L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Ciné 2012, Fandango presenta Ciprì, Nicchiarelli, Johnny To e Sion Sono

Di emanuele.r

A volte bisogna avere il coraggio di usare le proprie caratteristiche come bandiere e marciare controcorrente: se Lucky Red cerca di guardare a un pubblico più massificato, alle giornate estive di cinema Fandango ha messo in campo un listino forse difficile ma di sicuro fedele al proprio credo e al proprio pubblico puntando più sugli autori e precise idee di cinema che su film per un pubblico generalista.

Una scommessa forse coraggiosa, in tempi di crisi – e limitandosi solo al box-office – ma che ci sentiamo di sottoscrivere: perché il bel cinema e i grandi registi, anche se non popolari, non devono conoscere crisi. E anche al livello produttivo, la società di Domenico Procacci realizzerà 3 dei film italiani più interessanti. Ma entriamo nel dettaglio del listino Fandango.

E’ STATO IL FIGLIO: esordio da solista di Daniele Ciprì (della premiata ditta Ciprì e Maresco) con Toni Servillo nei panni di un capofamiglia la cui vita è sconvolta da uno strano omicidio. Grottesco e bizzarro, come lecito aspettarsi, potrebbe essere in concorso tra Roma e Venezia.

LA SCOPERTA DELL’ALBA: ispirata all’omonimo libro di Walter Veltroni, una sorta di giallo fiabesco con tocchi fantasy decisamente insolito nel panorama italiano. Più popolari le scelte di Margherita Buy e Sergio Rubini nel cast. Intrigante.

CAFE’ DE FLORE: già presentato alla scorsa mostra di Venezia, il nuovo film di Jean-Marc Vallée vede protagonista una sorprendente Vanessa Paradis. Se ne dice un gran bene in giro e promette cose notevoli.

NINA: l’esordio alla regia di Elisa Fuksas, figlia dell’architetto più famoso d’Italia, sembra un film intimo in una Roma deserta e assolata, tra le geometrie dell’Eur. Lo sguardo c’è, speriamo acnhe il resto.

LIFE WITHOUT PRINCIPLE: in concorso anche questo a Venezia, il nuovo film di Johnnie To racconta il crollo delle banche come un thriller. Stile a pacchi, ma anche un cervello pensante per uno dei maggiori registi di Hong Kong.

LA FAIDA: dramma familiare dalle tinte fortissime, diretto dal Joshua Marston di Maria Full of Grace, che ha vinto l’orso per la sceneggiatura a Berlino. In gara come sorpresa dell’anno.

HIMIZU: altro acquisto orientale dalla scorsa Mostra, il film di Sion Sono ha vinto il premio per l’attrice emergente raccontando una storia di formazione giovanile dai tratti grotteschi e sorprendenti. Coraggiosi nel distribuirlo.

LA MONTAGNA: forse il film più debole del lotto, con Sergio Rubini tra gli interpreti in una storia di guerra e amicizia diretta da Vicente Ferraz.

THE KING IS DEAD: vicini pericolosi e violenti nel western suburbano di Rolf De Heer. Il trailer promette emozioni viscerali come d’abitudine per il regista australiano, tra immagini estreme e velo d’ironia.

Se volete conoscere anche le altre novità presentate a Riccione, restate sermpe su Screenweek.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Black Widow: Scarlett Johansson ha fatto causa alla Disney per l’uscita streaming 30 Luglio 2021 - 11:05

La star ha accusato Marvel di aver violato un contratto che prevedeva un'uscita esclusiva nelle sale e una percentuale sugli incassi. Ma Disney non ci sta

Box Office Italia: Jungle Cruise supera i 200 mila euro 30 Luglio 2021 - 10:30

Nel suo secondo giorno nelle sale italiane, il film Disney ha mantenuto la prima posizione, seguito da Le due torri e Old

What If…? – Uno spot ricco di scene inedite per la serie animata Marvel 30 Luglio 2021 - 9:45

Le realtà alternative del multiverso Marvel nel nuovo spot di What If...?, serie animata dei Marvel Studios che debutterà l'11 agosto su Disney+.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.