L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Love & Secrets, la recensione in anteprima

Di Leotruman

Love & Secrets Kirsten Dunst Ryan Gosling foto dal film 6

LA RECENSIONE CONTIENE SPOILER SULLA TRAMA DEL FILM

Per la serie “meglio tardi che mai”, ecco arrivare a due anni e mezzo dall’uscita americana Love & Secrets (in originale All Good Things), pellicola diretta da Andrew Jarecki, regista dell’acclamato Una Storia Americana (venne pure candidato all’Oscar nella categoria dei documentari). La popolarità crescente di Ryan Gosling ha permesso di rispolverare questa cupa pellicola tratta da un fatto di cronaca avvenuto negli anni ’80.

Il film è infatti ispirato alla storia di Robert Durst, rampollo di una dinastia immobiliare che venne accusato dell’omicidio della moglie e di altre crimini. Il fatto non venne mai provato e Durst è attualmente a piede libero, ricco e tormentato. Il cognome Durst è stato cambiato in Marks nella pellicola, ed è Gosling a prestare il volto all’inquietante protagonista.

All’inizio ci viene presentato il protagonista in età ormai matura (sessant’enne), un Ryan Gosling perfettamente invecchiato con un trucco molto convincente e ben lontano dai difetti di J.Edgar. Sta parlando nuovamente ad una giuria prima di essere completamente prosciolto, e il suo volto rovinato dal tempo e dalle sue sofferenze viene riproposto diverse volte durante la pellicola.

Si passa poi al solare principio, a come Marks conobbe la sua splendida moglie (Kirsten Dunst). Amore a prima vista, e nel giro di poco tempo vanno a vivere insieme. La relazione viene tollerata a fatica dal patriarca della famiglia Marks (il candidato all’Oscar Frank Langella), al quale interessa solamente una cosa: che il figlio continui a lavorare per lui e porti avanti l’impero immobiliare (detengono infatti interi quartieri a Manhattan). Il figlio decide a sorpresa di rinnegare tutto e va a vivere nel Vermont insieme alla moglie aprendo un negozio di alimenti biologici che si chiama appunto All Goods Things, solo cose buone. Quando gli affari iniziano ad andare male, David è costretto a ritornare in città iniziando a lavorare svogliatamente per il padre.

Da quel momento nulla sarà più lo stesso: nonostante l’accondiscendenza della moglie in ogni aspetto della sua vita, l’inquietudine di David lo porta a compiere scatti di ira, violenze sulla moglie e altri raptus che confermano una natura psichiatrica del problema, ben più grave di quello che appare. La moglie proverà a lasciarlo, ma scompare improvvisamente proprio come successe nel 1982 alla famiglia Durst.

Diversi gli elementi positivi di questo noir, purtroppo non sufficienti a garantire la sua completa riuscita. La fotografia è cupa e la pellicola lascia un profondo senso di sporco e disagio al suo termine. Ottime le trasformazioni fisiche e le interpretazioni: Langella è una colonna portante, ma è la Dunst a rivelarsi una conferma dopo la saga di Spider-Man nel non semplice ruolo di donna che impercettibilmente perde il sorriso fino a ritrovarsi sull’orlo della disperazione.

Se non apprezzerete Ryan Gosling è probabilmente perché il personaggio che interpreta è un vero farabutto, detestabile sotto ogni aspetto. La pietà che si prova verso un ragazzo che non ha potuto seguire i suoi sogni a causa di un padre eccessivamente prepotente lascia spazio solo al disprezzo nella sua spirale discendente verso una lucida follia. Adesso il vero SPOILER se non sapete nulla di questo fatto di cronaca.

Love & Secrets Ryan Gosling foto dal film 3

Shock totale quando verso il finale compare l’attore in versione Norman Bates! David infatti si veste da donna non perché una latente omosessualità improvvisamente viene espressa, ma proprio perché la sua follia lo porta a scegliere di vestirsi come abiti femminili per non attirare l’attenzione, trasferendosi in un piccolo ed anonimo centro del Texas, e finendo per fare amicizia con un altro bel soggetto (Philip Baker Hall), complice nel suo ultimo crimine.

Forse lo scopo della pellicola è lasciare un profondo senso di disagio sul finale, anche se pare più giocare sul travestitismo di Gosling che su una reale conclusione che soddisfi lo spettatore visto il ritmo discontinuo e un climax interrotto troppe volte. Probabilmente è un film da rivedere e da osservare sotto altre ottiche per apprezzarlo maggiormente.

Voto: 6

Love & Secrets uscirà venerdì nelle sale italiane. Cliccate sul riquadro sottostante per i materiali della pellicola.

Cinema chiusi, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Stand: la serie tratta da Stephen King dal 3 gennaio su Starzplay 3 Dicembre 2020 - 15:13

The Stand, la serie basata sull’omonimo romanzo di Stephen King, sarà disponibile nel nostro territorio su Starzplay a partire dal 3 gennaio.

Arriva un terzo Monolito: dopo Utah e Romania, è il turno della California 3 Dicembre 2020 - 14:43

Non c’è due senza tre e il pensiero continua ad andare lì, a 2001: Odissea nello spazio. È stato avvistato un terzo monolito: dopo Utah e Romania, è il turno della California.

Obi-Wan, le riprese della serie per Disney+ cominceranno presto 3 Dicembre 2020 - 14:00

Pare che le riprese di Obi-Wan, miniserie con Ewan McGregor dedicata al celebre Cavaliere Jedi, cominceranno prima del previsto.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.