L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Missing, commento alla serie in onda su Fox con Ashley Judd

Di emanuele.r

Se c’è una cosa che spesso manca alle serie ABC è l’azione: anche i prodotti più di genere, come polizieschi o thriller, di solito sono abbastanza statici. Deve essere sembrato perciò una specie di trascinante esperimento Missing, la serie che ABC ha lanciato in midseason qualche mese fa e che dal 30 aprile stiamo seguendo in Italia su Fox. Ma quell’esperimento non ha dato i frutti sperati e la serie è stata chiusa dopo una decina di episodi.

La serie vede protagonista Becca Winstone, mamma e fioraia che 10 anni dopo la morte del marito in un’esplosione manda il figlio a studiare a Roma con qualche paturnia. E ha ragione, dato che il figlio è rapito. Becca giunge quindi a Roma intenta a trovare il figlio e può farlo in virtù di un segreto: prima dei fiori, era un’agente della CIA.

Creata da Gregory Poirier (sceneggiatore del Mistero delle pagine perdute) col pilot diretto da Steve Shill, Missing potrebbe essere il remake in chiave femminile di Io vi troverò, con la bella Ashley Judd al posto del granitico Liam Neeson, molto meno razzismo ma anche molta più approssimazione.

Al cocktail aggiungiamo un pizzico di Jason Bourne e avremo il quadro completo di una serie completamente derivativa che però, per i suoi 10 episodi, avrebbe potuto anche dare allo spettatore piacevole e adrenalinico intrattenimento. Ci sono le scazzottate, le sparatorie, gli inseguimenti in motorino o auto, e poi gli intrighi, i segreti e i doppi giochi, per non parlare dei trasferimenti lungo mezza Europa che fanno così spy story.

Ingredienti perfetti per un thriller d’azione senza una sbavatura: eppure Missing non funziona quasi mai, perché l’intreccio si dipana in modo troppo facile e troppo complicato, porta lo spettatore a perdersi dentro e poi risolve tutto in modo troppo semplice (vedere per credere come Becca scopre la targa del furgone che ha rapito il figlio) e perché la fattura è scadente, come dimostrano i numerosi fondali e trasparenti digitali fatti come in un B-Movie anni ’90, in cui Roma, Parigi e le altre città sono lasciate sullo sfondo mentre i personaggi camminano negli studios USA.

Dispiace per Judd in gran forma e per Adriano Giannini che in un ruolo che porta il nome del padre, Giancarlo, non se la cava male. E poi, Sean Bean che muore (pensa un po’) al 3° minuto del pilot dopo 2, dico 2, scene. Non parliamo poi della disonestà di quei cliffhanger in cui lei sembra morta ma è evidente che non può esserlo. Missing è un prodotto da dimenticare o da prendere se si è in cerca di qualcosa per lavare i piatti che non sia Porta a porta.

E voi avete visto Missing? Che cosa ne pensate? Commentate l’articolo qui sotto e restate su Screenweek ed Episode39 per i commenti e gli approfondimenti sulle serie tv.

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Yuri!!! on Ice the Movie: Ice Adolescence a sorpresa il teaser trailer online, update sulla produzione 26 Novembre 2020 - 11:50

Dopo un anno arriva online il teaser trailer di Yuri!!! on Ice the Movie: Ice Adolescence, la pellicola è ancora in fase di produzione

Thanksgiving Day: 5 film per il Giorno del Ringraziamento (più la Festa del Grazie di Boris) 26 Novembre 2020 - 11:47

Il quarto giovedì di novembre negli Stati Uniti è un giorno molto speciale: è il Thanksgiving Day, il Giorno del Ringraziamento. Ecco cinque film per l'occasione, più la "Festa del Grazie" di Boris.

Time: il documentario di Garrett Bradley disponibile gratis su YouTube 26 Novembre 2020 - 11:30

Amazon Prime Video ha caricato su YouTube e ha reso disponibile gratis per tutti il documentario Time, prodotto e diretto da Garrett Bradley.

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?