Condividi su

05 maggio 2012 • 15:30 • Scritto da emanuele.r

The River, il commento al finale

La serie horror di Oren Peli e Michael Perry, prodotta da Steven Spielberg, si è da poco conclusa tanto in America quanto su Sky Uno. Purtroppo non ha mantenuto le promesse dell'episodio pilota e l'ultima puntata ha lasciato più di un dubbio sull'orrore in televisione.
Post Image
0

The River 1x08 Emmet Promo 15

La mid-season americana ha portato con sé una delle serie più curiose e attese del 2012, The River, creata dall’Oren Peli di Paranormal Activity e da Michael Perry, che ha portato su ABC il sistema di ripresa da mockumentary in soggettiva che ha invaso il cinema dell’orrore negli ultimi anni. E che dal pilot sembrava perfetto per il piccolo schermo. Ma stando a questo finale (probabilmente di serie) qualcosa non ha funzionato.

In Row Row Row Your Boat (dal titolo della canzoncina che i due fratelli si cantavano da piccoli), la ciurma deve fare i conti con il ritrovamento di Emmet vivo, con tutti i segreti magici che visto nel frattempo. Ma anche, se non soprattutto, con un proiettile che uccide il figlio Lincoln. Chi l’ha ucciso? E come risolvere la situazione?

The River 1x08 Emilio Clark Emmet Lincoln Lena Tess Promo 05

Scritto da Aron Eli Coleite, Michael Green e Zack Estrin e diretto da Gary Fleder, questo finale parte con il giallo classico – chi ha sparato a Lincoln? – per arrivare a una sorta di nuova versione dell‘Esorcista in cui arriva (quasi) a compimento la discesa nell’inferno della ciurma e allo stesso tempo il viaggio al confine tra il nuovo e il vecchio horror.

Infatti, se già lo spettatore si trova spiazzato dal ritorno di Emmet, trovato miracolosamente vivo, attratto da tutta la magia che ‘è nella giungla amazzonica, il primo quarto d’ora dell’episodio lo mette di fronte a due svolte pesanti: la prima è appunto il proiettile fantasma che uccide Lincoln. Ma ancora più difficile è credere all’esortazione di Emmet, che durante la sua sparizione ha appreso molto dei rituali del luogo, a evocare il “dio di tutti i demoni” per salvare il figlio. Che risorge, chiaramente. Ma posseduto da questo dio che lo esorta a fare piazza pulita di tutta la nave. E allora bisogna esorcizzarlo, causando però una guerra con il demonio in quanto tale.

The River 1x08 Emmet Lena Lincoln Promo 21

“Darò a tutti un lieto fine” dichiara il montatore a inizio episodio, come consapevole della chiusura degli 8 episodi, ma non ci riesce: perché l’horror “moderno” pretende un finale a sorpresa, che più che mai in tv possa far venire voglia di un seguito, che probabilmente non ci sarà mai. In questo caso, il dio dichiara guerra e accoglie la nave che sta per tornare a casa facendo trasformare il fiume e il bosco circostante in una trappola mortale. E’ uno dei non pochi trucchetti e manierismi che Peli e soci hanno utilizzato per questo episodio, che rovina la sensazione di una serie che poteva rinnovare l’orrore sul piccolo adattando in modo saggio e teso le tendenze del grande. Trucchetti che funzionano, ma che non sorprendono né spaventano, e soprattutto che danno una sensazione di resa degli autori a un progetto sfortunato (i buchi dei personaggi ne sono la prova), che loro stessi però non hanno fatto molto per migliorare.

Che cosa ne pensate di The River e del suo finale? Commentate questo articolo e restate su Episode39 e Screenweek per tutti i commenti e gli approfondimenti dalle serie tv.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *