottobre e sia stato confermato per una seconda stagione – riesce quindi nel non difficile intento di porsi come perfetto passatempo estivo: intrighi e relax conditi da bravi attori con i visi noti (Rupert Graves, Lenora Crichlow) a cercare di non rendere evidente il fatto che potrebbero essere loro i colpevoli. A evitare questo ci pensano però gli autori, che scrivono una sceneggiatura come il dio del giallo comanda piazzando un paio di notevoli colpi di scena. A tutto il resto pensa il mare e la sabbia dorata dei Caraibi.

Voi seguite Delitti in paradiso e cosa ne pensate?  Commentate in basso l’articolo e restate su Screenweek ed Episode39 per aggiornamenti e commenti sulle serie tv.

 

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Fast & Furious 9: riprese sospese dopo che uno stuntman è rimasto ferito 22 Luglio 2019 - 21:15

L'uomo ha riportato una lesione alla testa dopo una caduta

Caterina la Grande: nuovo trailer per la miniserie con Helen Mirren 22 Luglio 2019 - 21:00

La co-produzione tra HBO e Sky dovrebbe arrivare in autunno

Il Signore degli Anelli – Markella Kavenagh in trattative per lo show di Amazon 22 Luglio 2019 - 20:56

Markella Kavenagh è in trattative per una parte nello show di Amazon sul Signore degli Anelli, ambientato durante la seconda Era

Giochi stellari – The Last Starfighter (FantaDoc) 18 Luglio 2019 - 16:23

Congratulazioni, Starfighter! Sei stato reclutato dalla Lega Stellare per leggere questo articolo sulla storia del film, nato... come seguito spirituale de La spada nella roccia? Eh?!

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Party of Five (Cinque in famiglia) 17 Luglio 2019 - 16:19

Le mille sfighe di Party of Five, la serie nata come surrogato di Beverly Hills 90210 e trasformatasi nel "miglior show che non avete visto".

7 cose che forse non sapevate su Gigi la Trottola 16 Luglio 2019 - 15:58

Le esilaranti avventure del campionissimo sotto il metro nato perché hanno imposto al suo autore di inventarsi una storia comica sul basket. I crossover con Star Wars, l'Uomo Tigre e tutto il resto, e la storia di... Ciccio Terremoto?